Home Tags Ristoranti

Tag: ristoranti

ChildFree: la Nuova Tendenza dei Locali

0
Photo by Kettu Morguefile.com

Si sa i bambini sono fastidiosi, rumorosi, sporcano, disturbano…. Certo che è così, tornate anche voi bambini e provate a ricordare: non c’era cosa peggiore che dover stare seduti a tavola fermi, composti, in silenzio per magari due o tre ore…. Così alcuni locali hanno deciso di liberarsi di questi fastidiosi piccoli monelli.

Nasce negli USA questa tendenza ad aprire locali pubblici nei quali è vietato l’ingresso ai bambini, ed ora sta prendendo piede anche in Eruopa e in Italia.

Si chiama “no kids zone” e nasce come spunto preso da un libro di Corinne Maier: “Mamma pentita, No Kid. Quaranta ragioni per non avere figli“, e pensare che proprio lei è madre di due bambini.

Anche la Danimarca dice NO al Foie Gras [Video]

0

La mostruosità della produzione del foie gras sta smuovendo gli animi, forse arriveremo al punto che il patè di fegato d’oca diventerà un piatto BANDITO da tutti i ristoranti del mondo, da TUTTE le tavole del mondo. Perchè una cosa è mangiare la carne, un’altra è torturare gli animali per mangiarne una piccola parte solo per godere di un cibo fatto di sofferenza, malattia e morte.

La catena di supermercati danesi Superbest ha deciso di rimuovere il foie gras dai suoio scaffali dopo l’inchiesta dello scorso novembre dalla associazione e L214 che mostra le condizioni di alimentazione delle anatre nelle aziende Vandea che riforniscono l’azienda Ernest Soulard.

Animali al Ristorante? Certo che si, è Legge!

0

 

Ed ecco una buona notizia per chi possiede un cane e non ama lasciarlo fuori dal negozio o a casa quando deve andare a fare la spesa o al ristorante. Ora in tutti i locali pubblici Fido è il benvenuto… A patto che sia accompagnato dal suo padrone, con tanto di guinzaglio e di museruola.

Ok la museruola non ci piace,ma è già un passo avanti e comunque per rispetto di quelle persone che hanno paura o che non amano i cani, è giusto che il cane abbia una museruola, anche morbida, che gli impedisca di fare le feste a chi non le gradisce…

Anche in Italia l’obbligo di menù vegetariani e vegani in ristoranti, bar e mense: proposta di legge

17

La senatrice del Pd Monica Cirinnà insieme alle due colleghe di partito Silvana Amati e Manuela Granaiola, ha presentato un disegno di legge che non è ancora stato discusso intitolato «Norme per la tutela delle scelte alimentari vegetariana e vegana». E’ una proposta di legge che obbligherà, se verrà approvato, tutte le mense, bar e ristoranti convenzionati con i luoghi di lavoro ad aggiungere ai propri menù piatti vegani e vegetariani.

Una vera e propria tutela delle persone vegetariane e vegane, costrette in questo momento a richiedere (con non poca fatica) piatti adatti a loro.

Cubetti di ghiaccio: sono pieni di batteri fecali

0

Per fortuna che quando ordino da bere specifico sempre il “senza ghiaccio“, un po’ perchè non mi piacciono le bibite troppo fredde, un po’ perchè come leggerete di seguito i cubetti di ghiaccio sono davvero un mix di batteri peggiori di quelli che si possono trovare nell’acqua dello stesso bagno.

La scoperta è stata fatta da un ragazzino americano di soli 12 anni che ha svolto un progetto scolastico di scienze in cui si evidenzia come l’acqua che compone i cubetti di ghiaccio serviti insieme alle bevande, nei fast-food, sia più sporca e piena di batteri che non l’acqua prelevata dai bagni degli stessi ristoranti.

Acqua del rubinetto anche al ristorante?

0

Bere l’acqua del rubinetto in un ristorante oppure in una pizzeria sembra una cosa un pò strana. E lo è anche per chi la consuma abitualmente a casa.

A New York, a Parigi ed in molte capitali europee la prassi è invece trovare sul tavolo dei locali una caraffa con acqua del rubinetto: se si vogliono altre bevande basta ordinarle. Niente di più semplice.

E’ solo ed esclusivamente una questione di abitudine. Un’abitudine però che costa cara al portafoglio e all’ambiente.

Gli italiani sono soliti consumare acqua in bottiglia sia a casa che nei ristoranti: non sarebbe invece più economico ed ecologico bere l’acqua del rubinetto dappertutto?