Home Tags Carceri

Tag: carceri

Detenuti al lavoro nei Parchi Nazionali

1

Andrea Orlando, Ministro della Giustizia, e  Gian Luca Galletti, Ministro dell’Ambiente, hanno firmato un protocollo d’intesa per far si che i detenuti destinati ad entrare nel programma di riabilitazione o rieducazione, possano prestare servizio come manodopera nei parchi nazionali.

Un modo per acquisire nozioni utili al reinserimento sociale e nel mondo del lavoro.

Il Ministro Orlando spiega il progetto:

“Con questo protocollo  affrontiamo il tema dei detenuti che potranno lavorare all’esterno e nei parchi potranno anche acquisire una specificità con i cosidetti green jobs. Si potrà anche in futuro fare un ragionamento per occupare i detenuti nella manutenzione del suolo. I lavori di pubblica utilità vanno nella direzione che vorrei si prendesse non solo per le emergenze ma in chiave strutturale. Iniziative come queste possono essere un prototipo”.

Proposta del segretario Sappe: “gli stranieri condannati scontino la condanna nei Paesi d’origine”

1

E’ giunta una proposta per cercare di risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri italiane e proviene dal sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria. La proposta non è complicata, ma difficile da attuare.

La proposta è di Donato Capece, segretario generale del sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria, il quale ha voluto rilasciare alcune dichiarazioni in merito all’AdnKronos: “gli stranieri condannati scontino la condanna nei Paesi d’origine. E se rientrano in maniera illecita in Italia, si preveda per loro l’aumento di un terzo della pena”.

Così facendo si potrà risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri italiane, in quanto la politica non sta trovando alcuna soluzione adeguata per farlo.

Le donne in carcere, violate nella loro femminilità e maternità

5

Arrivano tante lettere dalle carceri di tutta Italia a Radio Radicale durante il programma radiofonico che va in onda da oltre 10 anni “Radio Carcere“. Le lettere vengono lette in diretta da Riccardo Arena, le condizioni peggiori sono destinate alle donne, carenza di igiene, ginecologi o pediatri assenti, difficoltà nel procurarsi assorbenti o detergenti intimi.

Ecco alcune testimonianze di ragazze che sono in carcere o ci sono state:

«Quando ero dentro non ho avuto il ciclo per diversi mesi. La causa, secondo il medico del carcere, era lo “stress da detenzione”. Quando sono uscita mi è stata diagnosticata una menopausa precoce: rischio di diventare sterile» dice una ragazza di 23 anni.

Carceri italiani condannati per sovraffollamento

0
Carceri-Italiane-sovraffollamento

Carceri-Italiane-sovraffollamentoLa Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha condannato proprio oggi l’Italia accusandola di trattamento inumano e degradante di 7 carcerati detenuti nel carcere di Busto Arsizio e in quello di Piacenza.

Anche i detenuti hanno dei diritti, uno dei quali è proprio quello di poter stare in celle adeguate dal punto di vista dello spazio:  l’Italia ha violato questo diritto tenendo i detenuti in celle dove potevano avere a disposizione meno di 3 metri quadrati.

Il nostro Paese deve così pagare ai 7 carcerati 100 mila euro per danni morali e deve nell’immediato trovare soluzioni idonee al sovraffollamento nelle prigioni.