Se Madre Natura ha scelto una dimora fissa, allora sicuramente quest’ultimo baluardo di questa natura stanca e provata è l’Amazzonia, con la sua foresta piena di contraddizioni, di meraviglie e di pericoli.

Più di 7 milioni di km² di foresta pluviale, di verde, acqua, piante tropicali, di animali dalla bellezza straordinaria, un paradiso tanto selvaggio quanto incantato, il più grande polmone verde del mondo abitato da popolazioni aborigene che sono rimaste assolutamente al di fuori del contesto “civile”contemporaneo.

Aislados

Il suo territorio va dal Brasile alla Guinea (65% del territorio in Brasile, il restante tra Colombia, Perù, Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana francese), ma dovrebbe essere considerato un bene senza confini, un dono della natura all’essere umano, un privilegio da difendere e tutelare ad ogni costo. Invece no, la bramosia e la fame di soldi e di potere ad ogni costo, hanno stabilito una nuova regola, hanno deciso che i doni che la natura ci ha fatto non sono altro che un enorme supermercato da saccheggiare a oltranza, prendendo ogni genere di cosa dagli scaffali ricchi e invitanti.

Un errore, però, accompagna questa teoria capitalistica e consumista; si pensa infatti che questo scempio non abbia prezzo, che depredare questa enorme risorsa sia gratis, ma non è così. Il conto la natura ce lo porgerà, con ben poca gentilezza, alla fine.

image037

L’Amazzonia sta correndo un rischio enorme, a causa dei trafficanti di droga e del disboscamento feroce. Le popolazioni indigene stanno in parte tentando di difenderla, più di un leader, come ricorderete, è stato ucciso, ma è una lotta impari.

Dico in parte si, perché una fetta di questa gente è, purtroppo, arruolata, a basso costo, dagli stessi che stanno distruggendo la loro casa.

Questa è una strategie tipica delle dinamiche economiche globali. Le grandi multinazionali, le compagnie di narcotrafficanti e di bracconieri, sfruttano la povertà locale, ingaggiano i meno consapevoli e li trasformano in dipendenti o criminali, o in indifferenti consumatori. Basti pensare come la bibita più venduta al mondo abbia tra i suoi maggiori consumatori gli stessi a cui depreda acqua e terreni.

chevron-in-amazzonia

E’ una storia vecchia che si ripete.

Non solo la natura corre un grave rischio, ma come ovvio, anche i suoi abitanti e non solo gli animali, a anche gli esseri umani, tutte quelle popolazioni indigene che stanno scappando a causa del disboscamento. Abbandonano i loro territori, come testimoniato dai responsabili del Funai (Fondazione Nazionale degli Indigeni Brasiliani) e in questa fuga disperata, il rischio di morte si alza vertiginosamente. Più si avvicinano alle cosiddette zone civilizzate, più corrono il rischio di contrarre le nostre malattie, per loro mortali.

Amazon Alive_Part 2_Kayapo Child

Tutto questo sembra così lontano da noi e questa lontananza ci rende apparentemente impotenti, ma non è così. La consapevolezza, le prese di posizione e il boicottaggio, possono boicottare le compagnie petrolifere, le multinazionali che distruggono i territori, non solo quello amazzonico, è una forma di lotta e di protesta che avrà i risultati.

Per sapere come comportarsi, cosa boicottare, è sufficiente andare in rete e attraverso i maggiori siti ambientalisti capire meglio cosa sta succedendo.

La cosa importante è non scordare mai che tutto è connesso!

Ecco perchè dobbiamo attivarci, ecco cosa dobbiamo salvare:

Amazzonia1

amazzonia

Flooded forest, Amazonas, Brazil

amazzonia2

scimmia-foresta-amazzonica

A8A5M2

pappagalli-amazzonia

animali-amazzonia1

Colin Firth launches campaign to save rainforest tribe

 

Ecco l’Amazzonia violentata dall’uomo:

Amazzonia-deforestazione1

deforestazione

deforestazione-amazzonia

deforestazione-ruspa

deforestazione2