Miyamoto Musashi fu uno dei samurai più famosi, nacque nel 1584 a Miyamoto-Sanoma nella provincia di Mimasaka e la sua vita fu una vera e propria leggenda, abile spadaccino ma anche un eccelso artista, oltre alla pittura si dedicò anche alla scrittura e la sua opera più famosa fu Il libro dei cinque anelli” conosciuto anche come Il libro degli elementi o Il libro dei cinque elementi, dove narra della sua esperienza e lo fa suddividendo il libro in cinque parti, gli elementi costitutivi dell’universo secondo la cultura Taoista: terra, acqua, fuoco, aria e vuoto.

“Per conoscere se stessi è necessario conoscere gli altri.”

Una settimana prima della sua morte, precisamente il 12 maggio 1645, Musashi scrisse un breve saggio titolato Dokkōdō “La via della solitudine” o “La via da seguire soli” nel quale descrive 21 precetti che rappresentano la sua visione ascetica della vita; in questo modo l’autore vuole prepararsi alla sua imminente morte.

I 21 precetti sono di seguito elencati:

  1. “Accettate tutto nel modo in cui esso è”.
  2. “Non cercate il piacere in sé e per sé”.
  3. “In nessun caso dipendete da una parziale sensazione”.
  4. “Pensate leggermente di voi e profondamente del mondo”.
  5. “Siatene staccati dal desiderio per tutta la durata della vostra vita”.
  6. “Non rammaricatevi di ciò che avete fatto”.
  7. “Non siate gelosi”.
  8. “Non fatevi rattristare da una separazione”.
  9. “Il risentimento ed il rimpianto non sono mai appropriati né per se stessi né per gli altri.”
  10. “Non lasciatevi guidare da un sentimento di amore o di lussuria”.
  11. “In tutte le cose non abbiate preferenze”.
  12. “Siate indifferenti a dove vivete.”
  13. “Non ricercate il gusto della buona cucina”.
  14. “Non mantenete il possesso più di quanto sia necessario”.
  15. “Non agite seguendo le credenze comuni”.
  16. “Non collezionate armi né fate pratica con le armi al di là di ciò che è utile”.
  17. “Non temete la morte”.
  18. “Non cercate di possedere i beni o feudi in ragione della vostra vecchiaia”.
  19. “Rispettate il Buddha e gli dei senza contare sul loro aiuto.”
  20. “Si può abbandonare il proprio corpo, ma è necessario preservare l’onore”.
  21. “Mai smarrire la Via”.

Vediamo alcuni di questi punti più da vicino.

Miyamoto Musashi

1. “Accettate tutto nel modo in cui esso è”.

La vita non cambia ma con una buona dose di umiltà possiamo cambiare il nostro atteggiamento nei suoi confronti accettando la realtà, evitando un conflitto interiore il cui unico esito può solo essere la sconfitta, e imparando da ogni lezione qualcosa di nuovo e trarre degli insegnamenti da ogni difficoltà.

2. “Pensate leggermente di voi e profondamente del mondo”.

Pensare troppo solo a se stessi separa dal mondo e rende insicuri, bisogna imparare ad essere se stessi e ad aiutare gli altri, questo aiuta ad apprezzarsi e da grande soddisfazione interiore.

3. “Siatene staccati dal desiderio per tutta la durata della vostra vita”.

Bramare qualcosa porta inesorabilmente all’insoddisfazione, la voglia di possedere sempre più beni materiali è il classico tunnel del quale non si vede l’uscita. E’ difficile riuscire sempre ad ottenere quello che si vuole. Chi più desidera più diventa vittima della frustrazione, imparando a rinunciare si riesce ad essere molto più felici.

4. “Non rammaricatevi di ciò che avete fatto”

I rimpianti sono dolorosi, errori commessi non condannano ad una vita misera, sono tipici della vita umana, bisogna imparare ad accettarli ed andare avanti, ogni scelta che viene fatta lungo il percorso di vita insegna qualcosa e cambia il corso della storia, l’agire erroneamente insegna lezioni non bisogna mai disprezzare le proprie scelte, ma imparare a farne tesoro.

5. “Non mantenete il possesso più di quanto sia necessario”.

Le cose, gli oggetti, i beni materiali rischiano di influenzare negativamente le emozioni e il modo di affacciarsi alla vita, l’attaccamento a queste cose porta ad essere sopraffatti e a limitare la libertà. Liberarsi delle cose che non servono più rende più forti e più flessibili, ma soprattutto più pronti per quello che dovrà arrivare.

Miyamoto Musashi

7. “Non agite seguendo le credenze comuni”.

Avere fede nelle proprie capacità di giudizio e nel proprio buon senso rende meno manipolabili e quindi più liberi di esprimersi e di vivere pienamente, bisogna rispettare i propri valori e le proprie convinzioni senza lasciare che sia qualcun altro a dire come ci si deve comportare o cosa si deve fare. Basta seguire ciecamente gli altri.

8. “Non temete la morte”.

Prima o poi arriverà, la morte è conseguenza della vita, averne paura è come aver paura del sole che tramonta, ogni alba sa che dovrà tramontare, ma è importante vivere la vita intensamente proprio come fa il sole ogni giorno.

9. “Si può abbandonare il proprio corpo, ma è necessario preservare l’onore”.

L’onore non va mai perduto, l’amor proprio fa si che si abbia un grande rispetto per se stessi, bisogna difendere i propri valori perché l’onore è un bene prezioso, mostra agli altri come si è veramente e si ottiene il loro rispetto. L’onore è quella cosa che dà valore alla vita.

10.  “Mai smarrire la Via”.

Per Musashi è fondamentale non perdersi durante il cammino, una vita fatta di rettitudine è il completamento della propria opera, un modo per dire “ho vissuto“.

Questi insegnamenti sono tremendamente attuali, e si traducono con la voglia di essere ciò che possiamo essere, e il prestare attenzione ai nemici di noi stessi che possono trovarsi nella presunzione, nella chiusura mentale, nella perdita di di stima in sè, nella perdita di valori e degli orizzonti, nella chiusura verso nuovi concetti o nello smettere di sognare.

Articolo scritto da Valeria Bonora – valeria2174.wix.com