Prescrivere frutta e verdura al posto dei medicinali può far drizzare i capelli in testa ad ogni persona sana di mente, i farmaci sono indispensabili per determinate malattie… ma l’idea del dott. Garth Davis, direttore medico di chirurgia bariatrica al Memorial Hermann City Medical Center non è così “insana” come si potrebbe pensare.

Troppa gente assume farmaci in eccesso, addirittura integratori o vitamine che sono indispensabili al nostro organismo, inoltre il meccanismo è un po’ come il cane che si morde la coda, i farmaci oltre a debellare la malattia indeboliscono anche il sistema immunitario e, non a caso dopo alcune terapie farmacologiche come ad esempio quelle antibiotiche, vengono prescritte terapie ricostituenti.

Curare con frutta e verdura

Allora perchè non partire a monte del problema e preparare l’organismo ad essere più forte e reattivo contro le malattie? La frutta e la verdura contengono una miriade di elementi nutritivi utili al nostro organismo, a cominciare dalle vitamine, gli oligoelementi, le fibre, i minerali e gli acidi grassi.

Dalla terra possiamo ottenere verdura in grado di mantenere la struttura dei tessuti e degli organi, sintetizzare enzimi e ormoni, è in grado di fungere da antiossidante, di neutralizzare i radicali liberi e produrre energia: va inoltre ricordato che molte vitamine non sono prodotte dal corpo umano e vanno quindi assunte con l’alimentazione.

Quindi come disse Ippocrate è possibile che il cibo diventi la nostra medicina? Certo che si!

Ovviamente non si può curare un’infezione con un’insalata, ma è possibile rendere il corpo forte in modo da prevenire questa infezione, o comunque aiutarlo nella guarigione (nessuno di noi vuole sostituirsi ad un medico, al quale bisogna SEMPRE rivolgersi senza sperimentare metodi fai-da-te), inoltre alcune malattie croniche possono trovare ottimi benefici, come le allergie che diminuiscono sostanzialmente grazie ad un corretto apporto di vitamina C.

Curare con frutta e verdura

Il dott. Davis spiega piuttosto bene il concetto:

“Come medici abbiamo il dovere di operare e prescrivere farmaci ai nostri pazienti affinché stiano meglio, ma perché non educarli anche a mangiare in maniera sana e rendere la frutta e la verdura fresca facilmente disponibili?”

Eh si perchè un altro problema fondamentale è che anche mangiando molta frutta e verdura ci si può ammalare o stare male, questo perchè ormai i terreni si sono impoveriti grazie alle colture intensive, all’uso di pesticidi e all’uso di fertilizzanti chimici, quindi diventa difficile trovare alimenti che abbiano un vero potenziale e che siano ricchi di tutte quelle sostanze che fanno bene.

Ed è per questo che oltre a prescrivere una dieta di frutta e verdura, il dott. Davis insieme e Kristina Gabrielle Carrillo Bucaram hanno fondato il Rawfully Organic, una cooperativa no profit di cibo biologico che è ormai diventata la più grande d’America.

La Carillo-Bucaram spiega:

“Il dott. Davis e io siamo d’accordo sul fatto che mangiare cibo crudo, ricco di fibra, biologico, maturo e colorato dovrebbe essere parte della routine giornaliera di chiunque” ed è per questo che oltre alla cooperativa hanno creato anche un Farmacy Stand all’interno dell’ospedale, che consegna ai pazienti prodotti freschi (PS: “Farmacy” è scritto volutamente errato perchè è un connubio tra Farm e Pharmacy).

Farmacy stand

Grazie alla cooperativa chiunque può ritirare la propria “box” contenente una nutrita varietà di prodotti freschi, biologici e assolutamente di stagione, la cooperativa acquista la frutta e la verdura dai suoi agricoltori agricoltori locali in modo da ottenere la migliore offerta possibile e il miglior prezzo possibile.

In questo modo vengono soddisfatte le aspettative di tutti, ma soprattutto dei consumatori che possono ottenere cibo di qualità e curare se stessi cominciando proprio a prevenire le malattie!

Valeria Bonora