Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Studio francese

Tag: studio francese

Restare mezz’ora al cellulare per telefonare duplica il rischio di tumori al cervello, lo conferma uno studio

0

Ognuno di noi oggi giorno possiede minimo uno smartphone, ma sapevate che stare al cellulare a telefonare per mezz’ora al giorno aumenta il rischio di tumore al cervello? Ebbene sì, la conferma giunge da uno studio effettuato da ricercatori francesi dell’Università di Bordeaux, secondo i quali le conversazioni al cellulare di lunga durata possono provocare danni seri e permanenti al cervello come ad esempio: glioma e meningioma.

Questa ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica ‘Occupational and Environmental Medicine’ ed Annie Sasco, uno dei ricercatori, rende noto come l’elevato rischio di andare incontro ad un glioma sia duplicato per coloro che utilizzano il cellulare per lunghe conversazioni.

Ogm: la Russia dice no al mais della Monsanto

0

Lo studio francese sugli Ogm fa parlare ancora. Questa volta è la Russia a prendere sul serio la ricerca che sostiene la pericolosità degli ogm: i russi hanno infatti deciso di sospendere l’importazione di mais geneticamente modificato commercializzato dalla multinazionale Monsanto.

Ricordiamo che i prodotti della multinazionale sono da tempo criticati da gli hacktivist Anonymous perchè considerati dannosi per la salute dell’uomo.

Il mais importato dalla Russia è proprio di tipo NK603, lo stesso che ha utilizzato la ricerca francese per i suoi esperimenti e che ha provocato una serie notevole di tumori nei topi.

Italia sugli Ogm: siamo per la tutela del consumatore

0

La ricerca francese sugli Ogm ha suscitato un bel polverone: lo studio evidenza che pesticidi e ogm potrebbero essere molto dannosi per l’uomo.

A tal proposito Mario Catania, il ministro per le politiche agricole e alimentari del governo italiano, ha dichiarato di voler essere a “tutela del consumatore, ancora prima del produttore europeo“.

Ancora egli ha aggiunto: “siamo in quella parte della tematica Ogm che e’ squisitamente a carattere sanitario ed e’ ovvio e naturale che sia il ministero della salute a fare tutti i riscontri del caso, ovviamente interfacciandosi a livello internazionale con le istanze di questo settore”.