Curiosità
Primo piano

Lanterne di San Martino Fai da Te

Di Valeria Bonora - 3 Novembre 2015

L’11 di novembre si celebra l’estate di San Martino, tutti conoscerete la sua storia che dà il via alle feste natalizie e conclude il periodo della raccolta e dell’immagazzinamento delle provviste per l’inverno, ma se volete leggerla potete dare un’occhiata a “La Festa di San Martino e Del Vino Novello“.

❝Lanterne, lanterne, sole, luna e stelle,
date luce a noi, date luce a noi,
questa luce nel Mondo vogliamo portar!❞

Durante la festa di San Martino è usanza accendere una lanterna che dovrebbe rimanere accesa tutte le notti fino a Natale come simbolo del calore estivo, di buon auspicio e di calore umano.

In passato la festa di San Martino coincideva con la festa pagana in cui i contadini pagavano la decima ai padroni, di solito con bestiame che sarebbe stato difficile per i contadini da gestire durante il lungo e freddo inverno, come le oche, ed è anche per questo che questa festa viene ricordata come la festa delle oche, anche se a dirla tutta le oche non ne erano troppo entusiaste visto che venivano mangiate!

Le lanterne vanno accese nel pomeriggio, e poi insieme ai bambini si portano ad illuminare i boschi aiutando gli animaletti a trovare le loro tane per l’inverno, durante la passeggiata nel bosco vengono raccontate delle storie, come ad esempio “La pioggia di stelle” dei fratelli Grimm, oppure si cantano canzoncine come “San Martino cavaliere

❝San Martino, cavaliere,
ti ringrazio per la luce,
che per strada mi conduce,
e mi illumina il cammin.❞

oppure come “La lanterna

❝La lanterna che ci illumina il cammin
nelle notti senza luna
che ci guida verso la felicità sempre uniti ci terrà.
Se per caso abbiamo litigato un po’
qui ci vuole la lanterna
con la fiamma sempre lei ci aiuterà e la pace si farà.
Alla Grande Quercia tutte accorse siam
e comincia qui il Consiglio
con la fiamma sempre lei ci aiuterà e la gioia ci sarà.❞

Il rituale delle candele è molto sentito nelle scuole steineriane dove un rituale quasi magico accoglie bambini e genitori che concludono con una passeggiata nel bosco ad illuminare la natura.

Se volete partecipare anche voi alla festa di San Martino vi occorre una o più lanterne, ecco alcune idee per farle in casa, ma mi raccomando fate moltissima attenzione, soprattutto con quelle di carta, perché i bambini potrebbero giocarci e farsi male col fuoco.

lanterna

Credit foto
© Pexels

1- La prima lanterna è molto semplice basta un cartoncino colorato o disegnato, un foglio di carta da lucido, un lumino scaldavivande, di quelli che si usano anche nei fornellini per gli olii essenziali, fobici e colla.

Tagliate un pezzo di cartoncino la cui base sia sufficientemente lunga da girare intorno al lumino e alto una ventina di centimetri, poi tagliate anche il foglio di carta da lucido della stessa misura alla base ma alto circa 5 cm in meno.

Ora piegate il cartoncino a metà e praticate dei tagli come in figura, di circa un centimetro di larghezza. Ora incollate il foglio di carta da lucido intorno alla base del lumino e chiudetene le estremità in modo da formare come un rotolo con dentro il lumino, poi prendete il cartone e incollatelo anch’esso alla base del lumino e incollate l’altra base all’estremità del foglio da lucido, piegandosi le fessure dovrebbero aprirsi.

Per sicurezza fissate il fondo del lumino con del nastro adesivo e applicate una maniglia. Per accendere il lumino potete usare uno spaghetto!!

2- Per fare la prossima lanterna ci sarà bisogno di carta da cucina, un palloncino, colla vinilica e acqua (o anche di una colla fatta con acqua e farina), colori, lumino, fil di ferro e un bastone.

Gonfiate il palloncino e ricopritelo di pezzetti di carta bagnata con la mistura di acqua e colla (in parti uguali) fino ad un po’ più di metà. Lasciatelo asciugare per bene tutta la notte e poi bucate il palloncino. Con un po’ di cera fissate il lumino sul fondo, fate due buchi per il fil di ferro e fissate la lanterna ad un bastone!

Con la stessa tecnica delle lanterne fatte con i palloncini potete utilizzare al posto della carta da cucina, la carta di riso, la carta velina e potete decorarle con delle foglie!

3- Un’altra lanterna di san martino molto bella è quella creata ripiegando degli esagoni di carta, magari da far fare ai bambini più grandicelli che mettono in pratica le tecniche di disegno tecnologico imparate a scuola! 😉

Servirà una carta non troppo spessa ma sostenuta (tipo pergamena o carta da origami) e colorata solo da un lato.

4- Anche le lanterne quadrate sono molto belle, serve del cartoncino, un taglierino e della colla.

Dovrete realizzare 2 pezzi di cartoncino da 8×13 cm, 2 pezzi da 11×13, un pezzo da 9,5×9,5 cm. Sui due da 8×13 ritagliate una figura di vostro gradimento ma non troppo grande, mentre degli altri due piegate un centimetro e mezzo da ogni lato più lungo per incollarli agli altri due.

Per la base dovrete disegnare le diagonali del quadrato, tracciare un quadrato di 8×8 (lasciando quindi un cm e mezzo ai lati), ritagliare lungo le diagonali fino al quadrato interno, e ripiegare internamente le alette formatesi. Assemblate il tutto con della buona colla o con del nastro adesivo, metteteci un manico e il lumino (fissatelo sempre sul fondo con un po’ di cera)!

5- Ed ora la mia preferita, quella che forse è anche la più sicura per i bimbi.

Per realizzarla serve un bel vaso grande, colla vinilica, foglie autunnali, pennello, rafia, fil di ferro e il solito lumino!

Asciugate bene le foglie ma non seccatele (quando le raccogliete controllate che non si rompano piegandole), con un pennello ricoprite il vaso esternamente di colla, passatene anche sulle foglie e incollatele al vaso. Coprite il tutto con ancora un bello strato di colla e lasciate asciugare.

Con la rafia decorate il bordo del vasetto, create un manico col fil di ferro e ricopritelo di rafia o nastro. (Se non avete le foglie potete usare anche della carta di riso o della carta velina colorata)

Metteteci dentro il lumino ed ecco pronta la lanterna.

Anche le bottiglie di plastica possono diventare delle bellissime lanterne con la stessa tecnica usata per quelle fatte con i vasetti di vetro.

Con la stessa tecnica delle lanterne fatte con i palloncini potete utilizzare al posto della carta da cucina, la carta di riso, la carta velina e potete decorarle con delle foglie!

Ovviamente potete anche trovare in commercio delle splendide lanterne in carta di riso, ma volete mettere presentarvi alla festa con le Lanterne di San Martino fatte da voi?

Buon San Martino a tutti!

Valeria Bonora





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)