Notizie
Primo piano

Sindaco e giunta comunale rinunciano allo stipendio per pagare l'assistenza agli anziani e la mensa ai bambini

Di Elena Bernabè - 4 Febbraio 2014


La notizia che vi stiamo per raccontare è un vero esempio di lealtà e rispetto verso il proprio paese: il sindaco e tutta la giunta comunale, in questo caso, si sono messi davvero a servizio dei propri cittadini.
Accade a Gagliole, un piccolo paese in provincia di Macerata. Il sindaco in carica da maggio dell’anno scorso è il giovane Mauro Riccioni, avvocato.
Appena eletto ha deciso di provare a sanare il debito economico del paese entro due anni ma senza, e sottolineo senza, far pagare un euro in più ai cittadini (731 in tutto!). E così sta facendo: ha rinunciato allo stipendio, al telefono cellulare e al rimborso spese per devolvere tutto ai suoi cittadini.
Questa la dichiarazione del sindaco a Fanpage:

“Appena insediato ho deciso di rinunciare all’indennità mensile che mi spetterebbe come sindaco, pari a 970 euro. Non solo: ho convinto il vice sindaco a fare la stessa cosa ed anche i consiglieri comunali”. In questo modo l’amministrazione ha racimolato migliaia di euro e li ha depositati in un capitolo del bilancio. “Abbiamo deciso di pagare l’assistenza domiciliare a tutti gli anziani che per fortuna non sono molti ma non graveranno sulle tasche dei loro familiari in un periodo di crisi economica. E non solo: da marzo i bambini delle scuole materne ed elementari non dovranno pagare neppure un euro per la mensa. Stiamo mettendo a punto gli ultimi dettagli, ma entro un paio di mesi sarà tutto pronto. Nessuna delle famiglie dei circa 30 bambini dovrà sborsare un centesimo. Paga il sindaco…”.

In questo modo e mediante bandi comunitari e piccoli risparmi qua e là, in otto mesi sono stati pagati 150mila euro di debiti.
I bambini residenti nel piccolo paese avranno quindi la mensa scolastica gratuita ed anche il menù sarà diverso: verranno privilegiati i prodotti locali quindi a chilometri zero. Inoltre sono stati disdetti anche i contratti dei telefonini comunali ed i soldi risparmiati in questo modo serviranno per pagare gli straordinari degli operai del Comune, alle prese in questi giorni con alluvioni e nevicate.
Un esempio davvero lodevole da parte di questo giovane sindaco.
[Fonte immagine e contenuto: fanpage.it]





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)