Articoli per autore
avatar
Articoli scritti da Eleonora

Vaccinazione pediatrica contro il morbillo, parotite, rosolia e varicella: l’AIFA pubblica i dati delle sospette reazioni avverse relative al 2012

La vaccinazione contro morbillo, parotite, rosolia e varicella è nota come MPRV e può provocare, come gli altri vaccini, delle reazioni avverse. Già negli anni passati, sulla vaccinazione MPR, che non comprende la varicella, è stata aperta una discussione perché erano stati segnalati alcuni casi sospetti. In prima battuta , il Ministero ha proposto delle vaccinazioni combinate comprendenti morbillo, rosolia e parotite; in seguito è stata aggiunta la vaccinazione contro la rosolia. L’obbligatorietà di questo vaccino è scattata nel 1999 e prevede che la prima dose venga somministrata nel periodo compreso fra il dodicesimo ed il quindicesimo mese di vita.

Vaccinazione pediatrica contro il meningococco: l’AIFA pubblica i dati delle sospette reazioni avverse relative al 2012

Il meningococco è un’infezione che può provocare patologie importanti, come per esempio la meningite. Questo batterio si diffonde attraverso le goccioline della respirazione e può causare severi problemi neurologici ecco perché la vaccinazione si rende necessaria per proteggere, soprattutto, le fasce più a rischio che comprendono i bambini e i ragazzi.

La vaccinazione contro il meningococco può anche causare delle reazioni avverse, come dimostrano i dati diffusi dall’AIFA.

Per quanto riguarda il 2012, sono state registrate complessivamente, per il meningococco, 207 segnalazioni; di queste il 20.8% cioè 43 sono gravi. In 8 di questi casi, i pazienti erano stati trattati esclusivamente con il vaccino contro il meningococco.

Australia, Paese più felice del mondo. Ma non per gli aborigeni

L’Australia è un ricco e sconfinato continente nel quale vivono numerose comunità di Aborigeni. In seguito alla colonizzazione e all’occupazione delle loro terre, questi antichi popoli sono stati costretti a modificare le loro abitudini di vita e a stravolgere la loro cultura.

Una descrizione minuziosa di quali siano le condizioni degli Aborigeni in Australia è quella operata da John Pilger che ha  documentato, in maniera copiosa, la decadenza di questo orgoglioso popolo.

Alberghi diffusi: li conoscete?

Nel mondo del turismo, da qualche anno, è stata introdotta una grande novità: quella degli alberghi diffusi. Si tratta di strutture di accoglienza, situate in zone di alto profilo storico e naturalistico, che sono site in centri abitati.

L’idea è nata negli anni 1980 quando, a seguito del terribile terremoto della Carnia si è cercato di ristrutturare e valorizzare i luoghi distrutti dall’evento sismico.

L’obiettivo era quello di attirare un nuovo tipo di turismo che fosse in grado di apprezzare luoghi e realtà poco conosciute ma altrettanto affascinanti.

Gallette di Riso: sapete come vengono prodotte?

 

Le gallette di riso sono impiegati come sostituti del pane o come salutare snack. Possono essere prodotte di solo riso oppure con l’aggiunta di altri cereali; sono largamente consumate perché pratiche e versatili infatti si prestano ad essere accompagnate sia a piatti dolci che salati. I metodo attraverso il quale vengono prodotte è particolare perché deve riuscire a trasformare i cereali in un composto gonfio. Il macchinario impiegato è l’estrusore che, attraverso una pressione molto alta, cuoce il prodotto creando delle gallette; queste, a contatto con l’aria si gonfiano e danno origine all’alimento che conosciamo. Questo medesimo processo è impiegato anche per altri alimenti, basti pensare ai dolciumi a base di cereali o ai corn flake.

I nostri rifiuti organici ci dicono come stiamo

Il colore, la forma e la consistenza delle feci sono un modo per indagare sul nostro stato di salute. I nostri rifiuti organici esprimono molte informazioni indispensabili sulla digestione e sull’eventuale presenza di alcune patologie.

Alcune caratteristiche, come per esempio la presenza di sangue o di muco, dovrebbero indurre a consultare il proprio medico perché potrebbero essere la spia di possibili lesioni intestinali o di altre malattie, come i polipi o le emorroidi. Bisogna sottolineare anche che, molto di frequente, i nostri scarti assumono colori particolari in base ai cibi ingeriti. Ecco perché è bene allarmarsi quando si notano cambiamenti che si prolungano nel tempo e che potrebbero manifestarsi anche con altri sintomi, come per esempio il rialzo termico.

Omeopatia in pericolo: firmate la petizione!

A causa della nuova legislazione in merito all’omeopatia, si corre il rischio che diventi impossibile reperire, nel nostro Paese, un numero altissimo di medicinali omeopatici. Proprio a tale proposito cittadini e medici omeopatici hanno deciso di stilare una petizione affinchè non vengano applicate le regole che renderebbero impossibile registrare, e quindi vendere, alcuni di questi prodotti.

Tutto il settore dell’omeopatia si trova costretto a combattere contro alcune recenti disposizioni che prevedono un aumento degli oneri per la registrazione ed il rinnovo dei dossier per l’AIFA, ossia l’Agenzia italiana del farmaco.

Pianura Padana: una delle zone più inquinate d’Europa

In Italia le aree inquinate riguardano tutto il territorio nazionale. La cronica mancanza di controlli, la corruzione e spesso l’incapacità di prevedere le possibili conseguenze future hanno creato delle vere e proprie bombe ecologiche. Soprattutto nell’ultimo periodo, l’attenzione si è concentrata su alcune aree campane dove sono state seppellite sostanze tossiche che stanno inquinando sorgenti e terre.

Metodi di cottura a confronto: quali conservano meglio le proprietà degli alimenti?

Per alimentarsi in maniera sana bisogna conoscere i metodi di cottura infatti, alcuni possono essere potenzialmente pericolosi. I cibi, durante la manipolazione che li rende commestibili subiscono delle alterazioni che possono impoverirli ma anche renderli dannosi alla salute; è questo ciò che accade con cibi bruciati o con le fritture non eseguite a regola d’arte.

La cottura al forno avviene grazie all’aria calda che asciuga il cibo. Per evitare la formazione di composti dannosi, come quelli che si sviluppano con la carbonizzazione, è fondamentale tenere sotto controllo il cibo ed impiegare temperature basse.

La popolazione più longeva del mondo? Gli Hunza

Nei Paesi occidentali, arrivare all’età di cento anni è un caso raro e poco diffuso anche se vi sono delle aree geografiche, come per esempio la Sardegna, dove la concentrazione di centenari è senza dubbio maggiore.

Osservando la realtà mondiale, i più longevi sono gli Hunza una popolazione che abita in Pakistan, ai confini con la Cina, e che riesce a superare i cento anni senza nessuno dei tipici problemi legati all’invecchiamento. Gli abitanti di queste zone sono fisicamente forti, non temono la fatica e svolgono, regolarmente, lavori faticosi come quello dei campi.

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2018 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655