Ogni tipo di nascita imprime delle caratteristiche alla personalità.
So di essere stata trattenuta al momento del parto: mia madre ha iniziato a spingere quando si vedevano già i miei capelli.
Non a caso da sempre tendo a dare il meglio di me quando sono sotto pressione: devo avere l’acqua alla gola per cominciare a muovermi!
Grazie ai miei studi ho scoperto che questi schemi energetici ripetitivi, che ci fanno cadere ogni volta negli stessi comportamenti ed errori, possono essere ripuliti usando delle affermazioni.
Ogni tipo di nascita contiene anche, nel suo schema energetico, un regalo, cioè una qualità positiva caratteristica.
Qui di seguito troverete una visione schematica dei vari tipi di nascita e dei conseguenti schemi energetici che possono essere ripuliti dalle affermazioni di S. Ray e B. Mandel che per primi hanno fatto degli accostamenti tra personalità e trauma di nascita.

1- Nascita avvenuta in anestesia

Anestesia-spinale-logo

Queste persone è come se fossero sempre avvolte da una nebbiolina. Sbadigliano molto. Alternano partecipazione a freddezza e distacco. Vivono spesso le relazioni in uno stato di incoscienza, soffrono di repressione della loro vitalità nelle relazioni.
L’essere sostenuti in una relazione può spesso essere percepito come soffocamento.
Non riescono di solito a mettere a fuoco e a centrare le situazioni.
Si sentono sbagliate, separate, spesso soffocate.
L’anestesia può essere stata:
– farmacologica cioè chimica: quest’anestesia può essere somministrata attraverso sedativi, gas oppure può essere locale (spinale o epidurale);
– meccanica, dovuta al cordone ombelicale: il feto ha smesso di ricevere ossigeno sufficiente per compressione del cordone, si ha quindi senso di incoscienza e vertigine: l’effetto è paragonabile all’anestesia emozionale: avviene quando si chiudono i canali sensoriali per troppe cose che si verificano contemporaneamente (emozioni, dolore, paura, colpa, mangiare, dormire ecc.)
Se la mamma ha fumato durante la gravidanza si possono verificare effetti simili all’anestesia.
Il fumo infatti reprime la rabbia e dà sensazione di abbandono.

Regalo: capacità naturale di distaccarsi da emozioni dolorose.

Affermazioni possibili per i nati con anestesia (da Birth & Relationship di S. Ray e B. Mandel):

1 – io non ho più bisogno di droghe per sentirmi vivo;
2 – per me é sicuro essere completamente vivo;
3 – io ora so che la mia vitalità è un piacere per me e per tutti gli altri;
4 – io ora so che è facile essere vivo;
5 – io sono al sicuro nel mio corpo;
6 – per me è sicuro sperimentare le mie emozioni;
7 – per me é sicuro respirare liberamente e completamente;
8 – io perdono mia madre per aver avuto paura di partorirmi;
9 – io ora posso avanzare sentendomi al sicuro;
10 – io posso avere intimità sentendomi al sicuro;
11 – io posso esprimermi liberamente e completamente;
12 – io non ho più bisogno di trattenermi per sopravvivere;
13 – io posso essere completamente me stesso sentendomi al sicuro;
14 – io sono una persona con cui si sta al sicuro;
15 – per me é sicuro espormi totalmente.

