Crisi economica, aumentano i giovani che vivono con i propri genitori: i dati in un grafico

Immagine da: http://ninehoursofseparation.blogspot.it

Cresce notevolmente il numero dei ragazzi di età compresa tra i 20 e i 34 anni che sono “costretti” a vivere con i propri genitori.

Esistono i mammoni e i pigri, che non riescono a lasciare il nido familiare perchè troppo legati alle comodità della propria casa, questa non è di certo una novità, ma anche chi vorrebbe lasciare questo nido per spiccare il volo… si trova costretto a tarpare le proprie ali.

Il motivo? Ovviamente la crisi economica che sta investendo la nostra epoca.

Slovacchia, Bulgaria, Grecia e Italia sono tra i paesi in cui è più diffusa la convivenza con i genitori dopo i 24 anni.

In Italia il 46,6% dei giovani tra i 24 e i 34 anni vive ancora in famiglia. In Danimarca, invece, solo l’1,8%.

Di recente questo fenomeno si è diffuso anche in paesi come il Regno Unito, dove fino a qualche anno fa la convivenza tra ragazzi e i loro genitori dopo i 24 anni era molto meno diffusa.

Nel Regno Unito, infatti, secondo gli ultimi dati diffusi dall’Ufficio Nazionale di Statistiche, un adulto su quattro tra i 20 e i 34 anni vive ancora con i genitori, e 3,3 milioni di adulti non possono vivere in una casa che non sia quella dei genitori, ovvero il 26% sul totale di quella fascia di età. Un record dal 1996. E questo nonostante da allora la fetta di popolazione che rientra in quella fascia d’età sia rimasta pressochè immutata.

Purtroppo la crisi economica sta colpendo davvero ovunque e il tasso della disoccupazione, dal 1997, sta vivendo adesso la sua fase più critica. Per quanto si continui a dire che la situazione è destinata a migliorare, la crescita degli stipendi è lenta e ben al di sotto del tasso di inflazione. In particolar modo è diventato davvero difficile poter sostenere il costo di una casa, in continua crescita.

E questo rende più facile capire perchè vi è un evidente aumento dei giovani costretti a vivere sotto il tetto dei propri genitori.

Vent’anni fa nel Regno Unito il 21% degli adulti tra i 20 e i 34 anni viveva con i genitori. Ora il 26% dei giovani vive insieme ai genitori: a conti fatti, si tratta di 670mila persone in più.

Abbastanza sorprendente, però, vedere come in Paesi europei più colpiti dalla crisi economica, come la Spagna e l’Irlanda, la percentuale di giovani che vivono con i propri genitori è più bassa rispetto al periodo che precedeva la crisi stessa.

Ma la risposta, anche in questo caso, è abbastanza semplice: molti di questi ragazzi, infatti, hanno lasciato il loro paese d’origine per trasferirsi altrove e sperare in un futuro migliore. Per esempio, il numero di giovani di età compresa tra i 25 e i 35 anni, in Spagna, negli ultimi cinque anni è precipitato del 16%.

Un grafico pubblicato da Quartz ci mostra la percentuale dei giovani che vive ancora con i genitori, mostrandoci un indice di cambiamento tra lo scorso anno e gli ultimi cinque anni. Possiamo vedere come i due grafici parlino abbastaza chiaro.

Quali dati dobbiamo aspettarci, a questo punto, tra altri cinque anni?

Immagine da: qz.com

Immagine da: qz.com

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Daniela Bella

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Daniela Bella il 30/01/2014
Categoria/e: Notizie, Primo piano.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655