Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Sfruttamento

Tag: sfruttamento

The True Cost: la Moda a Basso Costo che Nasce dallo Sfruttamento

0
moda a basso costo

Tutti sappiamo del fast food ma nessuno parla di questa “fast fashion” che comunque è uguale; se ognuno di noi cominciasse a consumare in modo diverso, perché noi consumatori siamo molto forti, ogni volta che compriamo qualcosa, quello è il nostro voto – noi votiamo con il nostro portafoglio.” The True Cost

Il singolo individuo, con le proprie scelte, può cambiare il mondo? Apparentemente no ma se fosse un auto-inganno dovuto alla pigrizia o alla manipolazione? Ci sentiamo piccoli in un mondo di grandi, eppure le nostre “insignificanti” scelte, nell’insieme, fanno la differenza. Ma accorgersene implica un’assunzione di responsabilità scomoda e una faticosa rinuncia ad alcuni privilegi. Convincersi che il proprio contributo non abbia valore è fare il gioco di quei “potenti” cui oggigiorno va di moda attribuire la colpa di tutto.

Riconoscere il Valore delle Risorse Umane e quindi del Lavoratore

0

Sabato sera, ad una cena tra amici, un’ospite raccontò del suo colloquio di lavoro con una ditta Danese durato più di un’ora e mezza per definire il profilo psicologico i talenti e le attitudini.

Abituata al terribile sistema italiano quando si è sentita rispondere “Le faremo sapere” ha pensato –“Sì, come no, le faremo sapere…” dando già per scontato che sarebbe stata contattata solo in caso di assunzione, in tutti gli altri casi non avrebbe ricevuto neanche una mail.

Reality porta 3 ragazzi in una fabbrica in Cambogia: ecco perchè rimangono sconvolti!

0
fabbrica in Cambogia

“Non ce la faccio più. Che razza di vita è questa?”

fabbrica in Cambogia

A pronunciare queste parole singhiozzando è una ragazza norvegese,  Anniken Jørgensen, appassionata di moda che partecipa insieme ad altri tre concorrenti ad un reality sugli orrori dello sfruttamento del lavoro in Cambogia.

E’ un esperimento sociale, Anniken Jørgensen, Frida Ottesen e Ludvig Hambro di rispettivamente 17, 19 e 20 anni sono volati nella capitale del paese del sud-est asiatico di Phnom Penh, dove hanno sperimentato per un mese la vita di un operaio tessile cambogiano.

Come si fanno le sigarette: un foto-documentario agghiacciante

0
Come si fanno le sigarette

Sayed Asif Mahmud è un fotografo documentarista, con sede in Bangladesh. Si è laureato a Pathshala, nell’Asia meridionale al Media Institute e attualmente insegna lì. Il lavoro di Asif è stato esposto a Chobimela VI, Dhaka Art Summit, Bengal Art Lounge, Bangladesh e al Noorderlicht Festival of Photography in Olanda ed Emirati Arabi Uniti.

Il suo foto-documentario “Tobacco Tale” ottenuto il secondo premio al Non Traditional Photojournalism Award by NPPA (2013) e una menzione d’onore nella quinta edizione di Anthropographia del 2013.

❝Sii saggio, mio Dolore, e calmati!
Volevi la Sera? Eccola, è scesa!
Un’atmosfera oscura avvolge la città
a chi porta la pace, a chi l’affanno.❞

Charles Baudelaire

Toro de la Vega: quando la morte diventa divertimento

0

Toro-de-la-VegaOgni anno, il secondo martedì del mese di settembre, si tiene a Tordesilla, in Spagna, un torneo di origini medievali, il Toro de la Vega, facente parte a tutti gli effetti del patrimonio culturale della città e, per questo, tutti gli anni tanto atteso.