2- Cordone ombelicale intorno al collo o in un’altra parte del corpo

giri-cordone

Questi soggetti hanno subito una privazione di ossigeno e di conseguenza si creano situazioni in cui la vita viene messa in pericolo. Sono quindi molto sensibili alla sensazione di soffocamento. Hanno problemi con le costrizioni al collo (cravatte, colletto chiuso ecc.), ma spesso, per la legge di polarità, adorano avere collane attorno al collo.
È come se la collana riproducesse il cordone e quindi fosse indispensabile per sopravvivere.
È spesso presente un blocco del quinto chakra che porta difficoltà nel parlare e in taluni casi a strani accenti vocali.
La sensazione di sentirsi strangolati può manifestarsi a livello simbolico nelle relazioni, o nelle emozioni che sono vissute con senso di anestesia.
La creatività può essere anch’essa soffocata e questo porta alla distruzione di ogni creazione.
La loro contraddizioni interna è tanto forte che nel momento in cui si sentono più vivi spesso dicono: “Tutto questo mi sta uccidendo”.
Qualsiasi situazione intricata può far emergere il panico primario.
Sono adattissimi a tirarsi fuori da situazioni di crisi.

Il regalo di questo tipo di nascita è riuscire nelle situazioni più complicate.

Affermazioni possibili per i nati con il cordone attorno al collo (da Birth & Relationship di S. Ray e B. Mandel):

1 – io posso respirare liberamente e pienamente anche in situazioni critiche;
2 – io ora so che la vita è sicura e facile;
3 – io sono libero;
4 – per me è sicuro essere in intimità:
5 – io non ho più bisogno di creare delle situazioni critiche per provare che posso superarle;
6 – io posso vivere senza la morte;
7 – io non ho più bisogno di situazioni ingarbugliate per sentirmi vivo;
8 – io ora so che ogni mia relazione mi rende libero;
9 – io sono a mio agio in amore;
10 – io posso esprimere le mie emozioni liberamente e facilmente;
11 – io posso lasciarmi andare e vivere;
12 – io sono sicuro senza avere il controllo.

3- Nascita con forcipe o ventosa

forcipe

I nati con il forcipe detestano la manipolazione e il controllo, ma ne sono anche attratti.
Si mettono in situazioni di lotta, amore-odio. Si sentono più a loro agio tenendo tutto sotto controllo. Pensano di non essere abbastanza bravi. Hanno un grande schema di incapacità che cercano di compensare. Pensano che il piacere porti dolore.
Sono persone sospettose. Hanno problemi di fiducia negli altri. Possono pensare che gli altri siano incompetenti. L’autorità viene ritenuta incompetente, e cercano loro stessi di diventare l’autorità. Hanno paura del dolore e sono fermi nella convinzione che ogni piacere si trasformi in sofferenza. Possono avere la sensazione di essere tirati fuori dalle situazioni. Vogliono farcela da soli.
Pensano che per quanto facciano non sia mai abbastanza. Si sentono sdoppiati nei sentimenti poiché la testa e il cuore coesistono come elementi separati. Hanno spesso paura del contatto fisico.

Regalo: usare le tecnologie per aiutarsi o aiutare gli altri.

Affermazioni possibili per i nati con anestesia (da Birth & Relationship di S. Ray e B. Mandel):

1 – io perdono completamente chiusa forcipe/ventosa su di me;
2 – io posso farcela da solo;
3 – io so come fare;
4 – io sono capace di farlo;
5 – io faccio abbastanza per farcela facilmente;
6 – io scopro che ogni completamento è sempre facile e gradevole;
7 – poiché io posso farcela da solo, sono al sicuro nel lasciare che gli altri mi aiutino;
8 – io ora percepisco ogni aiuto come appoggio personale;
9 – io posso rilassarmi e lasciare che gli altri facciano il lavoro faticoso;
10 – io ora capisco che coloro che vogliono aiutarmi vogliono farmi piacere e rendermi la vita più facile.
11 – io più mi rilasso e me la prendo comoda, più sperimento sostegno e piacere;
12 – io non lotto più contro il sostegno degli altri;
13 – per me è un piacere vedere gli altri agire per me;
14 – io ora so che la mia innocenza crea un sostegno piacevole;
15 – io vado verso una maggiore facilità ed un maggior piacere;
16 – io ora so che la mia testa mi conduce al piacere;
17 – io ora so che il mio cuore protegge la mia testa qualsiasi cosa accada.

