Nel mondo della crescita personale, della ricerca interiore e della cosiddetta spiritualità circolano innumerevoli testi che promettono la felicità, il raggiungimento del successo, il superamento del dolore. Ma non è tutto oro quel che luccica e l’idea che in un manuale si possa racchiudere il segreto della vita è quanto mai superficiale. Non esistono formule magiche per essere felici perché ognuno di noi ha modi diversi di concepire la felicità. Non esistono scorciatoie per arrivare ai propri obiettivi, semmai strategie per migliorarsi.

Ecco perché di seguito non troverete una selezione di manuali risolvi-esistenze, rivelatori del segreto della vita, che è troppo complessa, meravigliosa e articolata per poter essere riassunta in due parole, ma libri di “crescita personale” che incoraggiano a porsi domande, a mettere in dubbio certezze castranti, a osservare la realtà e noi stessi da prospettive nuove, insolite, curiose.

Libri che risvegliano parti nascoste di sè, che spingono oltre i confini, che incitano a ribellarsi allo status quo, che aprono menti e risvegliano cuori. Libri per riflettere. Per dubitare di ciò che diamo per scontato. Per distruggere e ricostruire. Per imparare non solo a stare bene con se stessi ma con il mondo, insieme al mondo, al di là dell’interesse puramente personale.

  1. Gli insegnamenti di Don Juan, Carlos Castaneda

gli-insegnamenti-di-don-juan

Entrare in contatto con altre culture è importantissimo per ampliare gli orizzonti e accorgersi dei limiti della propria realtà di appartenenza. Limiti di cui altrimenti non si ha consapevolezza e che possono risultare castranti anche dal punto di vista della crescita personale.

In questo libro Carlos Castaneda, venendo in contatto con l’indio yaqui Juan Matus, ci accompagna in un altro mondo attraversando le regioni inesplorate dell’interiorità, abbandonando via via i canoni di pensiero occidentali perché non tutto quel che esiste rientra nel mondo sensibile. Ed è percorrendo questa strada alternativa che si può giungere, non senza fatica, alla consapevolezza autentica di sè.

2. Tu non sei Dio, Maura Gancitano e Andrea Colamedici

tu-non-sei-dio

Tutt’altro che un manuale per illuminarsi in una settimana o per ottenere fama, felicità e successo. “Tu non sei Dio” è un’analisi spietata della spiritualità contemporanea, di cui viene accuratamente svelata l’inconsistenza, mostrando come la maggior parte delle esperienze proposte in questi ambiti funzionino alla stregua di “stupefacenti” in grado di alterare l’attività mentale ed indurre dipendenza anziché liberazione.

Ma non si tratta di un semplice saggio, “Tu non sei Dio” rappresenta un ottimo punto di partenza per chiunque sia disposto a mettere in discussione tante presunte verità, a costo di dover ricominciare tutto, a costo di dover ammettere di aver sbagliato tutto.

3. Il processo della presenza, Michael Brown

il-processo-della-presenza

Rispetto al testo di Carlos Castaneda, questo è un libro che fin dalla copertina esprime appartenenza all’universo New Age. Tuttavia propone un percorso di “presenza” interessante, che si propone di aiutare il lettore ad assumere la responsabilità della propria esistenza attraverso l’integrazione emotiva.

Il libro è strutturato in capitoli con esercizi che vanno eseguiti secondo le tempistiche indicate, focalizzati sulla presenza e il respiro. Un’avventura curiosa, per certi versi molto destabilizzante.

4. Alice nel paese delle meraviglie, Lewis Carroll

alice

Sembrerà insolito trovare questo libro in un elenco di testi sulla crescita personale, ma Alice è una vera esploratrice e la sua inarrestabile curiosità, mista a un pizzico di incoscienza, le permette di accedere a mondi ad altri inaccessibili. Leggendo il libro di Lewis Carroll non si impara a prendere la strada giusta ma a perdersi. Perché il viaggio di Alice è destabilizzante e proprio per questo fondamentale in un percorso autentico di “crescita personale”.

5. Psicologia Alchemica, James Hillman

psicologia-alchemica

Non è un libro facile “Psicologia alchemica” ma per chi ama l’alchimia è assolutamente imperdibile. Hillman, approfondendo le intuizioni di Jung, mostra come la psicologia possa essere affiancata da una disciplina come l’alchimia, apparentemente tanto distante, illustrando le corrispondenze tra fasi alchemiche e fasi analitiche: dalla nigredo degli stadi depressivi all’albedo della riflessione, dalla citrinatas dolorosa alla conclusiva rubedo, in cui psiche e cosmo raggiungono l’agognata armonia.

6. Libro degli Angeli, Igor Sibaldi

libro-degli-angeli

Che angelo sei? Per gli antichi gli Angeli erano messaggeri del Cielo da cui era possibile ricavare energia e istruzioni, l’angelologia è infatti una scienza millennaria grazie alla quale è possibile riconoscere le potenzialità straordinarie della propria mente. In questo libro Igor Sibaldi spiega come applicarla alla vita per capire i propri Angeli e seguirne i preziosi consigli. “Non sei qui per caso. Nessuno lo è. Ogni giorno, c’è qualcosa di grande, di luminoso che vuole rivelarsi attraverso di te.” Igor Sibaldi

7. La disobbedienza, Igor Sibaldi

la-disobbedienza

In questo libro Igor Sibaldi propone un’altra annunciazione, diversa da quella della tradizione: l’arcangelo fa visita alla dimensione interiore di ciascuno, che gli antichi teologi definivano “Maria”, madre di Dio.  Per conquistare la libertà bisogna disobbedire perché la maggior parte delle cose che già sappiamo, e che non ci importano, contengono minacce alla nostra identità oppure provocano situazioni di oppressione.

8. Elogio alla Notte, Claudio Marucchi

elogio-alla-notte

Qual è il ruolo della notte nella nostra coscienza oggi che la luce, il diurno, il solare, con la loro “ansia di purificazione”, sembrano volerci dominare? L’ombra e le tenebre sono importanti in un percorso spirituale? Claudio Marucchi, laureato in Religioni e Filosofie dell’India e dell’Estremo Oriente, in questo affascinante viaggio nel mondo della notte, propone riflessioni interessanti sull’importanza del buio, il grande rimosso della società contemporanea.

9. Io non penso positivo, Gabriele Oettingen

io-non-penso-positivo

Negli ultimi anni il Pensiero positivo ha conquistato il mondo occidentale ma Gabriele Oettingen, specializzata nella scienza motivazionale, in questo libro sfata moltissimi miti dimostrando, con prove alla mano, che gli ostacoli non sono sempre negativi quando si intende raggiungere un qualunque obiettivo. Addirittura possono accelerarne la realizzazione. E allora, secondo la Oettingen, è meglio bandire il pensiero positivo, che soddisfa solo virtualmente sottraendoci preziose energie.

10. L’Arte di sognare, Carlos Castaneda

arte-di-sognare

Ne “L’arte di sognare” Carlos Castaneda si addentra nel mondo onirico rivelando le sette porte che permettono al sognatore di raggiungere la perfezione nell’arte del sogno, consentendogli di entrare in un’altra dimensione. Un’avventura pericolosa che tuttavia riserva innumerevoli sorprese e che cela risorse importanti per la crescita personale.

Laura De Rosa

mirabilinto.com