Le piante aromatiche sono le compagne perfette in cucina, ma la maggior parte di loro non dura molto e segue rigorosamente la stagione. Ce ne sono alcune però che possono accompagnarci durante tutto l’anno, sono le piante aromatiche perenni, facili da coltivare e ottime in cucina.

Alberi, arbusti e piante che sprigionano il loro aroma perenne durante tutte le stagioni, profumi sempreverdi che trasformano i nostri piatti e il modo di vivere quotidianamente la cucina.

Le aromatiche possono essere coltivate sia in giardino che in balcone/terrazzo e le migliori sono proprio le sempreverdi.

Vediamo quali possono essere coltivate facilmente anche in balcone.

1. La salvia

salvia

 

La più conosciuta è sicuramente la salvia, che leggenda vuole debba essere regalata e non acquistata personalmente, è una delle aromatiche perenni dalle mille proprietà.

E’ ottima per i disturbi dell’apparato oro-digerente, antispasmodica, calmante, disinfettante, coadiuvante nei disturbi mestruali e perfetta in cucina.

Come coltivarla: coltivarla in balcone non è difficile, basterà esporla al sole è infatti una pianta sia termofila che eliofila vale a dire che ama il caldo ed il sole e non dev’essere annaffiata eccessivamente, fiorisce in primavera, ma è una pianta perenne e le foglie possono essere utilizzate tutto l’anno.

2- Il rosmarino

2-danno-da-cicalina-su-rosmarino

Il rosmarino, sempreverde per amore, o almeno così vuole la storia che ci narra Ovidio nelle Metamorfosi,  in cui si racconta di  Apollo che scoprendo Venere e Marte insieme, fece adirare la dea dell’amore; tanta era la furia di Venere che decise di vendicarsi di Apollo facendolo innamorare di una principessa araba, Leucotoe. Apollo, vittima dell’incantesimo, riuscì ad entrare nella stanza della principessa e la sedusse, ma Clizia, una ninfa innamorata di Apollo non gradendo la nuova passione del suo amato, confidò al padre della principessa la debolezza della figlia. Affinché l’onore venisse rispettato il padre di Leucotoe volle che la principessa fosse sepolta viva. Apollo non potendola riportare in vita fece in modo che il sole filtrasse nella sua tomba sotterranea, con la luce del sole il corpo martoriato di Leucotoe si trasformò in una pianta perenne dall’odore intenso e dai piccoli fiori violacei, il rosmarino.

Come coltivarlo: Anche quest’aromatica, come la salvia, è facile da coltivare in casa, preferisce i climi temperati e l’aria di mare, ma cresce bene un po’ ovunque, l’importante è che si trovi in una zona soleggiata. L’annaffiatura deve essere sporadica: se il terreno è umido non date al rosmarino altra acqua! Aspettate che il terreno sia completamente asciutto per annaffiare la pianta e non esagerate mai con l’acqua. Durante i periodi estivi più caldi controllate quotidianamente lo stato del terreno, ma in inverno diradate l’annaffiatura!

3 e 4 – La Melissa e la Maggiorana

melissa-500x500

Altre due aromatiche sempreverdi sono la Melissa e la Maggiorana, piccole, ma dalle grandi doti terapeutiche, non dovrebbero mai mancare in casa.

La melissa è calmante e lenitiva, ottima per le tisane rilassanti. La maggiorana è calmante, stomatica, aromatica, espettorante e sedativa.

Origanum majorana

Come coltivarle: la melissa, può essere coltivata in vaso, on un’esposizione non particolarmente assolata ed una normale quantità d’acqua che permetta di mantenere umido il terreno. La maggiorana, può essere coltivata in vaso in una zona luminosa, ma non in esposizione diretta e non dev’essere mai troppo umida.