I Fagioli: il legume dalle mille leggende e proprietà. Una ricetta particolare

Rossi, neri, bianchi, bianchi di Spagna, cannellini, borlotti e potrei continuare ancora fino ad elencare ben 60 qualità commestibili di questo legume originario dei climi caldi dell’America centrale.

Il fagiolo, un legume dai mille colori e dalle mille leggende, questo piccolo alimento che, a causa del basso costo è stato considerato per molto tempo come pietanza dei  poveri era invece venerato e festeggiato nell’antichità. Gli Egizi non se ne nutrivano, ma lo usavano nei rituali perché considerato sacro, sembra che Pitagora lo considerasse la seconda abitazione delle anime, i Romani e non solo loro, li usavano nei riti di protezione per scacciare gli spiriti maligni,gli indiani Hopi e gli Irochesi celebrano i fagioli con rituali e feste e in Europa, secondo un’antica credenza era di buon augurio e segno di protezione, preparare dolci a base di fagioli durante l’epifania o la dodicesima notte, per garantire un futuro sereno alla famiglia.

Un legume affascinante  e molto ricco di proteine e di vitamine non così facili da trovare, contengono infatti vitamine del gruppo B  (B1, B2, B3, B5 e B6), le vitamine E, K, J e la vitamina PP. Sono composti dal 10 % di acqua, il 24,5 % di proteine, il 48% di glucidi, 14,50 % di fibra alimentare ed il 3 % di lipidi, contengono poi sodio, potassio, ferro, fosforo, manganese, calcio, zinco e selenio.

Contribuiscono ad una dieta che favorisce la riduzione del colesterolo e sono una buona alternativa alla soia (per l’assunzione di proteine), rispetto alla quale sono meno costosi e non geneticamente modificati ed estremamente facili e gustosi da cucinare. I cosiddetti “effetti collaterali” di questo legume legati alla produzione di gas a livello gastrointestinale possono essere facilmente superati con l’aggiunta di un pizzico di curcuma e di asafoetida (o assa-foetida) alle vostre ricette.

Torta di Fagioli neri o borlotti:

Ingredienti: fagioli neri o borlotti (circa 350 grammi), 300 gr zucchero di canna grezzo, vaniglia, limone, lievito in polvere, fecola di patate, latte di riso o di sia alla vaniglia, uvetta passa, biscotti secchi a scelta.
Preparazione: Mettete a bagno i fagioli per circa una notte dopodiché  lessateli e riduceteli in crema con il frullatore. A parte miscelare zucchero, amido di mais, il latte di riso o soia (circa un bicchiere), la vaniglia (potete inserire i semi all’interno del composto o aromatizzare il latte con la stecca prima di miscelare), la buccia grattugiata del limone, l’uvetta reidratata e il lievito già sciolto, miscelate e poi unite i fagioli. Ungete una teglia e metteteci i biscotti secchi grattugiati in modo da formare una base, versate il composto che avete ottenuto e fate cuocere a 180 gradi per 40 -45 minuti. Spolverare con zucchero e/o granella di mandorle.
Per renderlo più particolare potete reidratare l’uvetta in un infusione di tè affumicato.

 

 

Jordana Pagliarani

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Jordana Pagliarani il 23/01/2014
Categoria/e: Alimentazione, Primo piano.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655