spot-bellezza-intelligenza
Quante volte ci ritroviamo a lodare la bellezza di nostra figlia e poco o mai la sua intelligenza? Un atteggiamento che può sembrare insignificante ma che invece può davvero influire e non poco sulla sua vita.

Genitori di figlie femmine: fermatevi un attimo a riflettere!

Chi ha una figlia femmina spesso la riempie di complimenti per la sua bellezza e ciò non è una cosa negativa: è un modo come un altro per mostrarle il nostro affetto. Se però questo nostro atteggiamento va, consapevolmente o meno, ad inibire comportamenti o attitudini della bambina, allora le cose non vanno poi così bene.
Quante volte vi siete ritrovati ad impedirle di sporcarsi o di arrampicarsi o di svolgere qualsiasi attività ritenuta “maschile” o non adatta a lei? Purtroppo ciò avviene quotidianamente perchè dettato dalla nostra cultura, dalla nostra società, dal nostro bagaglio di esperienza. Proibizione dopo proibizione le sue passioni, i suoi progetti, le sue inclinazioni si affievoliscono e scompaiono. E questo è davvero un gran peccato.
spot- Verizon
Ogni genitore può e deve riflettere sul proprio comportamento e cercare in tutti i modi di assecondare le attitudini dei figli, maschi o femmine che siano.
E proprio di questa tematica tratta il nuovo spot di Verizon, una compagnia di telecomunicazioni americana. Nello spot viene raccontata la vita di una bambina: a vederlo si rimane colpiti perchè frasi semplici e comuni rivolte a lei dai genitori come “sei bellissima”, “attenta a non sporcarti”, “lascia fare a tuo fratello”, risultano essere invece influenze nette, inibizioni istantanee delle sue inclinazioni.
Nel caso specifico della ragazza protagonista dello spot si nota chiaramente la sua passione per la scienza, smorzata però dall’atteggiamento  dei genitori. Pensate che secondo una statistica USA ben il 66% delle bambine alle scuole elementari dichiara di amare la matematica e le tecnologia ma poi solo il 18% degli studenti universitari in ingegneria è femmina.
Facciamoci guidare dai nostri figli per la loro educazione: basta saperli ascoltare senza pregiudizi…