Home Tags Gurdjieff

Tag: Gurdjieff

La legge del Sette o dell’Ottava secondo Gurdjieff

0

“[…] Prima vi spiego cosa è lo sviluppo. C’è la legge di evoluzione e involuzione. Tutta la vita, organica e inorganica, è in movimento sia verso l’alto sia verso il basso. Ma l’evoluzione ha dei limiti, come d’altra parte l’involuzione. Prendiamo ad esempio la scala musicale di sette note. Tra un do e l’altro, a un certo punto c’è un arresto. Quando battete un tasto, fate risuonare un do, la cui vibrazione ha un determinato impulso di moto. Tramite questa vibrazione, il do può percorrere una certa distanza fino a far vibrare un’altra nota, cioè il re, poi il mi. Fino a quel punto le note portano in se stesse la potenzialità di continuare, ma ora, se non interviene un impulso esterno, l’ottava ritorna indietro. Se invece l’ottava riceve un aiuto esterno, può continuare a svilupparsi da sola. L’uomo è costruito in conformità a questa legge. Esso è uno strumento per lo sviluppo di questa legge. Io mangio, ma la natura mi ha creato per un determinato fine. Io devo evolvere. Non mangio per me, ma per qualche disegno che va al di là di me. Mangio perché il mio cibo non può evolvere da solo, senza il mio aiuto. Mangio del pane e assorbo dell’aria e delle impressioni, che penetrano in me dall’esterno e agiscono poi in conformità alla legge. La legge è quella dell’ottava. Qualunque nota può essere considerata come do. Do contiene sia la potenzialità che l’impulso; può evolvere a re e mi senza aiuto. Il pane può evolvere, ma se non è combinato con l’aria, non può diventare fa: l’energia dell’aria lo aiuta a superare un passaggio difficile. Dopo di che, non avrà più bisogno di aiuto fino a si, ma da solo non potrà spingersi oltre. Il nostro scopo è quello di favorire il completamento dell’ottava. Per la vita animale ordinaria, si è il punto più alto, e rappresenta la sostanza con cui può essere costruito un nuovo corpo. […] Georges I. Gurdjess – Vedute sul Mondo Reale da  http://www.gianfrancobertagni.it/autori/gurdjieff.htm

Gli 82 Comandamenti Di Alejandro Jodorowsky Per Una Vita Migliore

0

Gli 82 comandamenti di cui voglio parlarvi oggi sono estratti dal libro “Il maestro e le maghe” di Alejandro Jodorowsky, e precisamente si trovano nel capitolo “Il lavoro sull’essenza”, estratti da una presunta lettera di Gurdjieff ad una sua figlia illegittima.

In questo caso si parla di “leggenda” perché molto probabilmente questi 82 comandamenti furono una trovata letteraria dell’autore, infatti molti punti, date e foto smentirebbero la storia surreale che Jodorowsky si inventò per giustificare gli insegnamenti; comunque la storia che si può leggere descrive l’incontro che avvenne nel 1924 in America tra filosofo e scrittore Gurdjieff e una cameriera tredicenne, dalla quale relazione nacque Reyna D’Assia, una figlia mai riconosciuta dal padre e che sembra sia una figura inventata di sana pianta da Jodorowsky, il quale afferma di essersene innamorato a Città del Messico, anni dopo e precisamente nel 1970, dopo la presentazione del suo film “El Topo”.

Insegnamenti di Gurdjieff alla figlia Reyna

3

Ho trovato uno scritto di Gurdjieff che volevo condividere con voi, ma chi è Gurdjieff? Per fortuna c’è Wikipedia che viene in aiuto…

Georges Ivanovič Gurdjieff (Alexandropol, 14 gennaio 1872 – Neuilly, 29 ottobre 1949) è stato un filosofo, scrittore, mistico e “maestro di danze” armeno.

Il suo insegnamento combina sufismo e altre tradizioni religiose in un sistema di tecniche psicofisiche che cerca di favorire il superamento degli automatismi psicologici ed esistenziali che condizionano l’essere umano.