sabato, febbraio 16, 2019
Home Tags Consapevolezza

Tag: consapevolezza

Accettare La Malattia Di Un Figlio: 10 Passi Verso La Speranza

0

Quando un genitore si raffigura la paura, la maggior parte delle volte vi dirà che ha a che fare con il figlio. Con qualcosa che può capitare ai suoi bambini. La morte, la malattia spaventano tantissimo. Rifiutiamo l’idea che un figlio possa essere malato o addirittura morire prima di noi. È innaturale e non può essere una reale possibilità se ci pensiamo con il cuore. La mente però sa bene che questo può succedere e tenta di nascondersi dietro alla paura.
Quando ti dicono che tuo figlio è malato, subito la tua mente pensa: si stanno sbagliando. Non può essere così .
Si succedono momenti di analisi, di rifiuto, di rabbia, di crisi profonda. Poi la vita ti spinge a reagire, ad andare avanti. E tu pensi solo a come.

La Concentrazione Del Bambino E’ Il Nutrimento Della Sua Anima

0

“La concentrazione su un interesse porta il bambino a essere qui e ora in una dimensione meditativa.” Elena Balsamo “Libertà e amore”

Obiettivo base del metodo Montessori è favorire la concentrazione del bambino perché da essa deriva il nutrimento necessario alla sua anima per emergere e svilupparsi. La concentrazione viene definita uno “sballo sano”, una forma di meditazione in cui il bambino riposa, si alimenta ed esce pieno di gioia e felicità .

10 frasi di Osho che possono aiutare nei momenti difficili

0

C’é un detto, che viene della saggezza taoista, che recita così:

“ Vuoi essere felice per una sera? Ubriacati!
Vuoi essere felice per una settimana? Sposati!
Vuoi essere felice per tutta la vita? Coltiva un giardino!
Vuoi essere felice per l’eternità? Coltiva il tuo giardino interiore!”

Stai male perché sei in continua lotta contro la vita…

0
i fili della vita

“Stai male perché sei in continua lotta contro la vita, e quindi contro la tua anima, che è vita. Vorresti andare altrove, ma la serie di legami che ti sei creato è come una catena, ti ritrovi schiavo di una serie di scelte prese quasi con incoscienza, o comunque non con la consapevolezza che hai adesso. Probabilmente, fra qualche anno, quando potresti allentare questi legami, la tua forza si sarà affievolita e non potrai comunque fare la vita che avresti desiderato. Allora, abbi il coraggio di cominciare ora. Di andare oltre al castello di responsabilità che ti sei o ti hanno costruito e comincia a reclamare e a riprendere i tuoi spazi. Cerca di spiegare che non è colpa loro, ma che ti senti il cuore vuoto e hai bisogno di riempirlo, per poter condividere qualcosa con loro. Non so se ti capiranno, forse no. Non so se accetteranno le tue scelte, forse no. Forse ti diranno che sei pazzo. Ma intanto la nuova vita che ti attende scorre via, lo sai, e per questo soffri. Datti pace, pensa meno e segui più il tuo cuore. Certo, le tue scelte avranno un prezzo. Ma non sarà mai più alto di quello che stai pagando ora rinnegando te stesso.”

Fare un cammino di consapevolezza non rende buoni ma scomodi e incompresi

0

Negli ultimi anni la New Age, letteralmente “Nuova Era”, è diventata un’espressione obsoleta, rimpiazzata dal termine spiritualità,  che Wikipedia descrive come segue: “…La spiritualità, all’interno di una grande varietà di concezioni culturali e religiose, è spesso vista come un percorso, o cammino spirituale, lungo il quale si avanza per conseguire un obiettivo determinato, quale ad esempio un più alto stato di consapevolezza, il raggiungimento della saggezza o la comunione col divino in termini di trascendenza o di immanenza, il che solitamente presuppone una qualche forma di liberazione dalla materialità. Il mito della caverna di Platone, contenuto nel VII libro de La Repubblica, è una buona descrizione di un siffatto cammino.

Ferite infantili: ecco il segreto per curarle

0

Ognuno ha i genitori che si sceglie!

Sì, sono convinta che sia una scelta e non un caso se siamo nati in una certa famiglia e non in un’altra. Le motivazioni possono essere molte e non è mia intenzione tirare fuori scheletri dall’armadio ora, ma non credo che sia un merito o un demerito avere un certo genitore, credo che sia una scelta.

Come Combattere i Pensieri Negativi

0
Pensieri Negativi

Capita a tutti di avere un pensiero negativo ma quando lo si lascia “vagare” nella mente questo provoca una sorta di reazione a catena generandone altri fino a quando non ci troveremo ad avere un vulcano di pensieri negativi pronto ad eruttare. Si accumulano lentamente e come i panni sporchi in lavanderia e fino a quando non decidiamo di lavare tutto questi crescono a dismisura.

I pensieri negativi è innegabile che influenzino tutte le nostre emozioni, i nostri comportamenti e ci portano ad esaurire le energie, a sfiancarci, e quando sono troppi, quando non li affrontiamo questi diventano abbastanza forti da sopraffarci definitivamente.

“Prigioni, le Pene Collettive” di Sibaldi: Quando la Mente… Mente

0
prigioni

È passato molto tempo da quando tu e io eravamo liberi. Era addirittura prima del tempo – dato che, come vedremo, anche il tempo è una prigione.
Allora vivevamo, tu e io, senza farci insegnare nulla. Non ci sarebbe mai venuta l’idea che qualcuno avesse qualcosa da insegnare a qualcun altro. Avevamo soltanto una gran voglia di scoprire, e scoprire era semplice: bastava accorgersi. E non finiva mai.

prigioni

Inizia così il nuovo libro di Igor Sibaldi, “Prigioni, le pene collettive“, pubblicato da Anima Edizioni. Un percorso di esplorazione che, in perfetto stile “sibaldiano”, innesca domande diffidando delle risposte.