A Bologna dal 28 giugno al 23 luglio avrà luogo il Festival Etica, incentrato sull’ambiente, la solidarietà, l’importanza dell’accoglienza e la responsabilità civile. Ventuno serate organizzate al Pilastro, una periferia lontana dal centro cittadino, per includere chiunque, senza favoritismi.

Il Festival che durerà fino al 23 luglio, suddiviso in più appuntamenti, è promosso da diverse realtà: ricordiamo Arci, Cgil, Legambiente, Alchemilla, Anpi, Emergency, Libera, Legambiente, Il Manifesto in rete, Comitato Io Lotto, Gasbo, Cefa ed EmilBanca. Le iniziative si svolgeranno negli spazi del circolo La Fattoria e della nuova pizzeria etica Masaniello.

Un esperimento culturale il cui scopo è costruire relazioni, rilanciare la responsabilità, sensibilizzare l’opinione pubblica sulle tematiche affrontate. Il presidente dell’Arci Bologna Stefano Brugnara ha infatti affermato che l’iniziativa vuole favorire “lo spirito collettivo e di costruzione, la volontà di rilanciare la responsabilità e il protagonismo di realtà come le nostre e soprattutto di costruire relazioni”, proseguendo, “Quello che abbiamo aperto e’ un po’ un cantiere, so che si tratta di un’immagine un po’ abusata ma in questo caso rende davvero bene l’idea”.

Festival Etica

Tra gli eventi previsti molti riguarderanno i migranti, basti pensare per esempio all’iniziativa organizzata con Cgil il 20 luglio, incentrata sulla campagna “Ero straniero” per la legge dello Ius Soli.

Anche se non sono previsti  molti nomi di rappresentanti politici, il presidente di Arci ha spiegato: “Nessuna preclusione e nessuna volonta’ di escludere, ma la priorita’ e’ per la politica dal basso che ognuna delle nostre realta’ fa”, mentre il presidente del circolo La Fattoria, Simone Spatarlo, ha precisato: “Esponenti politici non sono stati invitati ma saranno tutti benvenuti. Tutti o quasi, perche’ un orizzonte politico c’e’ comunque“.

Tuttavia la politica sarà un tema costante degli appuntamenti e il 7 luglio presenzierà anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris per parlare di municipi, crisi dei partiti, rappresentanze e argomenti attinenti.

Previste anche serate sulla famosa Emergency, la finanza etica, la strage della stazione di Bologna, e ci saranno anche molte occasioni per ascoltare musica dal vivo.

Tutti gli appuntamenti da non perdere di Etica

 

Il 27 giugno, anteprima dell’evento, sarà dedicato alla strage di Bologna, con proiezione del documentario “Vengo a prenderti”.

L’1 luglio si parte con la proiezione di “Vita e Avventure del Signor di Bric à Brac” e un intervento sul bilancio e gli impegni futuri dell’Associazione Manifesta in Rete.

Il 2 luglio si parlerà di nuovi stili di vita e di economia, mettendo a confronto esperienze italiane e internazionali.

Il 4 luglio ci sarà la possibilità di partecipare a performance teatrali e vedere la videoinchiesta “Le Catene della distribuzione”.

Il 5 e il 6 luglio saranno dedicati ad Emergency con un aperitivo musicale, un concerto e la proiezione di “Storie di una pallottola”.

Il 7 luglio si parletà insieme a L. De Magistris sindaco di Napoli e Marco Revelli dei municipi, delle cosiddette città ribelli e di crisi nei partiti.

L’8 luglio si potrà partecipare alla presentazione de “L’enigma dell’ottobre 1917 mentre il 9 luglio verrà presentato il libro “L’arte della sconfitta” insieme all’autore. Di sera musica con Zulu dei 99 Posse.

L’11 luglio un altro libro terrà compagnia ai partecipanti, “Io che conosco il tuo cuore”, seguito dal concerto del coro de “Le delizie armoniche”.

Il 12 luglio si parlerà di finanza etica ed economia sociale ma anche di valorizzazione del territorio e della comunità.
Il 13 luglio ritorna Emergency con “Una geografia di guerra”, segue lo spettacolo teatrale “Stupidorisiko”.

Il 14 luglio appuntamento con le Ecomafie e l’incontro con E. Fontana e Don Praticiello su come “Decontaminare i territori dai traffici di veleni e dall’illegalità”.

Il 15 luglio protagonisti saranno le migrazioni e gli interessi della mafia mentre il 16 luglio si terrà un concerto a sorpresa.

Il 18 luglio verrà presentata la ostra fotografica “Tana libera tutti” di Livia Tassinari sul popolo Saharawi.

Il 19 luglio l’appuntamento sarà incentrato su Paolo Borsellino per non dimenticare mentre il 20 luglio sarà possibile partecipare a una passeggiata musicali e alla presentazione della campagna culturale “Ero Straniero”. Di serà verrà invece proiettato “Hummus! The movie” di Oren Rosenfeld.

Il 21 luglio si prosegue con cittadinanza attiva, aperitivi e concerti mentre il 22 luglio sarà possibile scoprire curiosità sui Circoli Arci.

Il 23 luglio allieteranno la serata i Voodoo Sound Club.

 

Laura De Rosa

mirabilinto.com

LEGGI ANCHE

-> Festival musicali: i migliori dell’estate 2017

-> Festival Olistici e Fantasy della primavera estate 2017