Il protagonista, come possiamo ben immaginare, è proprio un toro che diventerà presto vittima poco dopo l’inizio della manifestazione; i carnefici, invece, sono un branco di sadici, tra uomini e donne, che inseguono il toro lungo un percorso, a cavallo o a piedi, armati di lance, fino ad arrivare al punto in cui l’animale non ha scampo e, circondato, viene massacrato lentamente tra gli applausi e le risate del pubblico entusiasta, composto in parte anche da turisti.

Orche e parchi acquatici: la libertà negata!

0
orca in libertà

Tutti noi siamo abituati ad andare nei parchi acquatici ed assistere divertiti agli spettacoli di delfini e orche. Ma ci siamo mai chiesti se anche per loroè un divertimento?

Alcuni anni fa mi imbattei in una notizia particolare: Keiko, l’orca che aveva interpretato il film “Free Willy” era in procinto di essere liberata dopo 23 anni passati  nelle vasche dei vari acquari. Stava affrontando il difficile “reinserimento” in natura. Keiko era stato catturato e strappato dal suo Pod (l’unità famigliare delle orche)  in Islanda nel 1979. Era stata addestrata a compiere salti favolosi e ad interagire amichevolmente col suo Trainer. Tutto questo, per circa 23 anni.

Latte di Mucca patrimonio dell’Unesco: patrimonio dell’umanità, economico o delle mucche?

6

1 Giugno.   E’ il “World Milk Day”. Giornata mondiale del latte.

Quale occasione migliore per proporre che questo alimento diventi “patrimonio mondiale dell’umanità”? (1)
Di quale latte stiamo parlando?  Non di quello santo e benedetto del seno delle nostre madri, ma di quello spremuto in tutto il mondo da mammelle spesso doloranti, gonfiate da ormoni e malate di mastiti, appartenenti a milioni di mamme mucche, latte che diverse associazioni del mondo caseario (chi altri?) vogliono vedere “beatificato” con un riconoscimento mondiale di prestigio…

Mondiali Brasile 2014: Kakà testimonial contro la prostituzione minorile. Ecco il video messaggio

0

Manca davvero poco all’inizio dei mondiali di calcio che quest’anno si svolgeranno in Brasile. Per questa occasione Kakà, campione della Nazionale brasiliana e del Milan, ha voluto lanciare un appello ai tifosi italiani che sono in partenza per il Brasile:

“non voltarti dall’altra parte, durante i Mondiali di calcio resta un tifoso responsabile. Se assisti a situazioni di sfruttamento sessuale di minori, denuncia. E’ un reato punito con la reclusione!”.

Pelle umana ricavata da staminali: forse è stop ai test su animali, lo conferma uno studio

0

Grazie ad alcuni ricercatori inglesi è stata creata un’epidermide artificiale ricavata dalle cellule staminali umane, utile a trovare cure a malattie come l’eczema affinché in futuro si riescano ad evitare esperimenti sugli animali per i cosmetici.

Tutto ciò è stato reso possibile grazie ai ricercatori del ‘King’s College’ di Londra. La nuova pelle artificiale, che presenta le stesse funzioni di quella naturale, farà in modo di non dover più svolgere esperimenti sugli animali, che riguardano per adesso il campo dei cosmetici.

Gli studiosi inglesi insieme alla collaborazione con il ‘San Francisco Veteran Medical Center’ hanno reso possibile la creazione di tale pelle artificiale che garantisce un’alta protezione durante la penetrazione di batteri e microbi.

Ecco il tuo prosciutto! L’indagine agghiacciante di Nemesi Animale negli allevamenti di maiali

0

Sul sito ufficiale di Nemesi Animale si legge che NEMESI ANIMALE è un progetto per la liberazione animale, di ogni animale, umano e non-umano. Nasce per creare un cambiamento culturale e sociale, per contrastare chi lucra sulla vita di altri animali e per salvarne direttamente il più possibile dalle attività distruttive così diffuse in questa società”.

Le persone che aderiscono a questo progetto si espongono in prima persona per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo al maltrattamento animale, lottano per salvare gli animali da violenze ed uccisioni, documentano ciò che accade all’interno degli allevamenti.