Archivio : dicembre, 2013

Una fiaba giapponese per salutare l’anno vecchio

anno-nuovo

Gli anni passano, a volte ne siamo felici, a volte meno, il tempo ci fa crescere e cambiare, arriviamo a comprendere noi stessi un po’ meglio dell’anno prima e in ogni caso, volenti o nolenti bruciamo il nuovo anno.

L’usanza di festeggiare il primo gennaio come inizio del nuovo anno solare si deve a Giulio Cesare che rivide e riadattò il vecchio calendario egizio, ma anche se l’assunzione di questa data si deve ai romani origini ben più antiche ha l’usanza di gettar via l’anno vecchio e festeggiare la nuova luce dell’anno entrante.

Orange Fiber: non buttiamo le arance, ma utilizziamole nel settore dell’abbigliamento, ecco come

Possiamo confermare che anche il settore dell’abbigliamento, dopo quello della carta, utilizza gli scarti agroalimentari. Questa è la brillante idea di Adriana Santanocito, una ragazza catanese di 35 anni che ha già pronta una collezione di abiti tutti rigorosamente vitaminici!

Si tratta di un tessuto fatto esclusivamente con le arance che rilasciano vitamine al contatto con la pelle. Questa è stata un’originale  idea che ha vinto prima un premio dalla provincia di Milano, poi l’arrivo in finale alla business plan competition ‘Start Cup Lombardia’ ed infine le è stato assegnato anche il premio ‘Dall’idea all’impresa’ di Assolombarda.

Pepe Rosa per un capodanno afrodisiaco

Lo Schinus molle o falso pepe nient’altro è che il pepe rosa, una spezia delicata e pungente al tempo stesso, ricercata e carissima da sempre che si ricava da un albero sempre verde di media grandezza, originario del sud america che produce bacche rosa dal profumo intenso, resinoso e fugace e dal gusto leggermente piccante, ma delicato.

Fu introdotto in Europa da Alessandro Magno che lo portò dalle coste d’Asia dove era arrivato probabilmente attraverso il pacifico e il mar della cina, passando prima dal Giappone e dall’Indonesia fino ad arrivare in Cina e India dove Alessandro il Grande lo scoprì e se ne innamorò al punto da riportarlo in patria.

26 Cartoni di Senzatetto… e Voi Cosa Scrivereste?

Please Help Me“, quante volte ci capita di passare, spesso distrattamente davanti a qualche mendicante negli angoli delle strade, ma quante volte ci fermiamo e ci interroghiamo su queste persone? Quante volte passiamo impettiti davanti a cartoni scritti a mano, spesso con errori, cartoni che esprimono il dolore dell’essere emarginati, senzatetto, abbandonati, poveri e miserabili… Eccone ora qui una raccolta, 26 cartoni dei senzatetto di New York che non hanno bisogno di essere spiegati, non hanno bisogno di altre parole…. leggeteli e immaginate cosa scrivereste sul vostro cartone se all’improvviso dovreste perdere tutto….

Dieta BARF: l’alternativa crudista ai normali mangimi per animali

Molti di noi che hanno deciso di adottare un animale e dividere con lui-lei la propria vita ed il proprio quotidiano si creano, coscienziosamente,  il problema di quale sia il miglior modo per nutrirli considerando che essendo entrati a far parte di una famiglia umana e trovandosi a vivere una vita domestica non sono in grado di cacciare, nella maggior parte dei casi infatti, non ci sono le condizioni perché questo avvenga.

Le ipotesi alimentari per i “pets” sono molte e molte purtroppo fanno concorrenza al peggior cibo spazzatura umano, ci sono però anche delle buone alternative cruelty free.

Vaccini: si o no?

