Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Maria Montessori

Tag: Maria Montessori

L’Esercizio Del Silenzio Rivolto Ai Bambini: Il Pensiero Di Maria Montessori

0

Il silenzio, temuto e al contempo bramato dagli adulti, è davvero così difficile da ottenere da un bambino?

Il silenzio viene inteso come assenza di rumore.Questo può destabilizzare un adulto, che si ritrova improvvisamente solo con se’ stesso e si sente perduto, quanto un bambino, che può averne timore per paura di essere rimasto solo.

Il papà di una bimba una volta mi raccontò che la bambina, una gran chiacchierona, gli confidò: “Sai papà, a me non piace non sentire la mia voce… e quindi parlo” Virginia, quasi 4 anni. Io la trovo deliziosamente rivelatrice questa affermazione. Di una coerenza, una logica e una semplicità disarmanti. Rivela un sentimento profondissimo con una capacità strabiliante di far apparire il tutto assolutamente facile.

I genitori non sono i costruttori del bambino, ma i suoi custodi

0

“I genitori non sono i costruttori del bambino, ma i suoi custodi. Essi devono proteggerlo e curarlo in un senso profondo, come chi assume una missione sacra, che supera gli interessi e i concetti della vita esteriore. I genitori sono custodi super-naturali, come gli angeli custodi di cui parla la religione, che dipendono unicamente e direttamente dal cielo, più forti di qualsiasi autorità umana e uniti al bambino da legami indissolubili anche se invisibili. “
Maria Montessori “il segreto dell’infanzia”.

Con queste parole Maria Montessori investe i genitori del ruolo sacro di custodi. Custodi dell’intera umanità che si creerà attraverso l’opera dei loro bambini.

10 frasi di Maria Montessori per una vita d’amore e di consapevolezza

0

Si parla tanto di educazione, pedagogia, metodi di apprendimento e chi più ne ha più ne metta. Ma chi può dire davvero ciò che è giusto per noi e per il nostro bambino? Chi ha la “verità” in tasca?
Nessuno.
Nessuno può sapere cosa può “funzionare” per la nostra situazione.

Ma ci sono delle leggi universali, che meritano di essere abbracciate e fatte nostre da tutti. Le leggi sulla dignità umana per esempio sono patrimonio mondiale e dovrebbero essere rispettate da tutti.

Allo stesso modo Maria Montessori aveva dedicato al bambino e al suo sviluppo, una vita intera. E certe parole, non possono venire dimenticate.

La lettura: consigli Montessori per stimolarla

0
Studio shot of girl with book

“Io chiamo lettura l’interpretazione di un’idea, da segni grafici. Il bambino che non ha sentito dettare la parola e che la riconosce vedendola composta sul tavolino con lettere mobili, e sa dire cosa significa (è un nome di bambino, di città, di un oggetto ecc.), quegli legge” (Maria Montessori)

Spesso siamo portati a pensare che un bambino che sa scrivere sappia anche leggere. In realtà le due cose non sono strettamente correlate. Un bambino che sa scrivere sa mettere insieme diversi suoni, un bambino che sa leggere sa interpretare il senso e il significato della parola letta. Badate bene che pare sia la stessa cosa ma in realtà non lo è.

Montessori: Sbagliare è Umano, Correggere è Diabolico

0

Una delle cose che, in ogni modo, l’insegnante non deve fare, è di interferire per lodare, per punire o correggere errori. Sembra a molti educatori un principio sbagliato ed essi sono contrari al nostro metodo sempre su questo punto. Dicono: “Come potete far progredire il bambino se non ne correggete gli errori?”. Nell’educazione comune il compito fondamentale dell’insegnante è quello di correggere, tanto nel campo morale che in quello intellettuale; l’educazione cammina secondo due direttive: dare premi o dare punizioni; ma se un bimbo riceve premi o punizioni, significa che non ha l’energia di guidarsi e che egli si rimette alla continua direzione dell’insegnante. I premi e le punizioni, in quanto estranei al travaglio spontaneo dello sviluppo del bambino, sopprimono e offendono la spontaneità dello spirito. Non possono perciò aver luogo nelle scuole, come le nostre, dove si vuol rendere possibile e difendere la spontaneità. I bambini lasciati liberi, sono assolutamente indifferenti a premi e castighi.

9 attività per bambini che stimolano fantasia ed empatia

0
Immagine by Manuela Griso

“Lo sviluppo del gioco simbolico avviene secondo cinque stadi di livello:

  • Gioco di passaggio: ossia un’approssimazione di simbolizzazione, come portare il telefono all’orecchio senza parlare;
  • Gioco simbolico diretto a sè: come fingere di dormire
  • Gioco simbolico diretto ad altri: come abbracciare la bambola
  • Sequenza di giochi simbolici: come fare il numero e telefonare
  • Simbolizzazione sostitutiva: quando vengono coinvolti uno o più oggetti sostitutivi, ad esempio usare il cubetto come cornetta e parlare al telefono.”

Jean Piaget

Consigli Montessori per rendere una casa a misura di bambino

1
Immagine by Serena Reggiani

massaggiobimbo

“I bambini osservano tutti gli aspetti dell’ambiente che li circonda, studiano con attenzione i suoni, i colori, i motivi, i sapori, le consistenze….

La stanza deve essere luminosa e variopinta, pulita e ordinata. Tenendo a mente queste osservazioni, guardate il locale dalla prospettiva del bambino. Accovacciatevi sul pavimento. Che cosa vedete? Che cosa sentite? …

… appendete una giostrina sopra il lettino e il fasciatoio, perchè abbia qualcosa da osservare. Potete anche realizzarne alcune a mano e sostituirle di tanto in tanto per offrirgli cose nuove da guardare.

Esercizi Montessori: ecco come i colori affascinano i bambini!

0
Immagine by Manuela Griso

La nostra pausa è terminata… le feste sono passate, noi abbiamo potuto metabolizzare le varie attività suggerite per i sensi dei nostri bambini e siamo giunti al termine di questo lungo viaggio che oggi ci porterà a vedere gli “ultimi” esercizi che affascinano gli occhi dei bambini.

Per cominciare ci immergiamo nel meraviglioso mondo dei colori che da sempre attraggono grandi e piccini…

LE SPOLETTE DEI COLORI

spolete-colori-MontessoriUna prima scatola è composta da i tre colori primari: Rosso, Giallo e Blu o meglio, per i più esperti , Giallo, Magenta e Ciano ovviamente in doppio esemplare.

Materiali Montessori per allenare e meravigliare la vista

0

Il nostro viaggio nel mondo dei sensi ci ha condotti prima attraverso il tatto, poi olfatto e gusto e infine l’udito… Oggi inizieremo a parlare del senso della vista che è forse quello che maggiormente siamo abituati ad utilizzare.

Quindi tutti seduti ai posti di comando con il foglio degli appunti in mano perchè… sarà un lungo e interessante viaggio e dovremo addirittura fermarci a metà per una sosta!

La speciale educazione dell’udito: 6 attività Montessori

0

Ci siamo lasciati con esercizi che favorivano il raffinato senso dell’olfatto e del gusto ed ora vi parlerò dell’udito.

“L’educazione dell’udito ci porta in modo speciale ai rapporti del soggetto con un ambiente in moto, il quale solo può produrre suoni e rumori. Che dove tutto è fermo, esiste il silenzio assoluto.

Un’educazione dell’udito, se parte dalla “immobilità” per andare alla percezione dei rumori o suoni provocati da movimenti, parte dal “silenzio”.