Notizie
Primo piano

Ilva Taranto, causa della salute precaria per operai e cittadini?

Di PieraS - 29 Gennaio 2012

Novità importanti per l’ambiente ma soprattutto per il bellissimo territorio pugliese continuamente martoriato dalla mala gestione e dal traffico di rifiuti e non solo.
La buona notizia arriva dalla cancelleria del gip di Taranto, Patrizia Todisco, che ha ricevuto in questi giorni la relazione dei periti chimici relativa all’Ilva della città pugliese. La relazione, la prima parte della maxi-perizia sulle emissioni dell’Ilva, è stata disposta nell’ ambito di un incidente probatorio ed è composta da oltre 500 pagine in cui sembra essere chiaro il coinvolgimento dello stabilimento siderurgico nella precarietà della salute dei suoi operai e dei cittadini stessi non solo di Taranto ma anche dei comuni limitrofi.
L’obiettivo della perizia è quello di stabilire se le emissioni di fumi e polveri dallo stabilimento siano nocive alla salute e se all’interno della fabbrica siano rispettate le misure di sicurezza affinchè le dispersioni di diossina, di Pcb e benzoapirene siano evitate.





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)