Notizie
Primo piano

Paradosso all'italiana: gli stranieri ci comprano i boschi e poi ci rivendono il legname ricavato

Di Elena Bernabè - 23 Luglio 2013

Una vera beffa all’italiana.
Paolo Fantoni, presidente di Assopannelli (azienda che lavora a favore delle imprese produttrici di compensati, listellari, truciolati e semilavorati nel campo dell’industria del mobile) ha analizzato una situazione davvero paradossale.
Gli stranieri comprano i boschi italiani e rivendono all’Italia il legname ricavato dalle loro segherie.
Questa la dichiarazione di Fantoni: “Pur potendo contare su un patrimonio forestale di circa 11 milioni di ettari il nostro Paese è in Europa quello con il più basso grado di autosufficienza nell’approvvigionamento di materia prima legnosa”.
La soluzione è quella di puntare sull’internalizzazione: i boschi ci sono in Italia ma solo il 2% viene sfruttato. Una percentuale che potrebbe aumentare almeno del 50%.
Abbiamo le risorse ma non le sfruttiamo. In più paghiamo le aziende straniere per usare le nostre stesse risorse. Anche questa è l’Italia…
[Fonte: www.losai.eu]
✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)