Sono piccoline ma nascondono un grande segreto, sono le porte delle fate, apparirono per magia la prima volta nel 1993 nella cittadina di Ann Arbor negli Stati Uniti e precisamente sul battiscopa di Jonathan e Kathleen Wright.

Dopo aver scoperto la prima porticina, i coniugi ne scoprirono altre all’interno della loro casa, ma non solo, con l’andare del tempo ne apparirono anche altre all’esterno di locali come bar e librerie, nel negozio di regali Peaceable Kingdom, nell’Ospedale pediatrico Mott e anche negli uffici di Google; basta passeggiare per questa cittadina per scoprirne ancora adesso alcune nascoste.

L’inventore delle porte delle fate, o fairy doors, fu proprio Jonathan Wright, l’autore del libro “Who’s Behind the Fairy Doors?“ (Chi c’è dietro alle porte fatate?), le fece per le sue bimbe le quali potevano sognare ogni volta che si avvicinavano ad una di esse.

Vicino ad alcune porte delle fate situate per le vie di Ann Arbor c’è anche un “guest book” dove i visitatori possono lasciare un messaggio e a volte le fate rispondono anche.

Dietro queste porte si nasconde un mondo infinito fatto di fantasia e immaginazione per questo motivo sono importanti, perchè aiutano i bambini a sognare, possono lasciare piccoli pensieri, caramelle, regalini, messaggi, ghiande, castagne, biscotti, fiori, fiocchi, bottoni, ditali… e qualsiasi cosa possa tornare utile ad una fata!

Queste porte delle fate aiutano i bambini a ritagliare una angolo sicuro dove rifugiarsi con la fantasia ogni volta che qualche cosa non va come dovrebbe andare, per esempio durante un litigio in famiglia possono lasciare un messaggio ad una fata per chiedere aiuto o per espletare le proprie emozioni in merito, ma possono anche essere un luogo magico dove sognare tranquilli.

Sono particolarmente utili per quei bambini che hanno paura di restare soli, che stanno vivendo la separazione dei genitori o che hanno paura del buio! Le fate sono magiche e aiutano sempre i bimbi che chiedono aiuto, ma anche quelli che semplicemente amano il mondo fatato e a cui piace fare regalini a questi esseri meravigliosi dell’immaginario infantile.

Ma come si fa a sapere se dalla porta delle fate si accede proprio ad un mondo fatato? Semplice dopo il passaggio di una fata, a volte, non sempre, si trova della polvere di fata, piccole impronte dorate o luccicanti; qualche volta le fate sono un po’ distratte e lasciano cadere della polvere magica al loro passaggio, succede soprattutto quando sono molto contente!! 😉

Non c’è una regola precisa per creare una porta delle fate, anzi in realtà una c’è, ma bisogna trovarla dentro se stessi, bisogna cercare a lungo l’immagine che si ha del mondo delle fate, bisogna immaginarlo fino a quando non si troveranno tutti gli elementi che la dovranno caratterizzare, c’è infatti chi la immagina con funghetti e farfalle, chi la immagina con una grossa buca delle lettere e chi invece circondata da grossi girasoli… chiudete gli occhi e guardate nel vostro mondo magico e sono certa che troverete la porta perfetta per il vostro regno fatato!

Anche per crearla non ci sono regole precise, potete farla di cartone, di legno, di terracotta, di plastica, di stecchini del gelato!!!

Per fare una porta in creta (o terracotta) potete usare una busta di plastica o della carta da forno, per proteggere la superficie su cui andrà posata per l’asciugatura, delle matite potrebbero essere perfette per creare una dima da riempire di terracotta e poi con un righello si può livellare, andrà dello spessore delle matite, circa mezzo centimetro o poco più, perchè poi andrà aggiunta la maniglia, e le varie decorazioni, potete farle sempre con la creta (potete acquistare la creta da vasai in un negozio di belle arti, scegliete quella che non va cotta in forno), oppure aggiungendo a vostro piacimento delle decorazioni come bottoni o borchie o perline. Ricordate che il tutto può essere aggiunto anche dopo l’asciugatura con della colla a caldo.

Stessa cosa anche per i bastoncini in legno del gelato, unitene circa 6 in verticale e incollateli tra di loro con due in orizzontale, create uno stipite con altri bastoncini e decorate il tutto…

Potete anche usare le porte delle case delle bambole e poi decorarle come preferite… ma ricordate che non è necessario che la porta si apra… perchè solo le fate possono aprirla!!!

Nel video tutorial che segue viene mostrato come fare una porta delle fate utilizzando un pezzo di polistirolo come quello delle vaschette che contengono gli alimenti!

Mentre in questo tutorial viene mostrato come realizzare una porta delle fate con i bastoncini del gelato!

Ricordate che per creare la porta perfetta deve essere esattamente quello che immaginate voi, se le create per i vostri bambini fategliela disegnare su un foglio e poi cercate di realizzarla il più possibile uguale.

Una volta pronta la porta andrà posizionata in un posto magico… ma quale sarà quello giusto? Le fate non amano il caos, preferiscono luoghi nascosti, visibili solo a chi sa osservare attentamente, alcune fate amano leggere e la porta perfetta la si può trovare tra i volumi di una libreria, mentre altre amano i dolci e i profumi del cibo, il loro posto ideale si trova quindi vicino alla cucina, ma alla maggior parte delle fate piacciono i bambini ancora pieni di fantasia e sogni ed è per questo che il loro luogo preferito è la loro cameretta, magari vicino al letto o alla finestra.

Quando avete scelto il posto adatto posizionate la porta e fissatela al muro con della colla a caldo, se per caso la porta si apre, prima di fissare la porta incollate sul retro un mondo fatato che si veda quando si apre la porta…. magari disegnato proprio dai vostri bimbi che hanno immaginato questo mondo… ma difficilmente le porte si aprono… ricordate che ci vuole tanta magia e manine piccole piccole per aprirle!!!

Alcune porte non vengono posizionate in terra, le fate san volare non è un grosso problema… ma se oltre alle fate volesse passare un folletto? Allora aggiungete una scaletta… non si sa mai!

Ora che la porta è posizionata (sempre con la magica colla caldo!!) non vi resta che aggiungere i dettagli, potete prenderli da una casa delle bambole, dal bosco vicino a casa, o creare i dettagli con della pasta da modellare come il fimo (occhio che va cotto!!).

Inoltre le porte delle fate possono anche trovarsi fuori casa, attaccate ad un albero o nel retro di casa, ci sono infatti alcune fate che proprio non sopportano di stare chiuse in casa!!

Questa sul retro di casa è perfetta….

Se fate una porticina da attaccare all’albero dovrete curarla particolarmente rivestendola di una vernice resistente alle intemperie e soprattutto dovrete occuparvi anche delle erbe che cercheranno di nasconderla!

Ora cosa state aspettando? Iniziate a pensare come sarebbe il vostro mondo fatato e la sua porta… bisogna fare in fretta… le fate si indispettiscono facilmente e amano molto i regali… cercate la loro polvere magica vi riempirà di gioia e serenità!

Valeria Bonora