Home Tags Stelle cadenti

Tag: stelle cadenti

X agosto, la poesia di Giovanni Pascoli sulla notte di San Lorenzo

0
stelle-cadenti-nella-notte-di-san-lorenzo
Credit foto © Pexels

La notte di San Lorenzo è una delle notti più attese dell’anno; complice la bella stagione e il cielo terso che caratterizzano di solito l’estate, è possibile osservare lo spettacolo mozzafiato del cielo stellato che prende vita sotto ai nostri occhi; la notte di San Lorenzo è conosciuta come la notte delle stelle cadenti, o “lacrime di San Lorenzo” in onore del Santo martire.

Ad accendere la notte e gli occhi dei sognatori è in realtà lo sciame delle Perseidi che prendono il loro nome da Perseo, una costellazione settentrionale che ospita il radiante dello sciame meteorico.

Liridi: le Stelle Cadenti della Lira di Orfeo

0
Liridi-Stelle cadenti

Ad aprile è la cometa Thatcher a regalarci emozioni, scoperta il 5 aprile 1861 da A. E. Tatcher, passa nel sistema solare interno ogni 415 anni, l’ultima volta è stato nel 1861 e ripasserà nel 2276, nel frattempo, quando la Terra attraversa la ‘nuvola’ di detriti lasciati dal passaggio della cometa, è possibile osservare lo sciame meteorico che è forse il più antico osservato per la prima volta dai Cinesi alcuni secoli A.C.: le Liridi.

 

Lo sciame meteorico delle Liridi è attivo dal 15 aprile al 28 aprile di ogni anno, con picco di attività il giorno 22; la media delle Liridi è di circa 15-20 meteore ogni ora ma ci sono osservazioni di anni passati che arrivano a 100!

Le stelle cadenti di Marzo che accolgono la Primavera

0
Credit foto ©Pexels

Domani sarà il primo giorno di primavera e a dargli il benvenuto saranno ben tre sciami di stelle cadenti, le prime a fare capolino nei cieli saranno le eta Virginidi seguite dalle theta Virginidi e dalle beta Leonidi.

Credit foto
©Pexels

Sciame: eta VIR
Periodo di visibilità: Mar 09-27
Maggiore attività meteorica: Mar 19

Componente del sistema complesso di radianti delle Virginidi. Attività confusa con massimi sovrapposti. Il radiante delle eta Virginidi, osservabile tutta la notte, culmina a quasi 50 gradi di altezza verso le 01h. Le notti del 18/19 e 19/20 marzo di maggiore attività questo anno saranno favorevoli all’osservazione, essendo il disturbo lunare del tutto assente.

Orionidi le Stelle Cadenti D’autunno e la Leggenda Di Orione

0

Le Orionidi non sono stelle comete ma uno sciame meteorico generato dal passaggio della Terra nella scia della cometa di Halley; questo sciame è visibile tra 2 ottobre e il 7 novembre, con la massima attività intorno al 20-23 di ottobre e quest’anno il punto massimo di visibilità sarà proprio stasera, il 21 ottore quando sarà possibile osservare fino a 25/30 meteore l’ora.

Il nome Orionidi deriva dal fatto che il punto dal quale sembrano partire le meteore si trova in una zona intorno alla costellazione di Orione; la prima volta che fu visto lo sciame fu nel 1839, da E.C. Herrick del Connecticut,ma solo il 18 ottobre 1864 venne condotta un’osservazione attenta dello sciame da Alexander Stewart Herschel il quale stabilì che la pioggia di meteore si originasse  a est della costellazione di Orione, non lontano dalla stella Betelgeuse.

Le Stelle Erranti Si Allineano All’orizzonte

0
Le stelle erranti

Accadde negli ultimi giorni di gennaio e durò fino al 20 febbraio circa, guardando il cielo al mattino era possibile osservare un raro spettacolo, l’allineamento di Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno su un’ipotetica linea che da sudest sale verso sudovest se guardiamo dall’emisfero nord.

In questi giorni il fenomeno si ripete e terminerà a metà agosto, la differenza però è nell’orario di apparizione della sequesnza dei pianeti, se in inverno era possibile osservarli di primo mattino, ora è possibile osservarli dalle 21 circa nell’ordine: Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno, e per osservarli ben allineati sarà necessario spostarsi nell’emisfero australe, oppure attendere luglio 2020!

La Magia della Notte delle Stelle Cadenti

0
cielo stellato
Credit foto © Pexels

«San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l’aria tranquilla arde e cade, perché sì gran pianto nel concavo cielo sfavilla»

~ G. Pascoli – X Agosto ~

Il 10 Agosto è la notte di San Lorenzo, è il periodo in cui vi è la tradizionale notte delle stelle cadenti, che in realtà si tratta di una pioggia meteorica delle Perseidi, uno sciame di meteore che è osservabile ad occhio nudo dalla fine di luglio fino oltre il 20 agosto ed il suo picco proprio intorno al 10 agosto. Questa pioggia di meteore è formata dai residui della disintegrazione progressiva della cometa Swift-Tuttle. Le piccole particelle, scontrandosi a gran velocità con l’atmosfera terrestre, danno luogo a scie luminose di altissimo effetto.

Leonidi 2014: stelle cadenti tra il 16 e il 17 Novembre!

0

leonidi

Pioggia di meteoriti  nella serata di oggi

Occhi puntati al cielo stasera! Talvolta ci dimentichiamo che per ammirare una pioggia di stelle cadenti non dobbiamo aspettare necessariamente solo la notte del 10 Luglio, la tanto famosa notte di San Lorenzo, perchè eventi del genere cadono anche in diversi mesi dell’anno.

E’ il caso delle piogge meteoriche delle Leonidi, visibili ogni anno intorno a questo periodo di Novembre. Quest’anno, in particolar modo, nella notte del 16 e del 17 Novembre.

Le Leonidi presentano un ciclo di 33 anni, pari al periodo orbitale della Cometa Tempel-Tuttle: tra le piogge meteoriche ad esse associate vanno ricordate quelle del 1698, 1799, 1833, 1866, 1966 e del 2001.

Nella notte tra il 23 e il 24 maggio, ci sarà lo spettacolo delle stelle cadenti

0

Amici di ‘Eticamentequesta notte (tra venerdì 23 e sabato 24), è prevista una pioggia di meteore. Con più precisione, la nostra Terra attraverserà la nube di detriti della cometa 209P/Linear, la quale è diretta verso la stella più grande dell’Universo: il Sole.

La piccola cometa 209P/Linear ha un diametro di 600m ed è stata scoperta nel 2004. Pensate che la sua orbita intorno al Sole viene completata ogni 5 anni.

Certo purtroppo il meteo nelle ultime ore è a nostro sfavore, ma se si dovesse schiarire alzate gli occhi al cielo perché il passaggio della cometa potrebbe essere parzialmente visibile anche alle nostre latitudini e, qualora succedesse, sarà lo spettacolo più bello ed interessante dell’anno.

Maggio 2014: le Eta Aquaridi, stelle cadenti nate dalla Cometa di Halley [Video]

0

La Cometa di Halley è senza dubbio una delle più famosi e brillanti tra le comete periodiche provenienti dalla Fascia di Kuiper, le quali passano per le regioni interne del sistema solare ad intervalli di decine di anni, piuttosto che periodi millenari delle comete provenienti dalla Nube di Oort.

Il nome ufficiale è 1P/Halley, e viene chiamata Cometa di Halley in onore di Edmond Halley, che per primo ne predisse il ritorno al perielio, ovvero quel punto di minima distanza di un corpo del Sistema solare dal Sole.