Ambiente
Primo piano

Come evitare di farsi rubare la bicicletta

Di Valeria Bonora - 20 Ottobre 2014

La bicicletta è uno dei mezzi di trasporto più importanti che abbiamo: non inquina, ci porta ovunque vogliamo, non abbiamo problemi di parcheggio e ci fa stare in forma… Purtroppo però tocca a tutti prima o poi cimentarsi con i ladruncoli di biciclette, e oltre ad arrabbiarci non possiamo fare molto. Allora vediamo come evitare di farsi rubare la bicicletta con alcuni semplici accorgimenti.

Come evitare di farsi rubare la bicicletta

Da tenere presente è che la bicicletta, per la legge, è di proprietà di chi ne detiene l’uso. Cioè se il mezzo viene prestato a qualcuno, non esistono appigli per farsela restituire, per questo motivo i ladri non corrono grandi rischi.

La prima cosa da fare è non arrendersi, quando si è vittima di un furto bisogna denunciarlo, sono troppo poche le denunce che arrivano alle forse dell’ordine, un’altra cosa da fare è marchiare il proprio mezzo, a Venezia si fa da un po’, una punzonatura sul telaio che lo identifica col codice fiscale del proprietario, sembra che funzioni abbastanza bene come deterrente per i ladri, inoltre esiste un Registro italiano Bici al quale è possibile iscrivere la propria bicicletta. E’ l’unico registro delle biciclette riconosciuto in Italia dalle Forze dell’Ordine. Alcuni comuni tuttavia preferiscono avvalersi di un sistema di marchiatura locale, il motivo è che il Registro Italiano Bici è controllato da un’azienda privata.

Come evitare di farsi rubare la bicicletta: gli antifurti

Se l’idea di marchiare la bici non vi piace potete sempre procurarvi dei sitemi antifurto nei quali investire, catene lucchetti e quant’altro possa servire per evitare un furto. I lucchetti devono essere prodotti in maniera che non possano essere manomessi, le catene devono essere sufficientemente resistenti da non poter essere tagliate con delle cesoie, è inutile acquistare una bicicletta di lusso se poi non ci si premunisce di un sistema di sicurezza adeguato, un buon metodo di valutazione è il prezzo, una catena e un lucchetto di buona qualità dovrebbe costare all’incirca sui 30-35 euro.

Se è possibile è meglio parcheggiare il proprio mezzo in un parcheggio vigilato e magari coperto, alcune strutture offrono anche abbonamenti mensili per depositare la bici, in tutte le città dovrebbero nascere dei bicipark in centro per favorire l’utilizzo delle biciclette a discapito delle autovetture.

Le città dal canto loro dovrebbero anche garantire delle apposite rastrelliere dove lasciare la bicicletta, il modello ideale è quello che consente di ancorare non solo la ruota anteriore ma anche il telaio stesso.

Come evitare di farsi rubare la bicicletta

Oltre a questi accorgimenti dovremmo fare pressioni anche sulle forze dell’ordine che proteggano questi mezzi di trasporto a due ruote perché quando uno ruba una bicicletta ruba anche un pezzetto di aria pulita, perché la bicicletta è ecologia!





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)