Mente e corpo (o soma) sono qualcosa di indivisibile. Quello che turba uno dei due aspetti inevitabilmente e in qualche modo si ripercuote sull’altro. Questo è molto evidente in quella che viene definita malattia psicosomatica, ovvero un disagio o patologia che si manifesta a livello del corpo o soma con una sintomatologia diversa in base alla parte colpita, la cui origine è un malessere psicologico. Il disturbo psicosomatico è una realtà che non va sottovalutata e può creare anche gravi e importanti condizioni cliniche che richiedono un trattamento a più livelli: fisico e psicologico.

Qualunque cosa si faccia con il corpo influisce sulla mente e ogni cosa che si fa con la mente influisce sul corpo. Corpo e mente sono due aspetti della medesima entità.

(Osho)

Cause principali dei disturbi psicosomatici

donna con mal di testa
Credit foto
©Pexels

Forte stress e condizione di elevata tensione duratura e protratta nel tempo, sono tra le cause principali dei sintomi psicosomatici. Questa condizione psicologica, infatti, ha delle conseguenze a livello fisiologico, con il rilascio di sostanze, come ad esempio il cortisolo, e l’influenza ed alterazione del normale funzionamento fisico, abbassamento delle difese immunitarie, delle risorse.

Tutto questo rende l’organismo più debole e a condizione per cui è necessaria una risposta di “difesa” che si manifesta in sintomatologia psicosomatica.

Altri disturbi psicologici spesso associati a manifestazioni corporee sono la depressione e l’ansia. Tuttavia, non è sempre facile identificare la causa principale, talvolta infatti essa può essere celata, troppo antica e radicata al punto da essere parte della normale condizione di vita, della quotidianità. Ecco, quindi che il lavoro psicologico diviene fondamentale per comprendere cosa genera malessere nell’individuo e agire un cambiamento.

Le manifestazioni psicosomatiche possono coinvolgere diverse aree del corpo.

Al pari del corpo, possiamo rendere l’intelletto più pronto e più agile: è necessario, a tal fine, esercitare l’uno come si esercita l’altro.

(Luc de Clapiers de Vauvenargues)

Psicosomatica e apparato cardiocircolatorio

Molte sono le manifestazioni del malessere psicologico a livello dell’apparato cardiovascolare. tra queste vi sono:

  • Aritmia: la cosiddetta sensazione di avere il cuore in gola, con successiva stanchezza, affanno, fatica nell’eseguire le cose quotidiane a causa di alterazione della frequenza e battito cardiaco.
  • Tachicardia: l’aumento delle pulsazioni può essere legato a particolari attività o momenti di vita più intensi ma manifestarsi anche in condizioni di “riposo” proprio per causa psicosomatica
  • Ipertensione arteriosa: condizione dovuta ad elevata pressione del sangue nelle arterie che è fattore predisponente per patologie e problemi cardiaci importanti.

Vi sono poi altre manifestazioni quali Cardiopatia ischemica, Coronopatia, Nevrosi cardiaca, Algia precordiale, anch’esse riconducibili a cause psicosomatiche.

“Le malattie che sfuggono al cuore divorano il corpo.”

(Ippocrate di Coo)

Leggi anche —> Trattenere le proprie emozioni fa ammalare corpo e mente

Psicosomatica e apparato gastrointestinale

Forse tra le più frequenti manifestazioni gastrointestinali legate alla patologia psicosomatica sono molte e spesso molto fastidiose e invalidanti. Tra queste vi sono:

  • Nausea e Vomito non legati a condizioni fisiche e di malessere ma a una situazione di forte tensione, stress che si ripercuote sul funzionamento dell’apparato gastrointestinale
  • Stipsi o diarrea
  • Gastrite: infiammazione della mucosa interna dello stomaco che causa dolore, nausea e vomito, bruciore, può avere origine nervosa.
  • Ulcera peptica: che è caratterizzata da lacerazione della mucosa interna dello stomaco
  • Reflusso gastroesofageo

Oltre a queste possono esserci anche: Colite spastica (sindrome del colon irritabile), Colite ulcerosa, Piloro spasmo.

“Scegli piuttosto di essere forte nell’animo che forte nel corpo.”

(Pitagora)

Psicosomatica e sistema cutaneo

Anche l’acne, condizione spesso legata all’adolescenza, può tornare in momenti di forte stress. Oltre all’aumento dell’acne gli effetti psicosomatici che si manifestano sulla cute possono essere:

  • aumento della sudorazione,
  • psoriasi ovvero un’infiammazione cronica della pelle,
  • prurito diffuso e non ascrivibile a particolari condizioni,
  • orticaria,
  • dermatite atopica
  • secchezza della cute o delle mucose, eritemi

Le manifestazioni cutanee sono molto comuni e possono comportare grandi fastidi oltre a problematiche rilevanti.

