Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Pane

Tag: pane

I grani antichi: tanti motivi per preferirli a quelli tradizionali

0

grani.antichi

Senatore Cappelli, Gentil Rosso, Verna, Frassineto: sono alcuni nomi di grani antichi, ne avete mai sentito parlare? Con questo termine si indicano tutte quelle varietà selezionate prima che l’agricoltura subisse il processo di trasformazione industriale, adatte ai diversi ambienti pedoclimatici e a sistemi di coltivazione a basso impatto ambientale.

Vi chiederete come mai è importante trattare questo argomento proprio oggi, visto che la modernità, con la chimica, la tecnologia e l’ingegneria genetica, è ormai entrata prepotentemente nel settore primario. Ebbene, tutto ha ancora senso, perché se l’agricoltura ha selezionato varietà a più alto contenuto di proteine che producono molto di più (a scapito della qualità), i sani e rustici grani antichi conservano caratteristiche di notevole valore, mostrando maggiore capacità di resistere alle diverse avversità climatiche, qualità nutritive più equilibrate e aromi molto più complessi e intensi.

Macchina del pane: utilizzo, vantaggi, svantaggi, quale scegliere

0

Il pane, come farlo in casa con la macchina del pane

paneIl pane occupa un posto fondamentale nella tradizione mediterranea come componente primario dell’alimentazione.

Nella cucina antica, il pane veniva considerato un alimento che poteva essere accompagnato ad ogni tipo di preparazione, e questo ne sottolinea il ruolo fondamentale che ha sempre avuto.

Anche oggi il pane viene visto sotto quest’ottica, in più oggi viene impiegato anche per varie e gustose ricette e pasti primari, non più quindi come semplice “accompagnamento”.

Insomma, il pane è e resta un bene di prima necessità che nelle nostre case difficilmente manca sulla tavola.

Come fare il Lievito Madre e come usarlo

6
lievito madre

come fare il lievito madre

Che cos’è il lievito madre?

Il lievito madre, o pasta madre è un lievito naturale che serve per panificare, fare il panettone, il pandoro o il pane di Altamura, tutte preparazioni che con altri tipi di lievito non riescono. Ma ovviamente un buon lievito madre può far lievitare qualsiasi cosa, dalla ciambella alla pagnotta, dalla pizza alla focaccia.

Ogni lievito madre ha la sua consistenza e il suo colore, non ce ne sono mai uno uguale all’altro questo perché dipende molto da chi lo cura, da come lo cura e da quante volte lo “nutre” e rinfresca.

22 Cose che Riguardano gli Alimenti che vi Lasceranno “Inorriditi”

0

Ci sono delle cose su alcuni alimenti che immagino non sappiate e che una volta scoperte vi lasceranno letteralmente a bocca aperta!

1 . Lo sapete che… Le carote nascono in Afganistan e sono di colore viola? Solo dopo il 1550 e dopo molte selezioni hanno acquisito il colore arancio. Inoltre oggigiorno c sono 5 varietà di carote: arancione, che contiene vitamina A; viola, ricca di polifenoli, flavonoidi e antocianine; gialla, ricca di luteina, proteina che protegge la macula degli occhi; bianca e rossa, poco interessanti dal punto di vista nutrizionale.

Il Libro Sospeso, un Gesto di Altruismo Gratuito

0

Era nato da un’idea dei napoletani con il caffè, è poi stato passato al pane, in periodo di crisi il pane è un’ottima cosa, ed ora è arrivato ai libri… vi state chiedendo cosa? Il regalare!

Il regalare incondizionatamente qualcosa a qualcuno che non si conosce, ad uno sconosciuto che entrerà nel negozio dopo di voi. Il caffè sospeso ormai è famoso in tutto il mondo, basta entrare in un bar bere un caffè e pagarne due lasciandone uno sospeso per chi verrà dopo. Il pane sospeso nasce forse più per un’esigenza di aiutare le famiglie più in difficoltà, ma è comunque un gesto nobile. Il libro sospeso invece è un gesto importante per rilanciare la cultura e l’empatia verso le altre persone. Rilanciare il voler fare qualcosa per gli altri.

Il Pane in Attesa per Combattere la Crisi

0

Sulla scia dell’usanza napoletana del caffè sospeso, nasce il pane sospeso, un’iniziativa dell’associazione Invisibili onlus di Messina. Si tratta di andare ad acquistare il pane e lasciare un’offerta che permetta alle persone più in difficoltà di usufruire di un sacchetto di pane con 5 panini.

A Messina sono già quattro le panetterie che hanno aderito all’iniziativa: Spiga d’oro, Voglia di pane, Panificio Macrì e Al Granaio. Il pane è un bene primario, e se il caffè poteva essere visto come un gesto di cortesia, il pane sospeso diventa un vero e proprio aiuto per le famiglie in difficoltà.

Come Mangiare i Carboidrati Senza Ingrassare [Video]

0

A parlare di carboidrati è il dott. Luca Avoledo, naturopata esperto di ecologia del corpo, alimentazione e salute naturale, che asserisce il fatto che: “Mangiare deve essere un piacere“.

