Chi sono le donne sagge? Sono delle donne che hanno percorso un cammino spesso tortuoso, fatto di lezioni ed esperienze profondamente trasformative, che le hanno portate sulla strada della maturità interiore. Qui, la saggezza rima con consapevolezza e non segue per forza l’ammontare degli anni. In effetti, si possono incontrare, se si ha fortuna, delle donne sagge che possono avere anche 35 anni; di solito, sono quelle che da giovane hanno accusato colpi molto duri ma hanno trovato dentro di loro la forza per rialzarsi e hanno sentito dentro al cuore la spinta ad aiutare gli altri.

“Che una donna che continua ad arricchire la propria saggezza debba costantemente trovare nuove radici nella vita spirituale è un atto estremo di liberazione. Insegnare ai giovani a fare lo stesso – e per “giovani”, intendo chiunque abbia minore consapevolezza o meno esperienza – è l’atto radicale e rivoluzionario più grande.”

(Clarissa Pinkola Estés)

L’Archetipo nelle donne sagge

Nel nostro immaginario, le donne sagge assomigliano un po’ alle streghe, e forse è un po’ così perché queste donne dalla vasta conoscenza che mettono al servizio degli altri sono spesso anticonformiste: vivono seguendo le loro aspirazioni e si burlano dei dettami di una società che mira a rendere le persone tutte uguali; infatti fanno proprio il contrario: aiutano le persone a scoprire la loro meravigliosa unicità e a rincorrere la loro felicità, non quella propinata loro dalla società di consumo. Le donne sagge sono molto diverse tra di loro, ma hanno dei punti in comune interessanti  che Jean Shinoda Bolen ha elencato nel suo libro Las brujas no se quejan. Manual de sabiduria concentrada (edizioni Kairos) e che scopriremo insieme tra poco.

Ma prima di tutto, chi è Jean S. Bolen? Nata nel 1936 negli Stati Uniti, Jean S. Bolen è una psichiatra, psicologa junghiana, oratrice e autrice di fama internazionale. È un’attivista importante per il movimento femminile internazionale. Ha scritto molti libri, tradotti in oltre novanta edizioni straniere. Il suo nome appare in tre documentari acclamati dalla critica: nel documentario “Women – For America, For the World”, vincitore del premio oscar come miglior documentario cortometraggio nel 1987; e nei due film canadesi “Goddess Remebered” e “Femme: Women Healing the World”.

In italiano, ha pubblicato alcuni libri tra cui Le dee dentro la donna. Una nuova psicologia femminile (Ed. Astrolabio, 1991), di cui avrai sicuramente sentito parlare.

→ Leggi anche: Le Dee dentro le donne. Quali sono, come riconoscerle e perché possono cambiarci la vita

Secondo Jean S. Bolen, un archetipo pregnante nelle donne sagge è quello della Grande Madre, della madre archetipica che va al di là della dimensione individuale: ciò che una donna saggia vuole per il proprio figlio, lo vuole per tutti i bambini del mondo. Questa figura ci ricorda un po’ le nonne dei vecchi tempi che accoglievano in casa i bambini del quartiere per fare merenda. Non era solo la nonna di una tale, era LA nonna, quella di tutti. Le donne sagge si comportano allo stesso modo: riescono ad essere materne con tutti, ad incarnare quell’archetipo della Grande Madre sia nel modo di agire nel mondo, che nell’essere.

Clarissa Pinkola Estés dice in proposito, nel suo libro La danza delle Grandi Madri (Ed. Pickwick, 2012): “Parlare dell’imago profonda della Grande Madre come uno degli aspetti più importanti dell’archetipo della donna saggia non significa parlare di un’età cronologica o di una fase nella vita delle donne. Grande perspicacia, grande preveggenza, grande pace, espansività, sensualità, grande creatività, acume e audacia nell’apprendimento, ovvero essere sagge non è una condizione pienamente formata che arriva all’improvviso a una certa età e ricade sulle spalle di una donna come un mantello. Grande chiarezza e percezione, grande amore di immensa magnitudine, grande consapevolezza di sé di enorme profondità e ampiezza, la crescita di una saggezza squisitamente applicata… Sono tutte opere in divenire, non conta quanti anni abbia accumulato una donna.

Le 13 regole delle donne sagge, secondo Jean S. Bolen

1. Le donne sagge non vivono lamentandosi, creano cambiamenti.

2. Le donne sagge sono coraggiose.

3. Le donne sagge hanno il pollice verde con le piante.

4. Le donne sagge si fidano del proprio intuito e rispettano quello delle altre.

5. Le donne sagge meditano ogni giorno e sono in comunicazione con la propria interiorità.

6. Le donne sagge difendono con fermezza ciò che ritengono importante.

7. Le donne sagge scelgono il proprio cammino anche con il cuore.

8. Le donne sagge dicono la verità con compassione.

9. Le donne sagge ascoltano il proprio corpo.

10.Le donne sagge improvvisano e giocano.

11. Le donne sagge non implorano con dipendenza.

12. Le donne sagge ridono insieme.

13. Le donne sagge apprezzano il positivo della vita e lo condividono con semplicità.

In definitiva, il percorso della donna saggia è un cammino in divenire fatto di profonde introspezioni, prove, gioie, esperienze dirette ed azioni concrete; è fatto di una vita piena, vissuta fino in fondo. Ma la cosa più importante è che quella saggezza non si basa sul tempo, ma sulla vita concentrata in ogni momento.

Sandra “Eshewa” Saporito
Autrice e operatrice in discipline Bio-Naturali
www.risorsedellanima.it