Tipico dei paesi del Medio Oriente e del Maghreb, il tahin è una salsa di semi di sesamo gustosa e nutriente, utilizzata come condimento e per la preparazione di numerosi piatti.

Densa, cremosa, estremamente versatile e ricca di proprietà benefiche, è ideale per tutti (ad eccezione degli allergici al sesamo!) e può essere acquistata nei negozi di alimentari etnici o di prodotti naturali o realizzata semplicemente a casa. Le sue virtù risiedono nei semi di sesamo, che forniscono un ottimo apporto di vitamine (B, D, E), proteine, sali minerali (calcio, fosforo, ferro, zinco, magnesio ecc.) e acidi grassi essenziali (Omega 3 e Omega 6), fondamentali per il benessere del nostro organismo.

Nutrienti ed energetici, questi preziosi chicchi contengono anche importanti antiossidanti (sesamolina, sesamina, sesamolo) che combattono i radicali liberi, proteggono il fegato, abbassano il livello di colesterolo e svolgono un ruolo efficace nella prevenzione delle patologie cardiovascolari. Il sesamo si rivela dunque un alimento estremamente utile per la nostra salute, date anche le sue capacità di potenziare il sistema immunitario e rigenerare quello nervoso. Col tahin potrete apprezzare così non solo un condimento o ingrediente molto saporito che aggiunge un tocco speciale a vari cibi sia dolci che salati, ma anche un preparato salutare per il nostro apparato digerente, poiché stimola la produzione di succhi gastrici, facilita il transito degli alimenti e garantisce un buon funzionamento dello stomaco in generale. Unica accortezza è quella di consumarlo con moderazione visto l’alto apporto calorico: si consigliano porzioni massime di 10-20 grammi, che corrispondono a circa 65-130 Kcal.

Se non volete acquistare il “burro di sesamo” confezionato, magari ricco di additivi, ecco come realizzarlo facilmente a casa vostra con una spesa davvero modesta.

Mettete a tostare in una padella 100 grammi di semi di sesamo biologici, mantenendo una fiamma medio-bassa. Mescolate continuamente in senso circolare con un cucchiaio di legno e fate attenzione a non bruciarli o abbrustolirli, perché potrebbero liberare sostanze nocive e acquisire un sapore amaro. Dopo qualche minuto, quando sono ben rosolati e scoppiettanti, toglieteli e poneteli a raffreddare in una ciotola. Una volta tiepidi, versateli in un mortaio o in un macinino e iniziate a sminuzzarli, o se avete meno pazienza ricorrete a un frullatore, aggiustando di sale (facoltativo) e aggiungendo un po’ alla volta dell’olio di semi di sesamo da mescolare lentamente (o in alternativa di vinaccioli, di semi di girasole, di arachidi o extravergine d’oliva), fino a quando non avrete ottenuto un composto denso, cremoso e omogeneo di colore chiaro, che può esser consumato subito o conservato in un recipiente di vetro da porre in frigo. Qualora vogliate preparare una salsa più fluida e saporita, ripetete lo stesso procedimento aggiungendo però succo di limone, aglio schiacciato fine, prezzemolo, pepe e acqua, amalgamando bene per qualche minuto.

Ottimo anche se spalmato su una fetta di pane per un gustoso spuntino, il tahin è un ingrediente fondamentale di molti piatti tipici mediorientali, quali i falafel (polpette di ceci), l’hummus (crema di ceci), l’insalata di cetrioli allo yogurt e il babaganush (purea di melanzane da servire fredda), oltre che di un dolce molto diffuso anche nell’Europa dell’Est, la halva, dove la crema di sesamo viene mescolata col miele e uno sciroppo di zucchero, con l’aggiunta di mandorle, frutta secca, pistacchi, vaniglia, succo di arancia, cacao, caffè e vari aromi, a seconda delle tradizioni dei vari Paesi.

In generale il tahin, il cui aroma ricorda quello delle noci o arachidi, è un eccellente condimento per insalate e verdure, esalta il sapore di secondi piatti e contorni e si presta alle più varie preparazioni di crostini e polpette vegetariane. Valido come addensante per zuppe e vellutate al posto di panna e farina, il “burro di sesamo” rappresenta anche un’alternativa vegana alla maionese e si dimostra perfetto anche per le ricette dolci, come crema spalmabile e per la preparazione di biscotti, snack, barrette energetiche e perfino gelati e tartufi.

Siete pronti a farvi conquistare da questo genuino e versatile condimento mediorientale, dal sapore deciso e dalle straordinarie proprietà benefiche?

Marco Grilli