Vagando tra le pagine di Facebook mi sono imbattuta in un poeta che non conoscevo, lo ammetto, un certo Franco Arminio… Si definisce un “paesologo“… La mia parte curiosa ha deciso di approfondire la conoscenza di questa figura che nei suoi post descrive così intensamente emozioni e paesaggi.
Franco Arminio
Arminio, classe 1960, è nato e vive a Bisaccia, un paese in provincia di Avellino, è un poeta, scrittore e documentarista, promotore di diverse battaglie civili ed autore del blog “Comunità Provvisorie“.
Nei suoi scritti e nelle sue poesie descrive i piccoli paesi italiani, soprattutto quelli del Mezzogiorno, ad esempio nel 2003 pubblica un libro intitolato Viaggio nel cratere, dove l’artista descrive la situazione dell‘Irpinia odierna e la zona del ‘cratere’, quella colpita dal grande terremoto del 1980, riuscendo a coniugare uno stile narrativo straordinario all’impegno civile e all’indagine psicologica.
Di questo libro ne parla anche Saviano in un post sul suo profilo Facebook:
“Semplicemente un dolce capolavoro. Una bellezza poetica rara, una sensibilità unica, un orpello letterario prezioso. Un pilastro di grande armoniosità meridionale.”

Sempre più curiosa scopro che la casa editrice Chiarelettere ha lanciato una sfida fotografica su Instagram per catturare sotto forma di immagini i versi alla raccolta di poesie Cedi la strada agli alberi, libro uscito nel 2017, quasi 5000 immagini presero vita con l’hashtag #CediLaStradaAgliAlberi, immagini della natura che riflettono perfettamente il manifesto dell’autore: “Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, gente che sa fare il pane, che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l’anno della crescita, ci vorrebbe l’anno dell’attenzione

[…] Siate i ragazzi e le ragazze del prodigio. Concedetevi una vacanza intorno a un filo d’erba, concedetevi al silenzio e alla luce, alla muta lussuria di una rosa.

Franco Arminio ~ Lettera ai ragazzi del Sud ~ Cedi la strada agli alberi

“La poesia è un’immagine di per sé, e le foto che abbiamo ricevuto sono spesso una trasposizione visiva possibile dei versi di Arminio. Abbiamo ritrovato molti degli elementi che ricorrono nelle sue poesie: la vastità della natura, gli alberi, i paesi, il silenzio, il cielo. Cedere il passo agli alberi significa anche questo: accorgersi che non siamo noi il centro del mondo“. Giulia Civiletti di Chiarelettere

Franco Arminio

Ma chi è Franco Arminio in realtà? Un paesologo, come si definisce lui, non lo comprendo fino in fondo, fino a quando non trovo un’intervista di Minima&Moralia proprio all’autore che si descrive così:

“Il paesologo è una persona attenta ai luoghi, ai paesi, cioè a luoghi che spesso non ricevono attenzione nemmeno da chi li abita. E questa attenzione è rivolta a questi paesi nell’idea che questi paesi non sono le retrovie del mondo, un luogo arretrato, ma possono essere luoghi del futuro: i luoghi dove nascerà quello che io chiamo “nuovo umanesimo delle montagne”. Quindi si tratta di una disciplina secondo me d’avvenire, non è rivolta al passato. È una forma di attenzione alle cose che stanno nello spazio, quindi tutto: dal lampione alla macchina parcheggiata, a un cane, a una sedia sulla strada. È una disciplina abbastanza nuova perché il sociologo si interessa della società, l’economista dell’economia, lo psicologo della psicologia. Una disciplina che studia le cose appoggiate nello spazio. L’architettura si occupa solo delle case. La paesologia è una disciplina: si occupa di tutto quello che si trova appoggiato nello spazio esterno”. 

Ora è tutto più chiaro, le immagini, le poesie e le sue parole descrivono esattamente chi lui sia, una persona attenta a quello che è il nostro mondo, la nostra natura, la nostra realtà italiana, fatta di prati, boschi, vallate, montagne, fiumi, laghi, animali… piccoli paesi dimenticati. Una sensibilità quasi eterea, difficile da ritrovare quando si vive nelle grandi città, circondati da cemento, dove i piccoli sprazzi di natura sono circoscritti, deturpati, abbandonati.

Datti alla vita intensa,
cercala,
non fare altri errori,
resta sulla tua strada,
cammina senza muoverti,
resta fermo nei tuoi passi,
il mondo sarà buono
se resti fedele
a ciò che stai cercando.

Franco Arminio ~ Resteranno i canti

Arminio è riuscito a far collimare l’amore per l’Italia, per i paesi dimenticati, per la natura con la poesia e poi ha riversato tutto sui social per ampliare il suo pubblico, per far conoscere a tutti le sue parole nonostante lui stesso affermi la pericolosità e la superficialità dei social network, luoghi dove i peggiori istinti delle persone vengono amplificati, dove la bellezza è fine a se stessa e la poesia rischia di essere spazzata via.

In un’intervista su FQmagazine alla domanda di quali possibilità abbia di sopravvivere la poesia, Arminio risponde così:

“La possibilità di sopravvivenza della poesia sta nel farla, nel testimoniarla con il proprio corpo per quel singolo individuo che da qualche parte legge quelle parole e si emoziona, si commuove, si entusiasma. Già solo per questo vale la pena scrivere. Questo può fare la poesia. Non può cambiare il mondo, può cambiare la vita di chi la scrive, per certi aspetti anche in peggio. E’ una medicina salvavita, un pronto soccorso, un farmaco nel senso etimologico della parola, da una parte veleno, dall’altra rimedio disponibile a chi ha il coraggio di somministrarselo”.

Franco Arminio

Franco Arminio non è solo un poeta, spesso le sue parole sono rivolte a tematiche attuali come i migranti, la qualità dell’aria e anche della rivolta del latte in Sardegna. Temi attuali e scottanti che affronta anche nei numerosi tour e festival a cui partecipa attivamente, spargendo la sua poesia ad un pubblico eterogeneo che spazia oltre ai cultori del genere. Le sue opere sono abbracciate da adulti che si perdono nei ricordi e giovani che si immaginano una vita meno fredda e vissuta in maniera più semplice.

Il lavoro di Arminio non è solo quello di diffondere la poesia ma quello di toccare i cuori, gli animi e portare le persone in un mondo che si sta perdendo. 

Articolo scritto da Valeria Bonora – valeria2174.wix.com