Questo sito contribuisce
all'audience di

Home Tags Antitrust

Tag: Antitrust

Estée Lauder Clinique e L’Oréal multate dall’Antitrust per pubblicità ingannevole!

0

Quante volte ci siamo imbattuti in pubblicità, che siano esse trasmesse in televisione, su internet o nelle pagine pubblitarie di giornali e riviste, che ci mostrano gli straordinari effetti di creme antirughe che ci regalano un viso a dir poco perfetto, una pelle liscia e morbida al tatto, vellutata, rivitalizzata… il sogno di ogni donna praticamente.

Un po’ tutte siamo attirate da questo tipo di prodotti, che ci promettono risultati pari a un intervento di chirurgia estetica, o a un trattamento laser o a un lifting.

Telecom, Vodafone e Wind accusati di pratiche scorrette: nessuna sanzione dall’Antitrust, ma ADUC si ribella

0

Servizi “illimitati” e “per sempre”. Tutte false promesse. A finire nel mirino sono Telecom, Vodafone e Wind, accusati di aver messo in atto delle pratiche commerciali scorrette e illusorie nei confronti dei consumatori.

I tre gestori di telefonia sono stati denunciati all’Antitrust, ma, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm-Antitrust) ha chiuso le tre istruttorie riconoscendo che si tratta di pratiche commerciali scorrette, perchè di fatto non si tratta di servizi “illimitati” e “per sempre”, e prende atto del “pentimento” di questi gestori telefonici credendo al loro impegno di non farlo più.

Farmaci Novartis e Roche: l’Antitrust multa le aziende per una maxitruffa mondiale

0

Novartis e Roche sono due colossi del farmaco. Producono e distribuiscono in tutto il mondo.

L’Antitrust le ha multate e condannate per una maxitruffa a discapito dei consumatori: le due multinazionali si erano accordate per dividersi il guadagno miliardario proveniente dalla vendita di due farmaci simili ma dal costo diverso. I due farmaci in questione si chiamano Avastin e Lucentis : il primo costava 80 euro, l’altro ben 900!

Ma in concreto cosa hanno fatto? Hanno sabotato i risultati di ricerche indipendenti che sostenevano l’assoluta uguaglianza terapeutica dei due farmaci, hanno messo in moto una politica di allarme riguardo l’utilizzo del farmaco meno costoso, sono riusciti ad ingannare la stampa specializzata nel settore, le commissioni parlamentari e via dicendo.

Vivident, Happydent, Daygum e Mentos: multa di 180.000 euro per pubblicità ingannevole

0

La Perfetti è un’azienda che produce gomme da masticare e prodotti come Vivident, Happydent, Mentos e Daygum. 

L’Antitrust (Autorità garante della concorrenza e del mercato) ha multato l’azienda perchè i messaggi pubblicitari delle gomme da masticare sarebbero ingannevoli: non è vero, infatti, che hanno le caratteristiche necessarie per pulire i denti.

La multa è di 180.000 euro.

Le accuse riguardano le campagne pubblicitarie relative all’anno 2011-2012 di alcuni chewing gum: secondo l’Antitrust i messaggi pubblicitari focalizzati “sui benefici salutistici derivanti dal consumo dei prodotti, specificamente per l’igiene orale e dentale, attraverso l’accostamento allo spazzolino, agli strumenti medici, ai vanti relativi agli effetti antitartaro, anticarie e antiplacca, ancora agli effetti di rinforzo e protettivi dei denti risultano ingannevoli verso i consumatori”.

L’Antitrust Condanna la Coca-Cola e ne fa Cambiare l’Etichetta

0

Basta a etichette ingannevoli e soprattutto all’elogio di benefici di sostanze che in realtà non hanno nulla a che vedere col benessere.

La scritta “La caffeina è sicura” è un’informazione nutrizionale fuorviante. La caffeina può anche essere sicura, nel senso che è sicuro che ci sia, ma di sicuro non fa bene. Inoltre la società dovrà anche includere sull’etichetta per il consumatore il reale valore nutrizionale della bibita, e precisare quanto saccarosio contiene ogni lattina, ogni bottiglia e quale sia la dose giornaliera consigliata di questo zucchero. Inoltre la Coca-Cola non potrà più appellarsi al fatto che bere la bibita fa bene perchè contiene acqua e l’acqua fa bene all’organismo perchè ne favorisce l’idratazione del corpo.

Ryanair: multa di 400 mila euro per la tassa sulla carta di credito

1

L’Antitrust ha multato la famosa compagnia area Ryanair a causa di “scorrette modalità di rappresentazione ai consumatori del prezzo dei biglietti aerei”.

Capitava, infatti, di essere invogliati ad acquistare un biglietto aereo low-cost proprio per il suo prezzo economico. Poi, però, una volta arrivati al momento del pagamento ed inserite le credenziali della carta di credito, il prezzo aumentava.

Sotto accusa la ‘tassa’ per l’utilizzo della carta di credito: un vero e proprio aumento del prezzo del biglietto acquistato on line. La tassa era prevista per l’utilizzo di molte carte di credito come Ryanair Mastercard, Ryanair Visa, Voucher prepagato 3V Visa, Master Card e Visa ed era pari al 2% del prezzo dichiarato nel sito web.