Alberghi diffusi: li conoscete?

Nel mondo del turismo, da qualche anno, è stata introdotta una grande novità: quella degli alberghi diffusi. Si tratta di strutture di accoglienza, situate in zone di alto profilo storico e naturalistico, che sono site in centri abitati.

L’idea è nata negli anni 1980 quando, a seguito del terribile terremoto della Carnia si è cercato di ristrutturare e valorizzare i luoghi distrutti dall’evento sismico.

L’obiettivo era quello di attirare un nuovo tipo di turismo che fosse in grado di apprezzare luoghi e realtà poco conosciute ma altrettanto affascinanti.

Gli alberghi diffusi consistono in antiche abitazioni completamente restaurate che sorgono in antichi borghi o in piccoli paesi. L’obiettivo è quello di offrire un ottimo servizio creando però un rapporto più intimo e sincero con l’ospite. Chi sceglie l’albergo diffuso, opta per un turismo differente, più attento ai particolari e al contatto con le persone. Queste strutture sono dotate di caratteristiche ben precise e possiedono tutti i comfort; inoltre, nella maggior parte dei casi, sono di grande pregio. L’albergo diffuso ha numerosi vantaggi anche per l’ambiente perché evita che si costruisca ex novo, con il conseguente problema della cementificazione. In questo, gli edifici vengono riattati in base alle nuove tecniche di bioedilizia.

Queste speciali strutture hanno alcune regole da rispettare, come per esempio garantire la distribuzione della colazione ed offrire un servizio di ristoro. Organizzano visite guidate ed attività che possono essere svolte anche nei dintorni.

Creare un albergo diffuso significa sviluppare l’economia locale e riportare in vita piccoli borghi scarsamente abitati. In Italia, esiste l’associazione nazionale alberghi diffusi, ossia l’Adi che, sul sito internet alberghidiffusi.it, elenca quali siano le strutture presenti nel nostro Paese. L’associazione nazionale degli alberghi diffusi ha anche l’intento di fornire informazioni sulle caratteristiche delle singole strutture e per fornire un ulteriore impluso alla loro diffusione.

 In tutte le regioni è possibile soggiornare in queste deliziosi alberghi, dove si trovano tutti i servizi impreziositi dalla possibilità di trascorrere una vacanza come se si abitasse in luogo da sempre. Il nostro Paese offre possibilità per tutti i gusti e le esigenze: si va dai paesini sul mare della Sardegna fino ai borghi di montagna arroccati sulle erte cime del Friuli e dell’Abruzzo.

I clienti che optano per un albergo diffuso sono alla ricerca di una vacanza fuori dagli schemi. Infatti, questo tipo di scelta è ideale per sentirsi parte di un territorio, per scoprire realmente il modo di vita di piccoli abitati e per apprezzare l’immenso patrimonio storico ed artistico locale.

La principale caratteristica di un albergo diffuso è quello di essere costituito da più costruzioni che sorgono nello stesso paese e che comprendono un’area comune ed una dove si espletano tutte le attività relative all’accoglienza.

In virtù della sempre maggiore fortuna di questa soluzione, è stata fondata una scuola di formazione internazionale che mira a fornire un sostegno a chi intende creare un albergo diffuso. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito internet sisad.it.

L’albergo diffuso, dopo aver preso piede in Italia è diventato un modello di turismo alternativo anche in altre parti del mondo e, sempre più spesso, si sceglie di investire in luoghi particolarmente suggestivi ma poco valorizzati e quasi abbandonati.

Eleonora Casula

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Eleonora Casula il 17/11/2013
Categoria/e: Notizie, Primo piano, Tempo Libero.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655