Quando si parla di metodi di divinazione c’è chi rizza le orecchie e chi si volta dall’altra parte con sguardo tra il perplesso e lo schifato. D’altronde non è un tema facile da affrontare visto che cartomanti, maghi e astrologi da strapazzo rappresentano una triste maggioranza dei “professionisti” del mestiere. Non c’è da stupirsi se le persone diffidano di questo mondo, insidioso soprattutto per noi occidentali, abituati a coltivare la ragione a discapito di tutto il resto.

Personalmente non credo che i consulti di tipo divinatorio debbano essere necessariamente gratuiti, d’altronde una persona che si dedica a queste materie a 360 gradi, mettendoci tutta se stessa, ha il diritto, proprio come qualunque professionista, di essere pagata per i servizi che offre. Il problema sussiste semmai quando il soldo diventa il principale scopo. E sebbene gli imbroglioni si nascondano ovunque, in ambito divinatorio risultano ancor più fastidiosi perché totalmente fuori luogo. Un individuo dedito alla “spiritualità” dovrebbe essere perlomeno onesto.

Detto questo, fare di tutta l’erba un fascio è un grave errore. Esistono molte persone dotate di una sensibilità fuori dal comune (per questo momento storico) che si occupano di divinazione a livello professionale, con serietà assoluta. Ma qui subentra un’altra perplessità che riguarda non più il praticante, ma la pratica stessa. La divinazione è materia controversa perché i pregiudizi sono numerosi, specialmente quando si parla di Tarocchi e simili. Eppure i Tarocchi, così come gli oracoli, le rune, gli oroscopi e chi più ne ha più ne metta, sono solo strumenti che facilitano i consultanti, un mezzo per accedere più agevolmente a determinati contenuti inconsci e non. Strumenti che vengono utilizzati da secoli (perlomeno alcuni) e che, nel corso del tempo, si sono rivelati più efficaci di altri per una serie di ragioni, tanto da giungere fino a noi. Va però specificato che la capacità di vedere oltre non è necessariamente collegata all’utilizzo di uno strumento esterno: è il caso di chi, per esempio, ha premonizioni nei sogni, tramite visioni ecc.

Cos’è la divinazione

metodi-di-divinazione

Ma di fatto cosa significa il termine “divinazione”? Il dizionario ci parla di “interpretazione di fenomeni naturali, sogni ecc. come indizi del futuro”, ma anche “presentimento o presagio”, e ancora “arte di predire il futuro mediante segni esteriori di origine divina”.

Per quanto riguarda le origini della divinazione, secondo diverse fonti era diffusa già nella preistoria. Nel corso del tempo ha continuato a essere praticata e prima che la scienza prendesse il sopravvento, era praticamente indistinguibile da quest’ultima. Oggigiorno, con il termine divinazione, ci si riferisce a diversi metodi di pronostico di tipo non empirico, quindi non dimostrabili secondo le procedure scientifiche. I diversi metodi sono stati classificati nel corso del tempo.

cartomanzia

Partiamo dalla suddivisione classica in divinazione induttiva e intuitiva. La prima consiste nell’interpretazione di segni o eventi oggettivi attraverso un’arte praticata dall’indovino. La divinazione intuitiva tira in ballo entità soprannaturali che rivelano, attraverso l’intermediario (per esempio lo sciamano), qualche verità. Ulteriori forme divinatorie sono la cleromanzia, divinazione per sorteggio diffusa molto in Africa, e la divinazione ispirata in cui l’indovino riesce a interpretare determinati segni o a ricevere una rivelazione. Esistono poi i sortilegi, ovvero la previsione del futuro tramite estrazione a sorte di rametti, pietre e altri oggetti, gli Auguri, divinazione che valuta una serie di possibilità, in cui rientrano anche la rabdomanzia e gli antichi aruspici (esame dei fegati degli animali). E ancora la divinazione artificiale, che ricorre a simboli costruiti dall’indovino, la divinazione naturale, basata sull’analisi di segni naturali, la divinazione occasionale, basata su interpretazione di eventi accidentali. E l’elenco continua… alomanzia (divinazione con il sale), aeromanzia (divinazione delle condizioni atmosferiche), astrologia, bibliomanzia (divinazione con i libri), caffeomanzia (divinazione con fondi di caffè), cristallomanzia (divinazione con cristalli), I Ching (divinazione tramite il libro sacro taoista), miomanzia (divinazione con i topi), numerologia, oniromanzia (divinazione con i sogni) e via dicendo. In definitiva, si può fare divinazione con qualunque cosa.

Pro e contro della divinazione

idromanzia
Il tempo lineare è una nostra invenzione, chi si occupa di spiritualità è consapevole del fatto che presente, passato e futuro sono un tutt’uno. La divinazione altrimenti non funzionerebbe, ma di fatto, nonostante lo scetticismo generale, ci azzecca più di quanto siamo disposti ad ammettere. L’esempio più calzante ed efficace riguarda i sogni premonitori. In una concezione lineare di tipo logico non potrebbero esistere. Detto questo, la divinazione può prevedere eventi futuri ma ciò non significa che sia infallibile poiché nessuno di noi è in grado di anticipare il futuro con certezza assoluta. Per fortuna.

Sono inoltre convinta che prevedere eventi futuri per eventuali consultanti sia una materia molto delicata e in quanto tale, da trattare con le pinze. Non ha senso allarmare una persona svelandole imminenti tragedie o fatti spiacevoli. Questo perché, una tale rivelazione, la indurrebbe a focalizzarsi sugli aspetti negativi, impedendole di cogliere la lezione positiva di transiti, fasi, momenti particolarmente duri. Sebbene risulti difficile da credere, anche dietro alle lezioni più amare della vita si cela del bene. Spesso più opponiamo resistenza e più ci focalizziamo sulla negatività, più fatichiamo a uscirne.

divinazione

L’indovino/astrologo/cartomante/sciamano ecc. serio aiuta il consultante a focalizzarsi sugli aspetti positivi di una previsione, per quanto ostica. Per chiarire il concetto mi rifaccio all’astrologia e alle previsioni per i gemelli relative al 2016. Se hai confidenza con gli oroscopi, saprai di certo che quest’anno è considerato pessimo per questo segno zodiacale, complici i transiti negativi di Saturno (e non solo). Sebbene Saturno sia pesante, il suo transito cela insegnamenti preziosi perché aiuta a liberare i poveri Gemelli di tutti i legami, personali o lavorativi, limitanti. Come ci suggerisce Simon and The Stars, Saturno rafforza ciò che tocca e, quindi, se tocca rapporti solidi li rende ancor più robusti, se tocca rapporti non funzionali alla nostra evoluzione, li elimina. Un processo difficile ma indispensabile per migliorare la qualità della vita. Ogni tanto i rami vecchi e inutili vanno potati. Ecco come Satruno da spauracchio si trasforma in risorsa utile. Un perfetto esempio di divinazione costruttiva.

Laura De Rosa

www.yinyangtherapy.it