Piumino di piume d’oca: la disumanità dell’uomo!

 

piume-d'oca

Ogni anno finita l’estate, riscaldati ancora un po’ dalle ultime alte temperature, i negozi si riempiono di vestiti caldi e morbidi che ci accompagneranno dolcemente col loro calore durante l’inverno.

E poiché l’inverno è freddo e siamo privi di pelliccia, il modo migliore per assicurarci una serena sopravvivenza è rubare piume e pelliccia a chi li possiede già per natura.

Imbottiamo vestiti e trapunte di piume d’oca che, si sa, sono naturali perché le piume ogni anno vengono sostituite da quelle nuove, più forti e resistenti, pronte a proteggere l’animale dal freddo inverno.

Perché non utilizzare le piume ormai vecchie per il nostro sollievo? In effetti, non servono più a nessuno e gli uccelli, col loro nuovo piumaggio, non le reclameranno di certo.

Effettivamente questo succedeva anni fa, quando il mercato non aveva ancora conquistato il mondo e le produzioni seguivano spesso i processi della natura; adesso non è proprio così.

La produzione di materiale imbottito di vera piuma d’oca ha dimensioni così grandi che non è possibile attendere che le oche lascino a terra le vecchie piume, e allora, rinchiuse migliaia di oche dentro freddi capannoni e cresciute lì, allevate per tutta la loro vita come fosse il loro habitat naturale, attendiamo la stagione giusta per strappargli le piume rigettandole poi all’interno del capannone completamente nude, infreddolite, perché le piume sono per loro l’unica protezione, e doloranti a causa delle ferite dovute alla procedura barbara.

oche-allevamento

Le piume che imbottiscono i nostri begli abiti vengono strappate alle oche senza alcun tipo di anestesia (per comprendere quanto male possa fare vi invitiamo ad ascoltare le loro grida di dolore!).

Fino a quando le piume non saranno ricresciute, le oche, esposte al freddo, moriranno assiderate; le sopravvissute subiranno ancora la perdita delle piume fino a quando saranno troppo deboli e distrutte e saranno allora destinate alla produzione di carne o foie gras. In quest’ultimo caso per mesi sono costrette ad iperalimentarsi mediante un imbuto infilato nel becco: in questo modo il loro fegato si ammalerà per eccesso di grasso, loro verranno uccise e l’uomo potrà così mangiare il patè di fegato grasso.

foie_gras

Ma noi abbiamo davvero bisogno di tutto questo? Avrà un senso il fatto che Madre Natura ha donato le piume soltanto agli uccelli e non a noi; infatti, gli uccelli, volando, sono soggetti a correnti d’aria molto fredda e a continui sbalzi di temperatura, e hanno così bisogno di questa protezione che crei un isolamento termico nel loro corpo.

Noi non possediamo il cielo, non voliamo e non dobbiamo sopportare temperature tanto fredde al punto che è necessario privare gli animali di quello che per loro è vitale e senza il quale non avranno possibilità di sopravvivere.

piume-ocaNon è chiaro infatti se la nostra sia vera necessità o semplicemente vanità che, come al solito, ci confonde e ci fa venire una voglia incontrollabile di possedere tutto, anche ciò che proprio non fa per noi.

Lasciamo le piume alle oche, in fondo la natura ha deciso così, e serviamoci invece di materiali alternativi che ci assicurano comunque la protezione necessaria per affrontare il leggero freddo dei nostri inverni, leggiamo sempre le etichette e lasciamo agli altri essere viventi ciò che è loro e che gli appartiene senza alcun dubbio perché la nostra sopravvivenza non è in nessun modo messa in pericolo dalla mancanza di piume.

Firmiamo questa petizione della PETA dove è possibile vedere anche un video che dimostra tutto questo, e promettiamo di rispettare le oche; dimostriamo, col nostro impegno, di saper rispettare ciò che ci circonda assecondando le leggi di natura senza provare a capovolgere la realtà; accontentiamoci di ciò che possediamo utilizzando al meglio le nostre capacità e mettiamo da parte, invece, ogni forma di inutile crudeltà.

 

 

 

 

Gaia Di Giovanni

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Gaia Di Giovanni il 04/09/2014
Categoria/e: Animalismo, Primo piano.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655