Bianco, rosso, nero. Il primo fotogramma custodisce già il seme di una storia millenaria in cui la pluralità dell’essere femminile è protagonista. Comincia così l’ultimo video intitolato Sei fatta di donna del regista Michele Pastrello, conosciuto per i suoi microfilm emozionali come The Little Child, sul tema dell’incontro col Bambino Interiore, e The Key, un viaggio alla ricerca dell’auto-guarigione.

Il regista ha scelto Eticamente per presentare in anteprima nazionale il suo ultimo cortometraggio che illustra la condizione della donna in una favola contemporanea nella quale il lupo porta la cravatta.

“Sei fatta di donna”, una favola contemporanea sulla condizione femminile

Michele Pastrello ci ha abituati a scenari onirici, ad un linguaggio universale fatto di emozioni forti, viscerali, che ci mettono in diretto contatto con le nostre angosce, le nostre speranze, con quella vita interiore che tentiamo troppo spesso di ignorare. Ogni pellicola ci invita a compiere un viaggio nella nostra dimensione psicologica e si fa portatrice di un messaggio prezioso che calma, che dà sollievo, che giunge all’anima come una carezza.

Nella sua ultima creazione, squisitamente simbolica, Michele Pastrello ci parla della donna, della violenza e delle disuguaglianze di genere: la donna è spinta ai margini della società, costretta a nascondersi, a non fare rumore, a non lasciare altra traccia dietro di sé se non l’altra metà del mondo che troppo spesso la considera come una preda.

Mentre seguiamo le orme della Donna archetipica, interpretata con bravura da Gio Moretti, Barbara Maggiolo e Carla Camporese, predata come una bestia selvaggia da uomini-cacciatori, una voce maschile fuori campo, gentile e benevola, esorta la Donna ad alzare la testa, a credere in se stessa: “Contatta te stessa, la tua vera natura, sii quell’amore che hai bisogno per te”.

Ed ecco che avviene il riscatto dell’incubo che troppe donne si portano dentro: la donna ritrova il suo posto nel mondo, non indietreggia più. Lei si ritrova, si riconosce, fa pace con la pluralità del femminile dentro di sé e la sua forza si manifesta. La paura, l’ingiustizia e la violenza sono costrette a battere in ritirata. Lei non abbasserà più gli occhi di fronte ad un modello di mascolinità tossica e violenta che la vuole succube.

Il messaggio finale ci parla di guarigione. Il femminile reintegra se stesso, cura le sue ferite e torna ad essere integro, completo, mettendo fine ad una frammentazione operata solo per indebolirlo; il maschile sano si contrappone a quello tossico: non vuole domare la donna, ma la aiuta, la sostiene, la vuole forte al suo fianco ma sa che quell’incontro non sarà immediato perché la donna dovrà prima fare pace con se stessa.

Sei fatta di donna è tuttavia solo la prima tappa di un grande viaggio che il regista veneto ci inviterà a compiere assieme a lui, un viaggio di video e musiche (composte da Pastrello) in cui “l’anima farà rumore”, e di cui ci parla in questa breve intervista.

Michele, cosa ti ha spinto a lavorare su questo tema, quale messaggio vorresti far passare?

Non c’è stato un ragionamento a tavolino, è nato così. La musica l’ho scritta il giorno del mio compleanno del 2019, ma il testo l’ho scritto dopo il 25 novembre e non credo sia stato un caso. Il 25 novembre è la Giornata dell’Onu contro la violenza sulle donne e nel mondo social mi sono imbattuto in commenti e polemiche di chi rivendica questa ricorrenza come ideologica, capziosa, obiettando che “anche gli uomini subiscono violenze ma non se ne parla”, “le donne non sono tutte sante”, etc. Frasi così superficiali mi fanno tristezza, ma ancor di più quando escono da bocche femminili. Ci sono dati (non opinioni) nella nostra bella Europa che raccontano della disuguaglianza di genere ancora presente, ma vorrei spingermi più in là e citare una nota dichiarazione di Erica Jong: “Fallocentrico, ha detto qualcuno di Freud. Credeva che il sole ruotasse intorno al membro maschile. E anche le figlie. E chi poteva contraddirlo? Finché anche le donne non hanno cominciato a scrivere libri era possibile vedere solo un lato della questione. Dagli albori della storia fino a oggi i libri sono stati scritti con lo sperma, non col sangue mestruale.” Non a caso nella canzone dico “Sei fatta di donna, sei fatta di sangue, per questa ragione hanno paura di te.”

Il video di “Sei fatta di donna” ha un messaggio evidente: le donne, di tutti i tempi, dovrebbero essere unite su questa tematica, perché è nell’unione e non nella frammentazione che si può correggere questo mondo.

“Sei fatta di donna” è l’inizio di un progetto più ampio, un percorso di canzoni e video, che sfocerà in un album dal titolo L’anima fa rumore. Cosa puoi dirci al riguardo?

Io sono un regista al momento prestato alla musica. Il mio percorso principale è quello di raccontare per immagini in movimento. Ho deciso questa volta di innestare il mio mondo delle immagini all’interno di un progetto musicale che segua però il solco del mio tragitto primario. Infatti ogni brano affronterà le tematiche della condizione umana che ho sempre indagato nei miei video. I miei testi sveleranno amori, timori, fragilità, ardimenti e smarrimenti che noi tutti conosciamo, anche se tra noi non ce lo diciamo. Sono stato fortunato ad aver incontrato Piero Lorenzetto, che ha creduto nel progetto, altrimenti forse sarebbe rimasto solo su carta. E sono stato fortunato ad avere la partecipazione straordinaria di Erika Blanc a dar voce al brano intro del disco per me un monologo che è l’essenza del rumore della nostra anima.

Del prossimo brano che uscirà, puoi anticiparci qualcosa?

Sì, uscirà entro febbraio, si intitolerà “Confini nella notte”, anche lì ci sarà un video diretto da me e parlerà della paura dell’amore.

Ecco a te Sei fatta di donna, estratto dall’album “L’anima fa rumore”, scritto e diretto da Michele Pastrello e interpretato da Gio Moretti, Barbara Maggiolo e Carla Camporese, un cortometraggio simbolico, una piccola favola contemporanea, che illustra a meraviglia quanto l’unione possa fare la nostra forza.

Sandra “Eshewa” Saporito
Autrice e operatrice in discipline Bio-Naturali
www.risorsedellanima.it