stelle-leggenda

“Non si volge indietro chi a stelle è fisso”

Leonardo Da Vinci

Da sempre l’uomo guarda al cielo e alle stelle con nel cuore due sentimenti principali, lo stupore e la voglia di scoperta. Questo cielo, così uguale e così diverso a seconda della parte del globo da cui lo stiamo osservando. Questo cielo che ci ricorda al tempo stesso quanto siamo potenti e quanto siamo piccoli.

A questo cielo pieno di stelle, il Royal Observatory di Greenwich, a Londra, ha dedicato la quinta edizione dell’Astronomy photographer of the year, festival annuale dedicato alla fotografia astronomica. Quest’anno hanno partecipato oltre 1.200 fotografi provenienti da cinquanta diversi Paesi che hanno presentato le più belle foto di stelle.

Le foto, tutte meravigliose, ritraggono l’incanto del cielo stellato, la profondità e l’umanità di questi splendidi astri al cui studio l’essere umano a sempre si dedica.

La storia trabocca di leggende dedicate alle stelle, alla nascita delle costellazioni e alla loro relazione con l’uomo, come fossero silenziosi e splendenti messaggeri del cielo, pronti ad aiutarci nel nostro difficile percorso su questa terra.

Quale modo migliore di omaggiarle, dunque, se non quello di raccontarvi una bellissima storia che parla di stelle?

Questa leggenda narra la nascita divina della costellazione dell’orsa maggiore, una delle più conosciute e studiate sia in occidente che in oriente.

costellazione-orsa-maggiore

Un’antica leggenda greca, narra che:  c’era un tempo in cui si adoravano gli dei e le dee e tra queste c’era la bella dea della caccia Diana. la grande muta di cani che le apparteneva e il gruppo di fedeli devote fanciulle che si erano votate a lei rinunciando ai piaceri del matrimonio, erano sempre con lei, la accompagnavano in ogni battuta di caccia.

Una delle ancelle, però, era davvero bellissima e non passava inosservata al Re dell’Olimpo. Fu così che Giove si innamorò di Callisto, scese sulla terra e come si confaceva ad un dio del suo calibro, la fece innamorare e la sposò, facendola contravvenire al giuramento fatto a Diana e macchiandosi di tradimento nei confronti della moglie legittima Giunone.

Dal loro matrimonio nacque un figlio, Arcade, che da grande divenne un abile cacciatore.

Diana e Giunone si accorsero del doppio inganno perpetrato ai loro danni e alle loro spalle e decisero di vendicarsi. Così, trasformarono la bella Callisto in un’ora.

Subito dopo la trasformazione Callisto iniziò a correre per i boschi e il figlio, che era uscito a cacciare, credendo di dover difendere le ancelle da un feroce animale, iniziò ad inseguirla per ucciderla. A quel punto Giove intervenne e per evitare che tutto si trasformasse in una tragedia, mutò tutti in stelle. Così nacque la costellazione dell’ora maggiore.

Eccovi alcune delle più belle foto di stelle dell’Astronomy photographer of the year. Sembrano dipinti, quadri spettacolari e surreali e invece appartengono ad un mondo reale, sopra di noi, osservabile da tutti…

ASTRONOMY PHOTOGRAPHER OF THE YEAR AT THE ROYAL OBSERVATORY GREENWICH

foto di stelle

Stelle1

Stelle3

Royal Observatory di Greenwich

Royal Observatory di Greenwich

Stelle6

Royal Observatory di Greenwich