La parola libertà deriva dal lemma latino libertas e precisamene fa riferimento all’essere libero, ovvero essere senza costrizioni. A primo impatto se si pensa alla libertà, ci si concentra sulla possibilità di stare o agire senza alcun vincolo, specialmente fisico, o imposizione dall’esterno. In realtà la libertà ha un significato assai più profondo tanto che si può essere da soli su un’isola deserta e non sentirsi libero così come allo stesso modo si può vivere incastrati in una quotidianità stretta e scomoda ma sentirsi liberi.

Dove sta la differenza? Il punto è che la libertà non è solo una condizione fisica e di circostanza ma principalmente ed essenzialmente una condizione mentale, una sensazione, emozione, un vissuto interiore.

Non è poi sempre facile parlare di libertà come unica realtà, ma come costrutto complesso e con varie sfaccettature, ho pensato di partire da alcune frasi e citazioni sulla libertà per cercare di sviscerare il significato profondo che ha per me questa parola.

La libertà al singolare esiste soltanto nelle libertà al plurale.

(Benedetto Croce)

La libertà non ha prezzo, ma valore

La libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare. (Pietro Calamandrei)

Troppo spesso diamo per scontato la libertà. Soprattutto vivendo in società democratiche in cui la libertà di pensiero e parola sono un valore riconosciuto, troppo spesso ci si dimentica di quanto sia invece importante lottare ogni giorno per tenersela stretta (un esempio è stata la conquista femminile di portare i pantaloni)

È proprio quando accade qualcosa che ci limita nel nostro essere liberi che ci rendiamo conto di quanto sia importante avere il proprio spazio e la possibilità di scegliere per sé. Non bisogna pensare a cose tanto strane: pensiamo a questa situazione di pandemia, da un giorno all’altro ci hanno chiuso in casa, lasciandoci in un isolamento difficile da accettare. Anche le cose di cui ci lamentavamo ogni giorno hanno quindi assunto sapore di libertà e le bramavamo più di ogni altra cosa.

L’esortazione è quindi cercare di assaporare la libertà nelle cose della vita quotidiana anche quelle più scontate.

Leggi anche —> Vivere con leggerezza, che non significa essere superficiali, ma lasciare i pesi

uccello che vola
Credit foto
©Pexels

Libertà dai giudizi altrui

Se per la tua gioia hai bisogno del permesso di altri, sei proprio un povero sciocco. (Hermann Hesse)

Frase molto forte ma che racchiude l’importanza di imparare a pensare con la propria testa e liberarsi del giudizio degli altri. Questo non vuol dire essere scortesi o arroganti, ma essere sicuri di sé, in grado di comprendere cosa è giusto e cosa no per se stessi, fare le proprie scelte e sentirsi autorizzati a esprimere la propria opinione. Il giudizio degli altri, o la paura dello stesso limita la libertà di pensiero e pongono in una “prigione” in cui ci si sente sempre in difetto, non adeguati e capaci.

La sfida è mettersi gioco, comprendere che ognuno di noi ha delle abilità e capacità e delle aree da migliorare e non è una gara a chi è migliore ma una sfida personale a stare bene ed essere liberi con se stessi. Provare a capire le proprie passioni, i propri interessi, i propri punti di forza e sbocciare come un fiore, passo dopo passo con un po’ di coraggio.

Leggi anche —> Se hai ben chiare le tue priorità, scegliere non è difficile

Le regole della libertà

Dove non c’è legge, non c’è libertà. (John Locke)

 Parlare di limiti quando si descrive la libertà sembra un paradosso. Eppure, per essere liberi ci devono essere dei vincoli. Strano, vero? Proviamo a pensare ad una realtà priva di regole in cui ognuno fa quello che vuole, inevitabilmente regnerebbe il caos e non vi sarebbe più alcuna possibilità di essere libero, nascerebbero fisiologicamente conflitti e criticità.

La libertà è una forma di disciplina. (Giovanni Lindo Ferretti)

Questo in qualche modo ci dice che propria libertà finisce dove inizia quella degli altri. Quando ero piccola mi dicevano sempre che ognuno ha il proprio quadratino, piastrella, orticello in cui ha il diritto di essere libero di essere se stesso, ma valicata questa protezione, questo diritto è anche dell’altro e nessuno può permettersi di esprimere giudizio su come l’altro agisce o è.

La libertà di ognuno ha per limite la libertà degli altri.

(Alphonse Karr)

Leggi anche —> L’importanza del saper dire di no

La libertà in amore

Libertà e amore sono una cosa sola.

(Novalis)

Non esiste amore senza libertà. Amare qualcuno, sia esso un partner, un figlio, un amico, insomma volere davvero bene significa lasciare l’altro libero nel suo modo di essere ed accettarlo così com’è. Se si riesce a fare questo non solo si prova amore e bene puro e incondizionato, ma si è liberi di preconcetti, pregiudizi, desiderio di controllo. Un amore libero nel senso di aperto al rispetto e all’accoglienza dell’altro è un sentimento con fondamenta importanti e durature.

Libertà di scegliere e di lasciar andare

La cosa essenziale nella vita è scegliere. Se ti tolgono la possibilità di farlo è come se ti togliessero la libertà. 

(Jean-Paul Sartre)

La libertà di scelta è una delle sfaccettature più importanti dell’essere liberi. Implica la possibilità di decidere per sé cosa possa fare bene. Questo può portare a scelte non funzionali per sé e che aprono a nuove prigioni o vincoli, tuttavia nell’atto di scegliere ha regnato la sensazione di essere liberi di farlo. Una conquista è anche la dolorosa scelta di lasciare andare qualcosa ci siamo stati legati e che però non può più far pare della nostra vita, anche questa è una forma di libertà dalle proprie prigioni, consuetudini e nelle proprie relazioni. Poi allora si dovrà lavorare e ragionare se la scelta è davvero volta al benessere e libertà o meno. La scelta per essere libera deve essere consapevole, autonoma, pensata e presa con cognizione, senza preconcetti e imposizioni, ma anche desiderata, voluta e sentita.

Tra lo stimolo e la risposta, uno ha la libertà di scegliere. 

(Stephen R. Covey)

Milena Rota

Articolo precedenteAnimali Totem: cosa sono e come trovare il proprio
Articolo successivoIl Mental Coach: il professionista che allena la mente
avatar
Psicologa e psicologa dello sport. Attenta al benessere della persona ad ampio raggio, ama lo sport e specialmente camminare in mezzo alla natura. La montagna è la sua passione. È determinata, sempre in movimento e a caccia di nuovi stimoli e spunti. Crede fortemente nel lavoro di equipe dove “tante teste possono suonare insieme per dare voce ad una bellissima melodia”. Lavora principalmente presso uno studio privato multidisciplinare (Centro Elpis di Ispra -Varese), dove si occupa prevalentemente di tematiche relative all’età dello sviluppo e di performance sportiva. Componente di equipe accreditate dall’AST-Insubria per la prima certificazione dei Disturbi dell’Apprendimento (DSA). Frequenta un master di specializzazione sui Disturbi del Comportamento Alimentare. “È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante.” (Il Piccolo Principe, Saint-Exupéry)