Primo piano
Rassegna Etica

L'importanza di avere qualcuno accanto nei momenti bui

Di Valeria Bonora - 22 Maggio 2017

Ci sono dei momenti durante la nostra vita in cui tutto va a rotoli, nessun programma fila come lo avevamo deciso, succedono cose inaspettate, ogni decisione sembra quella sbagliata, accade di tutto e tutto negativo; insomma sono quei momenti in cui ti chiedi se ce la farò mai ad uscirne… la classica luce in fondo al tunnel è lontana e non se ne vede l’uscita.
In questi momenti la terra inizia a franare sotto i piedi, e si cade in una rapida ed inesorabile discesa verso il basso… verso l’indefinito… ed è proprio qui che vorremmo avere una mano da afferrare, qualcuno che fermi o almeno rallenti la nostra caduta.
momenti bui
Vorremmo trovare qualcuno disposto ad abbracciarci e dirci che va tutto bene, che lui o lei è lì per noi, e solo per noi farà quello di cui abbiamo bisogno.
 
Alla fine queste “cadute”, questi momenti bui, si possono riassumere con una parola molto semplice: Solitudine.
A volte succede di sentirsi soli in mezzo ad una folla di gente, ma nessuna di queste persone accanto a noi è “connessa” con noi, nessuno che capisca e provi le nostre emozioni quando le proviamo noi, ma quando troviamo in mezzo a questa gente quella importante allora cambia tutto e non ci sentiamo più vuoti o circondati da vibrazioni prive di significato.
 
Altre volte la solitudine arriva quando i nostri limiti sono messi alla prova, ci vediamo lottare con le unghie e coi denti per qualcosa a cui teniamo, un progetto o un’ideologia… e nel corso di questa scalata verso la vetta del nostro obiettivo, così concentrati e indaffarati, perdiamo per strada delle persone quelle che difficilmente comprendono quello che stiamo facendo o che per lo meno noi pensiamo non possano comprenderlo… ma potrebbero stupirci se solo ci fermassimo a spiegare.
momenti bui
E poi ci sono quelle volte in cui, mentre cadiamo nella gola dei nostri momenti bui, non riusciamo a vedere le mani tese ad aiutarci, questa è la solitudine peggiore, quella che percepiamo più forte perché veramente non vediamo nessuno e nessuna uscita.
In questo momento quando stiamo cadendo sempre più in basso e non vediamo più la luce, tratteniamo il respiro e chiudiamo gli occhi, in questo preciso momento ci chiediamo se la vedremo nuovamente, se riusciremo di nuovo a risalire in superficie e finalmente una mano ci afferra, frenando la nostra caduta.
momenti bui
Solo quando troviamo una mano che ci aiuta e che ci fa sentire importanti possiamo ricominciare a salire, e la mano la possiamo trovare solo se siamo disposti a trovarla se accogliamo qualcun altro nella nostra vita che sia in grado di farci sentire importanti; è fondamentale dire basta alla solitudine e trovare qualcuno disposto ad aiutarci a venirne fuori, e noi dobbiamo cercare di far comprendere i nostri problemi e condividerli, solo così sarà veramente importante avere qualcuno accanto nei momenti bui.
Articolo scritto da Valeria Bonoravaleria2174.wix.com
 
 





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)