4- Parti gemellari

parto-gemellare

Hanno problemi rispetto al proprio spazio, la propria privacy, hanno problemi con l’intimità (la desiderano e al tempo stesso la fuggono).
Hanno problemi di separazione, di incompletezza. E, hanno bisogno di qualcun altro per sentirsi completi.
Il primo a nascere spesso é un leader, ma nella relazione è dipendente o competitivo. Il secondo si sente nella vita in secondo piano. Un’alta percentuale di gravidanze nasce come gemellare e poi è uno solo a svilupparsi, in questo caso nasce molta colpa, e il pensiero: “Perché io viva qualcuno deve morire”.
Questi soggetti si sentono colpevoli nella vita. Il gemello che nasce per primo si sente in colpa per aver lasciato l’altro, il secondo si sente abbandonato. Tutto ciò avviene soprattutto negli omozigoti con una connessione psichica forte.
Nella vita pensano che gli altri abbiano sempre dei vantaggi e si lamentano di avere ruoli di secondo piano nelle relazioni; molto spesso si aspettano che sia il partner a condurre il gioco.
Nel sesso si assicurano che sia il loro partner a provare l’orgasmo per primo.
Trovano che sia innaturale pensare prima a se stessi.
Hanno un bisogno di intimità, ma nello stesso tempo ne hanno molta paura. Si lamentano di grande dipendenza e hanno grande necessità di spazio.

Regalo: sensibilità e intuito molto sviluppati.

Affermazioni possibili per i nati gemelli (da Birth & Relationship di S. Ray e B. Mandel):

1 – per me è sicuro condividere il mio spazio;
2 – io mi perdono di essere il primo (per quello nato per primo);
3 – io mi merito di essere il primo (per quello nato per secondo);
4 – io sono innocente;
5 – per me è sicuro entrare in intimità con qualcuno;
6 – io sono completo e perfetto;
7 – io sono innocente qualsiasi cosa faccia;
8 – io posso sopravvivere senza un’altra persona;
9 – io sono unico nel mio genere;
10 – io ho un obiettivo da realizzare;
11 – io sono per natura un leader;
12 – io non ho più bisogno di seguire per sopravvivere io sono abbastanza;
13 – io ho tutto lo spazio che mi occorre.

5- Parto cesareo

parto-cesareo

Le persone nate con il taglio cesareo hanno paura dei coltelli o strumenti alla cura, per la legge di polarità, diventano collezionisti di coltelli. Hanno problemi di sostegno legati all’aiuto ricevuto dal medico per uscire. Sono risentiti perché volevano uscire da soli. Sento a livello inconscio che non c’è la fanno da soli, e provano risentimento verso chi li manipola.
Le persone nate con il parto cesareo fatico molto a portare a termine le cose. Frequentemente hanno bisogno del contatto fisico. Sono indiretti nella comunicazione e quindi cercano espressioni indirette. Sono convinti di agire in modo erroneo. Facilmente sono in confusione e quindi hanno difficoltà decisionali. Il loro schema di fondo è: qualunque cosa io faccia o non faccia comunque sbaglio.

Regalo: se devono andare da A a Z tolgono tutte le difficoltà intermedie.

Affermazioni possibili per i nati con il parto cesareo (da Birth & Relationship di S. Ray e B. Mandel):

1 – io sono innocente;
2 – io so che il mio modo d’agire é quello giusto;
3 – io posso sempre trovare la soluzione facile;
4 – io sono giusto quando sono primo;
5 – Io ora so che interruzione avviene per il mio bene;
6 – io ora perdono mia madre completamente;
7 – Io posso agire in modo diverso in assoluta sicurezza;
8 – io mi perdono per fare le cose in modo diverso;
9 – io merito di essere toccato e abbracciato quanto voglio;
10 – io sono sempre al posto giusto nel momento giusto;
11 – io sono al sicuro nel mio corpo;
12 – io posso aver fiducia nella mia intuizione;
13 – io mi sento al sicuro nel completare le cose.

