Sono sempre stata affascinata dai cimiteri e anni fa un’amica mi regalò una guida alquanto bizzarra per scovare i più belli d’Europa. Da allora ne ho visitati parecchi perché in ogni viaggio, puntualmente, mi facevo portare nei cimiteri locali più significativi. Vi posso assicurare che se ne vedono delle belle e che, in alcuni casi, ci si ritrova davanti ad opere di notevole valore artistico.

Credo che la Romania sia il paese in cui ne ho visitati il maggior numero, passando da quelli monumentali ai cimiteri paesani, che sinceramente sono anche i miei preferiti. Croci di legno dipinte a mano, qualche fiore, lapidi basse senza fronzoli e il mistero è servito. In Polonia mi colpirono soprattutto le lapidi dei rom, rigorosamente in marmo scuro, abbellite da gigantografie del defunto e talvolta da candele con suoneria incorporata, tanto per movimentare l’atmosfera. Essendo attratta dal grottesco, trovate simili, per quanto pacchiane, mi hanno sempre divertita un mondo. Detto questo, di cimiteri davvero belli in giro per il mondo ce ne sono moltissimi e non vedo perché escluderli come mete da visitare visto che, in fondo, sono parte integrante della realtà locale. E per evitare di averne timore, è sufficiente visitarli nelle ore di luce.

Cimitero Allegro, Romania

cimitero-vesel
Il cimitero allegro, o Cimitirul Vesel, situato nella regione romena del Maramures è uno dei più famosi al mondo. Lo ospita il paese di Sapanta, nel nord-ovest del paese, ed è conosciuto per le oltre 800 croci in legno di quercia dipinte con disegni vivaci. Il cimitero venne iniziato verso la metà degli anni 30′ da Stan Ioan Pătraş, che volle dedicare a ogni defunto un disegno a tema arricchito da frasi descrittive dal tono ironico. Il defunto è quindi raffigurato in uno dei suoi atteggiamenti tipici e accompagnato da una poesia satirica.

Cimitero di Highgate

cimitero-di-highgate
Si dice sia un cimitero maledetto poiché nel corso del tempo furono avvistati spiriti e addirittura vampiri. E le atmosfere che lo caratterizzano confermano la strana ipotesi visto che l’architettura è dichiaratamente gotica. Il cimitero venne realizzato da Stephen Geary a nord di Londra, nel 1839, e da subito molte famiglie aristocratiche di epoca vittoriana lo elessero a cimitero preferito. Nell’ala ovest, quella più misteriosa visitabile solo su prenotazione, sono sepolti Karl Marx, Michael Faraday e William Friese-Greene.

Zentralfriedhof, Vienna

Zentralfriedhof
Il cimitero Zentralfriedhof di Vienna si trova nel sud della capitale nel quartiere Simmering ed è suddiviso in aree diverse a seconda della religione di appartenenza dei defunti. Qui sono sepolti Beethoven, Schubert, Brahams e gli Strauss.

Cimitero Skogskyrkogården di Stoccolma

Cimitero-Skogskyrkogården
In Svezia c’è un cimitero situato nel bosco di Enskede che viene definito una delle opere moderniste più grandiose al mondo, tanto da essere stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. L’aspetto che colpisce maggiormente è il sapiente connubio di vita e morte, natura e architettura. Vi è sepolta Greta Garbo.

Cimitero Pere Lachaise, Parigi

Cimitero-pere-lachaise-parigi
Père-Lachaise è uno dei cimiteri più noti al mondo, merito anche dei personaggi famosi ivi sepolti come Jim Morrison, Oscar Wilde, Delacroix. Il cimitero è visitato da moltissimi turisti e assomiglia a un parco vero e proprio, tant’è che in molti si fermano qui per trascorrere qualche ora in solitudine. Ospita 70.000 tombre e uno spazio di 43 ettari.

Cimitero di Luarca, Asturie, Spagna

luarca-cimitero
www.minube.com

Collocato al largo della costa asturiana, questo cimitero spagnolo è famoso soprattutto per il magnifico panorama. Ma è anche un luogo molto pacifico, in cui passeggiare tranquillamente godendosi l’atmosfera surreale.

Cimitero di Staglieno, Genova

cimitero-genova
leganerd

Questo cimitero monumentale situato a Staglieno, Genova, aperto nel 1851, è molto apprezzato per le sculture che lo abbelliscono, vere e proprie opere d’arte, ed è inoltre considerato uno dei più grandi in Europa. Tra le più famose l’angelo di Monteverde, ma degne di nota anche le tombe di Fabrizio De Andrè, Giuseppe Mazzini e altri personaggi celebri.

Laura De Rosa

yinyangtherapy.it