Animalismo
Maltrattamento
Primo piano
Sfruttamento

Cacciatore di elefanti ucciso dalla sua stessa preda

Di Elena Bernabè - 18 Settembre 2013

In Africa il mercato illegale dell’avorio non cessa purtroppo la sua crudele attività.
Ogni giorno elefanti e rinoceronti vengono uccisi per le loro corna e zanne. La richiesta mondiale di avorio è in crescita e di conseguenza aumentano anche i bracconieri che illegalmente si intrufolano nei parchi protetti e fanno una strage di questi animali.
Ed è quello che è accaduto nello Zimbabwe: qualche mese fa tre cacciatori d’avorio si sono introdotti nel Charara National Park ma uno di loro è stato ucciso da un elefante che improvvisamente lo ha travolto uccidendolo. Probabilmente ha visto che l’uomo voleva sparargli e si è difeso.
La vicenda fa riflettere non poco: gli elefanti non sono animali aggressivi nei confronti dell’uomo ma purtroppo in quelle zone sono abituati a vedere l’uomo armato che massacra intere famiglie di elefanti e lo ritengono giustamente un pericolo.
L’aggressività non nasce dal nulla e se gli animali sono aggressivi nei nostri confronti la colpa non è certamente loro…
[Fonte: www.nelcuore.org]
✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente





Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito una speciale meditazione in omaggio!




© 2022 Copyright De Agostini Editore - I contenuti sono di proprietà di De Agostini Editore S.p.a., è vietata la riproduzione. De Agostini Editore S.p.A. sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara - Capitale sociale euro 50.000.000 i.v. - Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Novara n. 01689650032, REA di Novara 191951 Società aderente al "Gruppo IVA B&D Holding" Partita IVA 02611940038 28100 Novara - Società con Socio Unico, Società coordinata e diretta da De Agostini S.p.A. - Sede legale in via G. da Verrazano 15, 28100 Novara (Italia)