Chi è il tiranno energetico e cosa fa

Nella vita ti sarà già capitato di incontrare alcuni tiranni energetici: sono quelle persone che riescono a tirare fuori il peggio di te. Prima di spiegarti cosa sono i tiranni energetici, è meglio fare un piccolo passo indietro nella storia per capire cosa s’intende con la parola “tiranno”, così facciamo chiarezza su un punto fondamentale.

Ritorno al passato: all’origine, il tiranno non era sempre negativo

Nella Grecia antica, il tiranno era colui che si proclamava signore di una città, assumendone ogni tipo di potere; spesso in reazione al malcontento della città-Stato dove il popolo si sentiva oppresso. Il tiranno quindi, anche se il suo potere era illegittimo, non era considerato negativamente, dal momento in cui usava il potere principalmente per riportare la città-Stato ad un certo equilibrio senza, tuttavia, stravolgere le leggi in vigore.

Col tempo però, il potere stesso ha viziato chi ne faceva uso e la parola “tiranno” si è affermata come descrizione di una persona che imponeva la sua supremazia attraverso la violenza.

I tiranni energetici nei rapporti interpersonali

Al livello personale, i tiranni che potrebbero esercitare il loro potere su di te sono di diversi tipi. Ma prima di proseguire con le diverse tipologie, è importante capire una cosa importante: chi si comporta da tiranno con te non per forzare lo farà con gli altri.

Perché una persona può essere despotica con te ed essere normale con gli altri?

A patto che dietro questo comportamento ci sia una reazione del tutto istintiva (autentica e non condizionata dalla volontà), è proprio il tipo di relazione che c’è tra te e quella persona che farà emergere il tiranno energetico.

In poche parole, siete entrambi imprigionati in uno strano gioco di specchi che vi spingono ad avere un comportamento innaturale rispetto a ciò che siete realmente, vi stimolate a vicenda l’emersione di un ruolo che sarà complementare all’altro. 

ruoli complementari

Se da una parte c’è una vittima, dall’altra parte ci sarà l’oppressore; se ho tendenza a comportarmi da masochista o vittima, il mio comportamento farà emergere nell’altro la componente sadica, ecc.

Questa dinamica si basa su un rapporto di forza che in realtà risponde a una legge basilare che possiamo ritrovare nel Tao: ogni estremo fa nascere il suo contrario.

Ma questa dinamica, ovviamente, non avviene con tutte le persone, succede con chi si ritrova sulla stessa corda, con chi ha un problema opposto e complementare al nostro. Una volta che i traumi invisibili di due persone si incastrano, escono scintille, fulmini e saette: si crea il ponte tra i due estremi e il tiro alla fune comincia.

In realtà, i tiranni energetici fanno un lavoro davvero sporco: fanno uscire la nostra ombra, tutto ciò che vorremo lasciare sepolto al buio, al riparo degli occhi indiscreti; ma loro se ne fregano: ci sbattono tutto in faccia senza pietà, spiaccicandoci il naso sulle nostre ferite, i nostri blocchi e tutto ciò che fa male (molto male) e ci porta all’esasperazione; fino al momento in cui non ci sarà più nulla su cui “tirare” perché avremmo capito la lezione e avremmo raggiunto un punto di equilibrio tra i due estremi.

I maestri inconsapevoli: ecco alcuni dei tiranni energetici che potrai incontrare nella tua vita

1. I tiranni infantili o le eterne vittime

Questi tiranni energetici si comportano come dei bambini capricciosi: ti fanno mille richieste (d’aiuto, d’attenzione), ti spingono a piegarti in quattro per loro facendo leva sulle tue emozioni e sensi di colpa, per poi puntare i piedi rifiutando tutto ciò che avrai fatto per loro.

tiranni energetici infantili

Cosa puoi imparare dai tiranni infantili: questo genere di tiranno emerge appena sente il profumo dell’eterna crocerossina. Farà leva sul tuo buon cuore fino a portarti all’esaurimento.

→ Leggi anche: “Altruista compulsivo: 6 consigli per aiutare senza farti annientare”

In qualche modo, questo tiranno energetico ti insegna l’equilibrio tra il dare e il ricevere, facendoti richieste sempre più grandi e sempre più spesso, fino al momento in cui o crollerai esangue, o capirai che decidere di badare prima a te e poi agli altri non è poi così egoista come sembra, ma è solo una questione di buon senso.

2. I bulli tuttologi che ti fanno sentire una nullità

Hai presente quelli che hanno la sindrome del so-tutto-io che provano sempre a farti passare per un idiota anche quando, prova alla mano, sei tu ad aver ragione? Sono i cosiddetti tiranni “mentali”.

