4 consigli per liberarsi dalle relazioni che non fanno stare bene

L’uomo è un animale sociale e di conseguenza ha bisogno di relazioni per poter vivere bene. Ciò è vero soprattutto nei primi anni di vita.

Quando si diventa adulti si hanno molte relazioni sociali: lavorative, d’amore, d’amicizia, familiari e via dicendo. Può capitare però di essere invischiati in legami considerati nocivi, dannosi per il nostro benessere psico fisico.

Ciò non accade a caso. La nostra insicurezza, la nostra scarsa autostima e qualcosa di noi che non capiamo e che ci fa vivere male ci conducono, purtroppo, in queste relazioni.

Sono legami subdoli che ci fanno stare male: alla presenza di quella persona ci sentiamo giudicati, non siamo noi stessi, la nostra vera personalità viene inibita, siamo infelici, tristi, arrabbiati. Non ci sentiamo liberi di fare, di dire, di vivere. E puntualmente cadiamo nella sua trappola: le sue critiche ci feriscono, i suoi sguardi ci annientano, la sua presenza ci annulla.

Sicuramente qualcosa in noi è da cambiare per poter cambiare questa situazione.

Dato che queste relazioni sono molto diffuse vogliamo darvi alcuni consigli per cercare di liberarvi da questa prigionia. Perchè un marito o una moglie, una mamma o un papà, un amico o anche un collega di lavoro non devono avere il potere di annientarci.

1- Prima di tutto dobbiamo compiere il grande e delicato passo di ammettere che questa relazione proprio non va. E’ difficile farlo perchè in questo modo facciamo esplodere una bomba dentro e fuori di noi. Ma lo dobbiamo fare. Ci dobbiamo chiedere “siamo sereni con questa persona?“. Se la risposta è negativa dobbiamo ammettere che è una relazione dannosa per noi. La consapevolezza di questa situazione è già di per sè un primo importante passo. Ci sono infatti persone che proprio non vogliono ammetterlo per paura di chissà quali conseguenze e continuano la loro vita in questa sorta di triste e drammatica prigionia.

2- Capire di avere una relazione nociva implica il nostro legittimo e sano desiderio di voler stare bene, di essere sereni. Dato che vogliamo vivere bene dobbiamo cambiare questa situazione. Il nostro benessere è vitale e se non sentiamo l’esigenza di voler stare bene dobbiamo intraprendere un percorso che faccia attivare in noi questo desiderio innato alla serenità. Può essere un percorso di aiuto psicologico ma anche semplicemente un cambiamento nel nostro modo di vivere: cerchiamo di capire e fare ciò che ci fa stare bene, facciamo risorgere il desiderio di serenità sepolto e ormai dimenticato da tempo.

3- Cerchiamo di cambiare la relazione nociva. Parliamo apertamente e senza timori con la persona che ci fa stare male. Cambiamo il nostro atteggiamento nei suoi confronti, facciamole capire che non può manovrarci ma che può relazionarsi in modo adulto con noi. Questo è un passo molto complicato: le relazioni infatti ci impiegano anni per costruirsi e non possono cambiare nel giro di poco tempo ma il nostro cambiamento trasmette molti messaggi. Se alla presenza di quella persona siamo solitamente inibiti, facciamo con coraggio uscire il nostro Io, se alziamo le difese abbassiamole (cosa abbiamo da perdere?), se non ridiamo e scherziamo mai con quella persona proviamo a rilassarci e a farlo. Sono dei piccolo grandi esercizi che spezzano pian piano le catene della prigione relazionale costruita fino ad ora.

4- E se la situazione non cambia non ci resta che allontanarci da questa persona: fisicamente e mentalmente. In molti casi è l’unico modo possibile per cambiare davvero un legame con una persona, in molti altri casi il legame si spezza. Ma questo cambiamento è necessario e giusto per poter vivere meglio e in modo autentico.

Questa presa di consapevolezza e la conseguente azione per migliorare la nostra vita sono quasi sempre bloccate dalla paura. Ma come ha dichiarato Franklin D. Roosevelt «Lunica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura».

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Seguite Eticamente sulla Fanpage di Facebook, su Pinterest e su Twitter e non dimenticate di iscrivervi alla newsletter!

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 28/04/2014
Categoria/e: Primo piano, Rassegna Etica.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655