Cos’è il disturbo da attacchi di panico, 2 consigli per affrontarlo

 disturbo-attacchi-panico

Il disturbo da attacchi di panico… una delle problematiche più diffuse, soprattutto nelle donne. Ed una delle situazioni che ci si trova ad affrontare più di frequente in terapia.

Alcuni ne soffrono sporadicamente, o ne hanno sofferto in un determinato periodo. Per altri diviene invece un vero cruccio, qualcosa che fa inaspettatamente la sua comparsa in più momenti della giornata, o comunque con molta frequenza e che condiziona davvero la vita.

Disturbo da attacchi di panico sintomi

I sintomi riportati con maggiore frequenza sono i seguenti:

Check2orangeRespiro affannoso

Check2orangePalpitazioni

Check2orangeVertigini o giramenti di testa

Check2orangeFormicolii alle mani o ai piedi

Check2orangeSenso di costrizione o dolore al torace

Check2orangeSensazione di soffocamento o di mancanza di aria

Check2orangeSentirsi svenire

Check2orangeSudorazione

Check2orangeTremori

Check2orangeVampate di caldo o di freddo

Check2orangeBocca secca

Check2orangeNausea o nodo allo stomaco

Check2orangeDebolezza delle gambe

Check2orangeVisione annebbiata

Check2orangeTensione muscolare

Check2orangeImpressione di non riuscire a pensare chiaramente o a  parlare

Check2orangeImpressione che le cose intorno non siano reali

Check2orangePaura di morire, di perdere il controllo, di comportarsi in modo bizzarro

Aldilà dei sintomi che la maggior parte di noi conosce, e soprattutto chi li sperimenta su di sé ogni giorno…!

Cos’è davvero un disturbo da attacchi di panico?

panico-ansiaNon è altro che ansia! Un’emozione che si innesca quando percepiamo un possibile pericolo, e la cui funzione è aiutarci a riconoscerlo in modo da poterci preservare.

Un’ansia talmente forte, che non è più gestibile e che si manifesta sotto forma  degli spiacevoli sintomi sopra elencati.

L’ansia in questo caso non viene più percepita come emozione.

Ma si manifesta completamente tramite il corpo che diviene il tramite, il mezzo per manifestare e vivere un disagio.

Anche se gli attacchi di panico vengono vissuti come qualcosa di inaspettato ed improvviso, in realtà dietro c’è molto di più da capire e da affrontare!

Ci sono: dei motivi, delle situazioni, delle difficoltà, delle preoccupazioni. Che in un momento di particolare stress, possono trovare terreno fertile per manifestarsi.

Il disturbo da attacchi di panico quindi, anche se è un problema che si manifesta chiaramente tramite il corpo, non è un disturbo che riguarda il corpo.

Capire questo è molto importante, perché per risolverlo veramente occorre focalizzare cos’è, in modo da poterlo trattare adeguatamente.

Ho visto molte persone soffrirne da anni nonostante numerose cure, ed il motivo è che questo disturbo a volte non viene trattato nel modo giusto. Quindi il problema continua a perpetuarsi nel tempo e a volte a peggiorare, portando ad un conseguente e comprensibile scoraggiamento.

Una cosa da sottolineare, è che i farmaci possono aiutare in momenti particolarmente critici ed acuti del disagio, ma non sono la soluzione del disagio. Cercare di zittire ciò che genera e sostiene il problema, non è mai la soluzione ottimale.

attacco-di-panicoUno dei problemi che più di frequente si associa al disturbo da attacchi di panico: nella testa di chi ne soffre si potrebbe costruire l’idea, che la comparsa dell’attacco di panico sia legato al luogo/ai luoghi dove è accaduto, e che sia pericoloso andarci o comunque allontanarsi da casa.

Questo può generare conseguenze importanti:

1Temere di uscire da soli per paura che possa accadere qualcosa, con conseguente perdita della propria autonomia

2Perdita del lavoro

3Isolamento

4Restringimento dei rapporti interpersonali

È una paura comprensibile perchè l’attacco di panico soprattutto se non si ha consapevolezza di cosa sta succedendo, può generare molto timore. Tuttavia il ripresentarsi o meno degli attacchi di panico non dipende dal luogo in cui ci si trova.

