Animalismo
Primo piano

Verona: bracconiere uccide una femmina di capriolo in allattamento

Di Daniela Bella - 22 Ottobre 2013

Atti di questo tipo andrebbero severamente puniti dalla legge, così da imprimere in forma indelebile la colpa dell’atto compiuto e diventare un esempio per chiunque voglia solo lontanamente compiere azioni di questo tipo.

Ma andiamo ai fatti. Pochi giorni fa a Fumane, in provincia di Verona, un cacciatore è stato fermato dalla Polizia Pronvinciale per aver ucciso uno splendido esemplare di capriolo femmina in fase di allattamento.

L’uccisione è avvenuta domenica 6 Ottobre, e l’uomo è stato fermato dalle forze dell’ordine mentre trasportava sulle spalle il corpo senza vita dell’animale, ucciso con un fucile a pallettoni, corpo che tra l’altro mostrava i segni evidentissimi di allattamento.

L’uomo è stato prontamente denunciato, non solo per aver utilizzato delle munizioni illegali, ma anche per aver sparato su un capriolo che era fuori dal protocollo previsto per la “caccia di selezione”.

Stando a tale protocollo, infatti, la caccia ai caprioli è consentita solo dopo il censimento dei capi e rispettando norme specifiche sull’età, il sesso e le condizioni di salute degli animali.

Andrea Zanoni, eurodeputato e vice-presidente dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento Europeo ha spiegato che, poichè il capriolo è stato ucciso durante la fase di allattamento, adesso anche i suoi cuccioli saranno destinati a morire, incapaci di procurarsi da soli del cibo.

Spiega inoltre Zanoni:

“Deve esserci quanto prima una revisione della normativa in vigore. Invito la Magistratura ad andare fino in fondo e confido in una pena che costituisca un deterrente per tutti quelli che pensano di poter uccidere impunemente qualsiasi cosa si muova, o di poter imbracciare un fucile senza licenza di caccia e di farla franca o di rischiare poco…”

E anche noi, così come Zanoni, ci auguriamo che questa uccisione vigliacca, questo reato infame, venga punito in modo esemplare, senza alcuno sconto.

[fonte:quotidiano.net]

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)