Angolo delle Idee
Primo piano

Se alzi un muro, pensa a cosa lasci fuori

Di Elena Bernabè - 30 Ottobre 2013

Fu Italo Calvino a scrivere ne “Il Barone rampante” la frase “Se alzi un muro, pensa a cosa lasci fuori”.

E proprio da questa frase vorrei partire oggi per fare una riflessione.

Di mura nel nostro mondo ce ne sono sempre più: costruite concretamente per delimitare un territorio, issate idealmente per difendersi dagli altri o anche da sé stessi. Muri di mattoni, muri di convinzioni, muri di pregiudizi, muri di ignoranza… ma sempre muri sono!

Perché li costruiamo? Per paura. Del diverso e della verità.

Ma costruendoli non mettiamo a tacere la paura, anzi la rinforziamo e ciò che otteniamo è la costruzione di altri muri perché senza di essi ci sentiamo persi, fragili, troppo esposti.

Talvolta costruiamo muri per tenere lontano persone che ci fanno soffrire: in questo caso non serve un muro ma un allontanamento consapevole, onesto, trasparente. I muri servono solo a rimuovere il problema, a non vederlo ma non a risolverlo e prima o poi certamente esso si ripresenterà.

Pensiamo al muro di Berlino: 155 km di cemento costruiti per dividere in due la città e i suoi abitanti. 28 anni di muro simbolo e concreto di morte e oppressione. Un muro creato dalla Repubblica Democratica Tedesca per porre fine alla fuga di massa dei suoi cittadini verso l’Occidente. Un muro concreto di divisione e allontanamento, un muro concreto e simbolico contro la libertà di movimento e di pensiero.

costruzione-muro-di-berlino

Ma cosa accadrebbe se vivessimo in un mondo senza mura?

Tutto sarebbe più semplice e libero. Forse riusciremmo davvero a ritornare un po’ alle origini della natura umana, origini che sono per lo più perse.

Abbattendo i muri di pensiero e concreti si possono spezzare le lontananze, si può affrontare la paura trasformandola in curiosità, si può convivere nella natura insieme a tutti i suoi abitanti (umani, animali e vegetali).

D’ora in poi, prima di costruirvi un muro (materiale o ideale) provate a chiedervi cosa lasciate fuori: ne vale davvero la pena? E’ davvero questa la soluzione a tutti i nostri problemi?





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)