Il motivo per cui l’attacco di panico continua a ripresentarsi è interno!

È legato alla persona:

Check2redA quello che pensa di sè e di ciò che si trova ad affrontare

Check2redA come vive le emozioni

Check2redA situazioni e problemi che sta vivendo o ha vissuto

Check2redA difficoltà personali

Check2redA difficoltà nelle relazioni

Check2redAd eventi traumatici

E altro…

Tanti possono essere i motivi che possono portare a soffrire di tale malessere, che è solo lo stadio finale di qualcosa che c’è alla base e che occorre rintracciare.

Tutto ciò sostiene gli attacchi di panico, quindi comprendere cosa non sta andando  e si è “inceppato” nella vita della persona, è fondamentale.

Un ulteriore importante aspetto

Nel momento in cui hanno inizio, gli attacchi di panico sono sostenuti e continuano a reiterarsi anche a causa di un altro elemento, la PAURA! immagine-paura

Chi ha avuto diversi attacchi di panico in genere, teme possano ripresentarsi e questo è assolutamente comprensibile. Tuttavia è proprio questo che fa si, ne possano comparire con maggiore probabilità degli altri.

Più ho paura infatti, più la mia ansia aumenta, e  più rischio di stare male ancora e questo rafforza la mia idea che ho ragione  di avere paura.

Più si aspetta e si rimanda più la paura aumenta. Si viene a creare così un vero e proprio circolo vizioso, dal quale diviene difficile uscire.

stop-attacchi-panico-ora

Cosa fare?

1

Soprattutto se si tratta di una condizione di una certa entità, che dura da tempo e dalla quale non si riesce ad uscire, occorre valutare seriamente l’idea di iniziare un percorso di terapia. Volto a comprendere i motivi e cosa sostiene il disturbo. Inoltre il terapeuta, utilizzerà numerose tecniche per aiutare la persona a gestire meglio i sintomi fino alla loro risoluzione. Per ciò che concerne i sintomi, ecco due semplici ed efficaci tecniche da utilizzare:

2

Mentre si ha un attacco di panico, o quando si percepiscono i primi sintomi, è fondamentale la respirazione. Stendersi se è possibile, concentrarsi sul respiro e respirare con calma, aiuta molto a gestire l’ansia. Infatti è proprio una respirazione troppo intensa unita all’ansia, che portano ad iperventilare (sensazione di mancanza di aria) e a stare male.

3

Un’altra tecnica fondamentale è il rilassamento. Bisognerebbe ogni giorno prendere un po’ di tempo per sé, stendersi, respirare lentamente, magari ascoltare musica rilassante, e sciogliere i vari muscoli. Continuare fino a quando si percepisce uno stato di maggiore calma e benessere.

Praticarlo ogni giorno anche se solo per qualche minuto, perché è importante? aiuta ad apprendere al meglio la tecnica, in modo da poterla utilizzare  rapidamente ed in modo più semplice  alla comparsa dei primi sintomi.

Ma non solo questa pratica aiuta a sentirsi meglio, e permette di  recuperare un rapporto di maggiore armonia con il proprio corpo.

È molto utile farlo quando si percepiscono i primi sintomi dell’attacco di panico, ma va bene anche quando questo ha avuto inizio. In genere nel giro di pochi minuti i sintomi si estinguono.

Questi ultimi due aspetti servono a gestire meglio i sintomi. Tuttavia è importante ribadire, che se si auspica una vera risoluzione del problema, occorre sempre andare a vedere cosa sta accadendo nella vita dell’ individuo, e cosa porta al reiterarsi di tale disagio.

Dr.ssa Monia Ferretti Psicologa – Psicoterapeuta
Seguimi su Facebook https://www.facebook.com/psicologapsicoterapeutaferrettimoniapadova
www.lopsicologoonline.it

Guarda anche:

Ansia sintomi perché può trasformarsi in panico

Attacchi di panico sintomi cosa fare 5 consigli utili