Notizie
Primo piano

Il video shock del "prima" e "dopo" l'uso di droghe

Di Valeria Bonora - 29 Marzo 2013

In un documentario distribuito nelle scuole Usa si vedono le foto segnaletiche di 21 detenuti finiti dentro per stupefacenti e immortalati «prima» e «dopo» l’uso di droghe pesanti

 
Questa campagna pubblicitaria è stata una delle più discusse mai lanciate negli USA, ad idearla è stato Bret King, vice-sceriffo di Multnomah County (Oregon) che spiega: «L’idea è quella di dare ai più giovani un esempio tangibile e insieme drammatico degli effetti devastanti che l’uso di droghe pesanti provoca»
La campagna è addirittura stata paragonata alle foto dei fumatori in fin di vita sui pacchetti di sigarette. Il documentario è un dvd di 48 minuti ed è stato distribuito nelle scuole medie e superiori Usa e rivolto ai ragazzi dai 13 anni in su. Il titolo, «From Drugs to Mugs», rivela l’intenzione di dichiarare guerra alle droghe pesanti come la metanfetamina, l’eroina e la cocaina, utilizzando la prevenzione invece della disintossicazione.
“Si stima che su i 2000 o giù di lì detenuti oltre la metà ha provato e usato droghe pesanti,“ha detto King. “L’età media degli intervistati hanno provato i loro primi farmaci o alcool, all’età di 12 anni. Di questi 300, 117 dicono che la loro prima esperienza è stato avviata da un genitore, 36 dicono da un fratello più grande o cugina, zia, zio o nonno. Inoltre, 119 di loro hanno avuto la loro prima esperienza con la droga da un amico e uno ha perfino detto che era la loro babysitter. Queste sono le statistiche forti, ma quello che volevamo mostrare era la correlazione tra abuso di droga e la criminalità… l’abuso di droga è stato un fattore preponderante nella loro vita e in media i 300 hanno condiviso 13,25 arresti per detenuto.
L’aspetto della campagna che ha suscitato maggior dibattito tra i banchi di scuola è la decisione di allegare al documentario un cd con le foto segnaletiche di 21 detenuti finiti dentro per droga e immortalati «prima» e «dopo». Si tratta di uomini e donne di ogni età e di ogni razza, che hanno visto il loro corpo subire una vera e irreversibile metamorfosi nel giro di pochissimo tempo.
La campagna, attraverso le foto segnaletiche, cerca di scoraggiare i giovani facendo leva sulla loro vanità. «I ragazzi più giovani sono tutti un po’ narcisisti e ossessionati dalle apparenze», teorizza King, «fargli vedere come la droga trasforma la loro immagine, è il deterrente più forte che si possa immaginare».
[Fonte Daily]
 
Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)