Il vaccino è un preparato contenente materiale costituito da proteine complesse provenienti da microrganismi o parti di essi, opportunamente trattato per non perdere le proprietà, e finalizzato al conferimento di immunità attiva al soggetto cui viene somministrato. L’immunità deriva dalla stimolazione alla produzione di anticorpi che neutralizzano il microrganismo stesso. In Italia esistono dei vaccini obbligatori per legge e vaccini raccomandati. Il Decreto Ministeriale del 7 aprile 1999 ha stabilito che le vaccinazioni obbligatorie sono quattro: antidifterite, antitetanica, antipoliomielite, antiepatite virale B.
Vaccinazioni consigliate non obbligatorie in età pediatrica sono: l’antimorbillo-parotite-rosolia, la vaccinazione contro le infezioni invasive da Haemophilus influenzae b, l’antimeningococcica, l’antipertosse, l’antirosolia. Esistono anche delle vaccinazioni consigliate da effettuare in caso di viaggi all’estero per determinate patologie infettive.

Il messaggio di Charlie Chaplin del 1940 [Video]

Il grande dittatore (The Great Dictator) è un film del 1940 diretto, prodotto e interpretato da Charlie Chaplin, trasmesso per la prima volta col sonoro e durante al  seconda guerra mondiale, è l’occasione per l’attore di esprimere il suo pensiero e di farlo sentire al mondo. Una satira pungente del nazismo ma purtroppo ancora attuale quando pensiamo al senso delle parole.

Il film ottenne cinque candidature al premio Oscar, inclusi miglior film e miglior attore allo stesso Chaplin nel 1941.

Il messaggio che il barbiere ebreo, scambiato per il terribile dittatore, lancia al popolo è un messaggio terribilmente attuale, terribilmente vero e soprattutto un grido di speranza, un inno al cambiamento.

The Story of Stuff: ecco a voi la storia delle cose

The Story of Stuff è un video, non recentissimo, della studiosa e ambientalista statunitense Annie Leonard e mi sembra un buon modo per pensare ai propositi per il nuovo anno.

La chiarezza con cui la Leonard si esprime nel suo mini documentario non permette fraintendimenti. Spiega perfettamente quali sono le immense problematiche etiche ed economiche alla base del sistema capitalistico, la storia delle cose è in realtà la storia del capitalismo stesso, la struttura feroce che ha permesso di far giare l’intero sistema intorno agli oggetti e ai falsi bisogni è documentata e spiegata nel documentario. Viene illustrato come siano stati indotti i consumi e i sovra consumi. Racconta di come i governi abbiano investito enormi risorse economiche nella produzione di “cose” prodotte dalle multinazionali che attualmente gestiscono più della metà del patrimonio monetario mondiale, ragion per cui i governi le assecondano.

Le 8 Invenzioni del 2013 che ci Siamo Persi [Video]

Scommetto che voi queste invenzioni nate quest’anno 2013 ve le siete perse. Non sono famose come la Play Station 4 della Sony o come l’iPhone 5S della Apple, ma sono di sicuro altrettanto geniali e degne di nota…. Grazie al sito Wired.it le possiamo ammirare qui di seguito.

Le scarpe viventi (non sono quelle di tuo figlio dopo una partita di pallone, quelle che cercano di fuggire da sole dai calzini puzzolenti!!!)



Queste scarpe vive provengono da un’idea della ricercatrice Shamees Aden la quale ha usato la biotecnologia per stampare in 3D delle protocellule, cioè delle molecole inorganiche che prendono vita se combinate tra loro. E così come una seconda pelle, queste scarpe potranno coprire il nostro piede come una seconda pelle… purtroppo per averle bisognerà attendere ancora una ventina d’anni!

Insegnanti: 12 Regole per Diventare l’Eroe della Classe

Notizia allarmante quella che proviene dal Segretario dell’Istruzione degli Stati Uniti, Arne Duncan, che conferma i dati di un recente studio secondo il quale gli americani adulti sono molto al di sotto della media in matematica, tecnologia e alfabetizzazione, rispetto a 24 altri paesi sviluppati,

Addirittura, in Florida, un gruppo di genitori stanno intentando una causa contro lo Stato per aver trascurato la propria responsabilità di offrire una formazione “efficiente, sicura e di alta qualità” ai loro figli.

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2018 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655