6- Nati dopo essere stati trattenuti

momento-della-nascita

Detestano il controllo. Si sentono controllati. Si sentono intrappolati nelle relazioni. Sentono che devono rompere. Hanno problemi con il tempo. Possono facilmente perdere la motivazione, come se la motivazione possa divenire invisibile. È come perdere il momento fisico per uscire. Assumono la convinzione: io non posso ottenere ciò che voglio quando voglio. Convenzione: io devo andarmene per impedire agli altri di trattenermi. Possono avere problemi alla spina dossale perché la forza che avevano è stata bloccata.

Regalo: riflessione.

Affermazioni possibili per i nati con parto trattenuto (da Birth & Relationship di S. Ray e B. Mandel):

1 – io ora so che il tempo è dalla mia parte;
2 – io sono sempre nel posto giusto, al momento giusto, impegnato con successo nell’attivitá giusta;
3 – io ora so che il mio ritmo è quello giusto;
4 – io sono sempre in tempo per me;
5 – io mi perdono per aver pensato di dover rispettare i programmi altrui per sopravvivere;
6 – io ora so che sicuro andare a veloci;
7 – per me è sicuro prendermi il tempo di cui ho bisogno;
8 – io più mi prendo il tempo di cui ho bisogno, più ho tempo a disposizione;
9 – per me la lentezza è benedetta;
10 – io non ho più bisogno di crearmi degli ostacoli da superare;
11 – io non ho più bisogno di sentire resistenza per uscire;
12 – io ora so che gli altri mi sostengono quando scelgo ciò che voglio quando voglio;
13 – io ora so che ogni arrivo ogni partenza è per me facile e piacevole;
14 – io ora so che é sicuro per me andare avanti ora;
15 – io perdono gli altri quando non sono pronti per me;
16 – io sono sempre pronto per ciò che viene dopo;
17 – io ora so che essere pronto è sicuro.

7- Nati prematuri e vissuti in incubatrice

incubatrice-nascita

Hanno problemi con il tempo, potrebbero essere legati a malattia o essere non voluti e volersi togliere. Le persone nate con questo tipo di parto si sentono di troppo, si sentono più avanti di chiunque altro, si sentono immature per una relazione, sono estremamente vulnerabili sono spesso piccole e si sentono insignificanti.
Possono all’inverso avere paura delle cose veloci perché sono arrivati. Potrebbero avere la stessa azione dover mangiare sempre di più, altrimenti non ce la fanno. Spesso fa seguito questo tipo di nascita un periodo di incubatrice. Cosa si prova nell’incubatrice?
“Sono solo, c’è una barriera intorno a me, guardare e non toccare. È come se ci fosse un muro psichico intorno a loro. Pensano di non poter ricevere quello che vogliono. Mi sento estremamente sola. Penso non ce lo devo fare da solo contatto fisico, osservati. Soggetti spesso portano gli occhiali.

Regalo: capacità naturale di esprimere la propria innocenza

Affermazioni possibili per i nati prematuri e vissuti in incubatrice (da Birth & Relationship di S. Ray e B. Mandel):

1 – io ho tutto ciò che mi occorre per ottenere ciò che voglio;
2 – io sono della misura giusta;
3 – io sono abbastanza, ho abbastanza, faccio abbastanza;
4 – io sono al sicuro a qualsiasi velocità;
5 – io sono al sicuro in qualsiasi momento;
6 – per me è sicuro essere in anticipo;
7 – per me é sicuro essere in ritardo;
8 – io non ho più bisogno di affrettarmi per riuscire;
9 – io perdono l’equipe medica che mi ha fatto nascere per avermi messo fretta;
10 – io ora so che il piano divino della mia vita si svolge in perfetto orario.

Chiara Benini

Bibliografia

“Lavaggio emozionale REM”, Osvaldo Sponzilli, Enza Carifi