Animalismo
Primo piano

Green Hill, il caso finisce nelle mani del Ministero dell' Interno

Di PieraS - 5 Dicembre 2011
Un problema di ordine pubblico o morale? Intanto il raduno di oltre 4mila persone proprio a Montichiari davanti all’ allevamento di Beagle tristemente famoso per destinazione alla vivisezione, ha spinto il sindaco, Elena Zanola, a prendere la situazione in mano: «Ho pensato spesso di chiudere Green Hill per motivi di ordine pubblico. Devo solo capire se rientra tra le mie possibilità».
Ecco perchè il sindaco la settimana prossima parteciperà ad un incontro al Ministero dell’ Interno: «Ho scritto al Viminale per trovare una soluzioneMontichiari non può più essere presa d’assalto da questi manifestanti». La Zanola ha spiegato anche che ammira coloro che hanno raccolto le firme e che si farà carico della loro petizione per portarle a Roma dove il Parlamento dovrà occuparsene.
Dal canto suo, dal coordinamento “Fermare Green Hill“, Sara D’Angelo ribadisce: «Basterebbe che il Pirellone seguisse l’esempio dell’ Emilia dove la legge regionale vieta l’allevamento di animali per la vivisezione».




Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)