“L’uomo non ha un corpo separato dall’anima. Quello che chiamiamo corpo è la parte dell’anima che si distingue per i suoi cinque sensi.”

(William Blake)

Psicosomatica e sistema muscolo scheletrico

Quanti di noi soffrono di mal di schiena cronico? Molte volte si associano i dolori muscolari a sforzi fisici, posture errate, condizioni particolari, tuttavia queste sono solo alcune delle cause dei disagi e fastidi a carico della muscolatura e delle ossa. Spesso, infatti, condizioni di elevata tensione, nervosismo prolungato e somatizzazione delle fatiche e difficoltà psicologiche, può portare all’insorgenza di cefalee e mal di testa cronici, crampi muscolari, contratture forti e dolorose, torcicollo, fino a condizioni più compromettenti come fibromialgia, artrite, e dolori cronici.

Se il lavorare sulla sintomatologia è importante al fine di ridurre il dolore è bene considerare la cronicità di queste condizioni e quindi la necessità di agire anche sulle cause psicologiche e lo stile di vita.

“L’anima e il corpo sono una sola e unica cosa.”

(Spinoza)

Leggi anche —> Dolore cervicale: l’origine psicosomatica e i rimedi naturali

Altri disagi psicosomatici

Altre condizioni che possono derivare dalla psicosomatizzazione sono per esempio legati al funzionamento dell’apparato endocrinologico quali problematiche alla tiroide o diabete; al sistema respiratorio come asma, dispnea, iperventilazione, singhiozzo; a quello urogenitale come impotenza, eiaculazione precoce, anorgasmia, dolori mestruali elevati, enuresi, ecc.

La sintomatologia può quindi essere differente e le manifestazioni psicosomatiche molto vaste. È importante, considerata la pervasività non sottovalutare nessuna condizione.

“Ai giorni nostri metà delle nostre malattie derivano dal dimenticarsi del corpo facendo lavorare la mente oltre misura.”

(Lord Owen Meredith)

Cura delle patologie psicosomatiche

La cura delle patologie psicosomatiche non può prescindere da un’unione tra discipline: quelle mediche volte alla cura e trattamento dei sintomi, specialmente se gravi, e quelle psicologiche per il lavoro sulla psiche e sugli aspetti emotivi sottostanti.

Ecco, quindi che è importante riconoscere le cause del disturbo. Sicuramente è importante effettuare tutti gli accertamenti medico clinici al fine di scongiurare una causa fisica, magari anche importante, e poi però, prendere con estrema serietà la natura psicosomatica e quindi la fatica psicologica.

Troppo spesso, presi nella quotidianità, non ci si accorge di quello che accade e dei segnali che il corpo manda in condizioni di forte tensione e stress. Ci si trascina per lungo tempo, fino a quando i sintomi diventano importanti e molto compromettenti.

A livello psicologico è quindi importante riconoscere e dare attenzione al vissuto emotivo, ascoltare le emozioni dolorose e le fatiche che si vivono e attivare una serie di azioni, comportamenti, pensieri e atteggiamenti funzionali al benessere. Rinnegare o sopprimere il vissuto emotivo porta nel tempo ad esplodere e a manifestare il disagio in differenti modalità.

Ci sono casi in cui la persona, da sola, riesce a rielaborare il vissuto e attivare un cambiamento, altre volte invece è importante affidarsi a specialisti che si possano curare del nostro benessere psicologico e fisico.

“il nostro corpo è un giardino di cui è giardiniere la nostra volontà.”

(William Shakespeare)

Milena Rota

Articolo precedente“Il monaco che amava i gatti”: 10 citazioni dal libro
Articolo successivoIl meraviglioso potere rilassante del Training Autogeno
avatar
Psicologa e psicologa dello sport. Attenta al benessere della persona ad ampio raggio, ama lo sport e specialmente camminare in mezzo alla natura. La montagna è la sua passione. È determinata, sempre in movimento e a caccia di nuovi stimoli e spunti. Crede fortemente nel lavoro di equipe dove “tante teste possono suonare insieme per dare voce ad una bellissima melodia”. Lavora principalmente presso uno studio privato multidisciplinare (Centro Elpis di Ispra -Varese), dove si occupa prevalentemente di tematiche relative all’età dello sviluppo e di performance sportiva. Componente di equipe accreditate dall’AST-Insubria per la prima certificazione dei Disturbi dell’Apprendimento (DSA). Frequenta un master di specializzazione sui Disturbi del Comportamento Alimentare. “È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante.” (Il Piccolo Principe, Saint-Exupéry)