Questi tiranni energetici sono delle persone che hanno un ego squilibrato e usano una fittizia superiorità mentale o intellettuale per sentirsi meglio. Il problema è che per sentirsi superiori, hanno bisogno di qualcuno che si senta inferiore a loro, e per trovare quella persona (in pratica, sei tu) non esiteranno a mostrarsi sprezzanti e offensivi nei tuoi confronti.

Cosa puoi imparare dai bulli tuttologi: anche in questo caso, questi tiranni energetici ti spingeranno fino all’estremo, momento in cui, si spera, capirai qual è il tuo reale valore. Perché come diceva saggiamente Bertrand Russell: “Il problema dell’umanità è che gli stupidi sono stra sicuri, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi.”

Questi bulli tuttologi ti aiutano ad aprire gli occhi su una realtà poco conosciuta: quella delle persone in gamba che non si sentono mai all’altezza, ovvero, quelle che soffrono della sindrome dell’Impostore.

→ Leggi anche: “Cos’è la sindrome dell’Impostore”.

3. Gli illusionisti o venditori di fumo

venditori di fumo

Gli illusionisti sono quelli che, pur di spennarti, ti fanno credere agli unicorni; sono degli adulatori che fanno leva sui tuoi problemi di autostima o sul tuo bisogno di riconoscimento, di attenzione e di affetto per arrivare ai loro fini.

In realtà, abusano di te, ti fanno credere alle meraviglie solo fino al momento in cui non ti rimarrà più niente, a parte, forse, le braghe di tela.

Cosa puoi imparare da loro: loro fanno leva sulla tua insicurezza per avere ciò che vogliono, sfruttano le tue debolezze senza vergogna. L’insegnamento di questo tipo di tiranno è quello di mostrarti le ferite del tuo ego, di insegnarti a dire “no”, a non lasciarti più abbindolare, a rinforzare le tue difese, ma sopratutto a fare orecchie da mercante di fronte ai venditori di fumo.

4. I provocatori che manipolano le tue emozioni

Il provocatore è colui che lancia il sasso e nasconde la mano, innescando in te delle reazioni emotive di rabbia e frustrazione. È una persona che, grazie al fatto che conosce i tuoi punti deboli, riesce a farti reagire secondo il suo volere, manipolando di fatto le tue emozioni e ,di conseguenza, le tue scelte.

In preda alle reazioni emotive forti e disturbanti, causate da lui, il provocatore ti tiene in pugno come una marionetta, usandoti per esteriorizzare il suo conflitto interiore.

Cosa puoi imparare dai provocatori: dalle ferite causate dai provocatori, potrai imparare a migliore le tue risposte emotive, a prendere le distanze, a difendere il tuo spazio personale evitando di essere toccato proprio lì dove fa male. Ti insegnano, tramite “la via del dolore”, a rinforzare la tua intelligenza emotiva e a mantenere il tuo sangue freddo. Ci vorrà tempo, certo, ma arriverà il momento in cui l’esasperazione farà scattare in te qualcosa e troverai un tuo equilibrio.

Perché dovresti ringraziare i tuoi tiranni energetici

ringraziare i tiranni energetici

Loro sono, come dicevo prima, dei maestri inconsapevoli: non sanno di portarti un certo tipo di insegnamento, e forse neanche tu lo sai, ma se riuscirai a guardarli per ciò che sono realmente e vedere la lezione dietro la rabbia, l’esasperazione che ti portano, allora avrai grandi possibilità di non rivederli più, perché se dentro di te non c’è più nessun estremo col quale sintonizzarsi, i tiranni non germoglieranno più (o si allontaneranno in modo naturale).

Se invece continuerai sulla strada estrema, beh, per parafrasare le loro modalità di insegnamento, “Se non impari con le buone, imparerai con le cattive.”

Come puoi vedere, ogni tiranno agisce in modo pesante su di te, ti fa barcollare da un estremo all’altro per aiutarti a capire che l’unico modo di uscire da questa dinamica tossica, e trovare il tuo equilibrio interiore, è attraverso la Via di Mezzo.

“Se tiri troppo la corda di una chitarra la romperai, ma se la lasci troppo allentata non suonerà. Imparare è Cambiare. La strada dell’Illuminazione sta nella via di Mezzo. È la linea che sta tra tutti gli opposti estremi.”
— Buddha

 

Sandra “Eshewa” Saporito
Autrice e shamanic storyteller
www.risorsedellanima.it