Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Greenhill

Tag: Greenhill

GreenHill: Sequestro della struttura in atto

0

Finalmente una buona notizia. Sta avvenendo in queste ore il sequestro della struttura da mesi sotto accusa per le condizioni di detenzione dei 2500 cani beagle destinati ai laboratori di tutta Europa.

Solo poco fa la LAV e Legambiente avevano commentato così:

“Grazie agli atti presentati dalle due associazioni è stata finalmente riaperta l’inchiesta giudiziaria sulle modalità di detenzione degli animali nella megastruttura. – ha dichiarato Gianluca Felicetti, presidente della LAV – Ci auguriamo che gli accertamenti in corso, disposti dalla Procura, possano fare luce, definitivamente, sulle reali condizioni di vita degli animali rinchiusi nei padiglioni della struttura in attesa della spedizione verso gli “acquirenti”, e sull’impossibilità di Green Hill di garantire il rispetto delle necessità fisiche e comportamentali  dei cani, visti i numeri enormi di cui si parla”.

16 Giugno a Roma contro GreenHill

0

Direttamente dal sito della LAV l’appello a partecipare attivamente alla manifestazione contro GreenHill.

Sempre più accese le proteste contro Green Hill: in un Paese che rifiuta la sperimentazione su animali per motivi etici e scientifici, il Coordinamento Antispecista del Lazio e Occupy Green Hill hanno organizzato per sabato 16 Giugno una manifestazione nazionale a Roma contro l’allevamento di Montichiari (Brescia) e la vivisezione.
L’appuntamento è alle 15, in Piazza della Repubblica.

Un evento che vuole sottolineare il momento cruciale di svolta che stiamo vivendo, e vuole essere un chiaro segnale a sostegno dell’articolo 14 della Legge Comunitaria 2011 e del futuro testo di legge che deve tenere conto dell’appello dei cittadini italiani e dei ricercatori.

GreenHill: il 3 marzo “Fermiamo l’Italia per fermare Green Hill”

0

Torniamo ancora a parlare di GreenHill, l’azienda di Montichiari (Brescia) che alleva cani beagle per i laboratori di vivisezione.

Questa volta la protesta contro questa realtà non riguarderà solo alcune città ma l’intera penisola italiana. Gli animalisti si sono riuniti e vogliono far sentire la loro voce assordante in tutta Italia.

Nella giornata di sabato 3 marzo molte città aderiranno all’iniziativa “Fermiamo l’Italia per fermare GreeHill”. In molte piazze italiane ci saranno diversi presidi che avranno lo scopo di informare i cittadini, di raccogliere firme finalizzate alla chiusura dell’azienda, di protestare contro una realtà così crudele nei confronti di questi cani.

Scienza senza vivisezione, si può fare, si deve fare

2

Ci stiamo avvicinando sempre di più… un altro passo avanti nella ricerca è stato fatto senza la sperimentazione animale, due studi uno dell’università della California e uno dell’Universià di immunopatogenesi di Milano ci offrono la speranza di poter dire una volta in più che è possibile avanzare nella scienza senza cadere nelle barbarie della vivisezione animale.

A San Diego in California sono stati prelevati fibroblasti (cellule della pelle) da alcuni pazienti con la malattia di Alzheimer e sono stati “riprogrammati” per trasformarli in cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC) che hanno dato vita a neuroni funzionanti. I ricercatori della San Diego School of Medicine hanno così creato in laboratorio dei modelli di neuroni umani affetti da Alzheimer, un lavoro che permetterà di studiare la malattia da materiale umano senza ricorrere ad animali.

Oggi votato il primo Si, un altro passo avanti contro la vivisezione

1

Vi voglio riportare le parole della LAV riguardanti l’approvazione dell’emendamento che prevede il divieto di allevare cani, gatti e primati su tutto il territorio nazionale destinati alla vivisezione. Adesso la chiusura di Green Hill è davvero vicina…
La chiusura di Green Hill, il divieto di alcune forme di sperimentazione sugli animali, l’incentivazione dei metodi alternativi, possono essere una realtà grazie al testo proposto dalla Commissione Affari Sociali di Montecitorio – dice la LAV – si tratterebbe di concreti passi in avanti, con nostro obiettivo l’abolizione della vivisezione, per controbilanciare i nefasti effetti della direttiva approvata a Bruxelles un anno e mezzo fa e che l’Italia deve recepire, volente o nolente, entro il novembre prossimo”.

GreenHill, la Brambilla ce l’ha fatta, chiuderà.

30

Periodo di ottime notizie questo per fortuna!! Ecco cosa si legge oggi su “il Giornale.it”

“La fabbrica di morte di Green Hill chiuderà sicuramente, il punto è solo quando – ha detto l’ex ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla – non possiamo accettare che migliaia di beagle vengano cresciuti per finire la propria vita sui tavoli dei laboratori di mezza Europa”