Ma come dice un detto: “le cose che piacciono o sono illegali o fanno ingrassare”, ed è proprio qui che interviene il dottore a spezzare una lancia in favore dei carboidrati. Nel video spiega come mangiarli senza che facciano ingrassare, ci sono alcune regole da seguire, come ad esempio mangiarli solo nella parte della giornata che va dal mattino al primo pomeriggio, dove il corpo ha tempo per smaltirli e ha attivi gli ormoni che trasformano i carboidrati in energia, mentre di sera e di notte l’organismo è in modalità “accumulo” e quindi non trasforma in energia ma immagazzina… su cosce e pancia.

Il Pane crudo Esseno: Ecco come Prepararlo

0
Immagine da marias-saltogsott.blogspot.it

Il pane esseno ha una storia molto antica che risale all’epoca ebraica del II secolo a.C. nella zona dell Mar Morto. Gli Esseni erano convinti fautori del crudismo, infatti erano molto attenti alla vita dei cibi, per loro era di fondamentale importanza che il cibo fosse “vivo” e un cibo cotto non è vivo. Per questo motivo anche il pane veniva essiccato e non cotto.

Immagine da marias-saltogsott.blogspot.it

Ovviamente non possiamo pensare ad un “pane” tradizionale quando parliamo di pane essiccato: infatti la farina per essere consumata va cotta mentre questo particolare tipo di pane viene fatto non con la farina ma con i germogli, che possono essere di grano ma anche di altri cereali o legumi.

Gallette di Riso: sapete come vengono prodotte?

0

 

Le gallette di riso sono impiegati come sostituti del pane o come salutare snack. Possono essere prodotte di solo riso oppure con l’aggiunta di altri cereali; sono largamente consumate perché pratiche e versatili infatti si prestano ad essere accompagnate sia a piatti dolci che salati. I metodo attraverso il quale vengono prodotte è particolare perché deve riuscire a trasformare i cereali in un composto gonfio. Il macchinario impiegato è l’estrusore che, attraverso una pressione molto alta, cuoce il prodotto creando delle gallette; queste, a contatto con l’aria si gonfiano e danno origine all’alimento che conosciamo. Questo medesimo processo è impiegato anche per altri alimenti, basti pensare ai dolciumi a base di cereali o ai corn flake.

Il Pane a Forma di Babbo Natale: ecco la Ricetta

0
Per Natale cosa ne dite di stupire tutti con un pane a forma di Babbo Natale!? Iniziate ad allenarvi!!!
E’ abbastanza semplice, con un po’ di pazienza potete realizzarne uno anche voi!!!
Ecco quello che ci servirà:
4 tazze di farina per pane
1/2 tazza di zucchero semolato
2 pacchetti di lievito secco attivo
1-1/2 cucchiaini di sale
1/2 tazza di latte vegetale
1/4 tazza di acqua
1/4 tazza di margarina vegetale (si può omettere)
2 uvetta
2 o 3 gocce colorante alimentare rosso
Ora che avete tutto l’occorrente dovete procedere come segue:
Prendete una ciotola abbastanza grande mettete 2 tazze di farina, lo zucchero, il lievito e il sale. In una pentolina scaldare l’acqua, il latte e la margarina vegetale a 120-130°C.
Unire in una la ciotola l’acqua calda, il latte e la margarina e amalgamate tutto bene aggiungendo pian pianino la farina rimasta fino ad ottenere un impasto omogeneo. liscio e compatto
Impastare su una superficie infarinata fino ad ottenere un impasto elastico, bisognerà lavorarlo per almeno 8-10 minuti.
Quando l’impasto è bello liscio ungete una ciotola e riponete l’impasto, lo coprite con un canovaccio umido e lo lasciate lievitare per circa un’ora, o almeno fino a quando non è raddoppiato. Un consiglio tenete l’impasto al caldo, evitare le correnti d’aria e non toccatelo.
Quando è ben lievitato prelevate l’impasto e lavoratelo nuovamente su un piano infarinato, dividetelo in due parti, una un po’ più grande per realizzare la testa. Prendete quest’ultima e stendetela con l’aiuto di un matterello fino a formare una sorta di triangolo arrotondato.
A questo punto prendete la pasta rimasta e tiratela per bene a formare la barba, tagliate con le forbici delle striscioline e arrotolatele leggermente su se stesse un paio di volte, per dare l’effetto “riccio”.
A questo punto potete appoggiatela sulla base triangolare e sistemare la barba in modo che l’effetto visivo sia piacevole e comunque di vostro gradimento.
Utilizzare la pasta rimanente per i baffi, naso, cappello pom-pom.
Mettere una pallina sopra i baffi per il naso.
Stendere una stretta lingua di pasta per creare una tesa del cappello.
Con un coltello tagliare due fessure al posto degli occhi e inserire l’uvetta nelle fessure.
In una ciotola aggiungere il colorante alimentare rosso e spennellare sul cappello e sul naso.
Coprire con un foglio di carta da forno senza toccare il pane e cuocere in forno a 350 ° per 15 minuti.
Scoprire, cuocere 10-12 minuti più o fino a doratura. Raffreddare su una gratella.