Primo piano
Rassegna Etica

Il bialbero di Casorzo una Straordinaria Meraviglia della Natura

Di Valeria Bonora - 27 Gennaio 2017

Bi-albero?? Cioè un albero doppio?
Si, ma non solo, sono due alberi cresciuti uno sopra l’altro! Come può essere possibile? Sicuramente sarà un fotomontaggio, ormai con photoshop si può fare di tutto… ma no, questa volta non è stato un programma di grafica a metterci lo zampino, ma proprio Madre Natura!
Si perchè il bialbero di Casorzo lo si può ammirare dal vero e precisamente sulla strada che unisce Casorzo e Grana, nella provincia di Asti in Piemonte, si tratta di un ciliegio nato letteralmente sopra un gelso, due alberi differenti che si sono uniti in un unica anima.
Il gelso su cui è nato il ciliegio si è aperto per ospitarlo, non si sa come sia potuto accadere, alcuni presumono che alcuni noccioli di ciliegia siano stati abbandonati tra le fronde del gelso da qualche animale o uccellino, poi la pioggia ha fatto il resto, fatto sta che ora si ha un ciliegio di 6 metri ospitato nel ventre di un gelso alto 5…
Bialbero di Casorzo
In estate quando entrambi sono ricoperti di foglie è quasi difficile distinguere le due piante, ma in primavera la magia delle fioriture differenti fa spiccare un ciliegio vitale e maestoso sorretto da un altrettanto gigante che sembra quasi abbracciarlo.
 

Bialbero di Casorzo

Immagine da Wikipedia

Questo strano innesto naturale non è così insolito come si potrebbe pensare, infatti l’unione di piante dette “parassiti” accadono spesso in natura ma la cosa che rende questo Bialbero di Casorzo così straordinario è la sua longevità e le sue dimensioni, praticamente sono due alberi formati e cresciuti con un’unica essenza vitale.

In realtà le piante epifite, che sono tutte quelle specie di piante che vivono su altre piante, sono di piccole dimensioni e di vita breve come ad esempio felci, muschi, licheni o altri organismi sessili e utilizzano la pianta ospitante più che altro come un semplice sostegno e non sicuramente per procurarsi il nutrimento, inoltre di solito si trovano soprattutto nelle foreste tropicali e subtropicali.

E’ incredibile come queste due piante siano riuscite a crescere e a prolificare così tanto senza che nessuna delle due perisse, un’unione che fa davvero la forza, solo la natura può creare simili bellezze e simili unioni senza distruggere.

Articolo scritto da Valeria Bonoravaleria2174.wix.com





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)